Corso di Religione

Sommario




Le scuole religiose vanno finanziate dallo stato?
Ricerca americana.

home

commenta




powered by FreeFind




Uno studio di studenti, genitori e insegnanti di scuole superiori musulmane svolto negli Stati Uniti trova una stretta identificazione con la società americana . Apprezzamento delle istituzioni per incoraggiare la riflessione critica su questioni di fede e società. fonte: (First Things, http://www.firstthings.com)

Charles L. Glenn della Boston University riferisce su uno studio condotto in sette scuole superiori per musulmani in diverse regioni del paese (che rappresentano un quarto di tutte le scuole superiori islamiche negli Stati Uniti; scuole più islamici sono a livello elementare), guardando in particolare il rapporto tra scuola e formazione morale tra i giovani.

Su First Things (aprile), Glenn scrive che gli studenti intervistati da lui e dai suoi colleghi hanno spesso parlato di tensioni intergenerazionali su come mettere in pratica l'Islam, con lo scontro spesso sopra l'importanza di mantenere tradizioni etniche e le pratiche culturali del loro paese di origine.

Gli studenti sono stati più propensi a valutare la pratica di una versione più pura e più autentica della loro religione.



Invece di puntare su una pratica di apprendimento meccanico, queste scuole musulmane hanno apertamente affrontato ciò che uno studente ha chiamato "la vita reale dell'Islam" e la sua connessione con l'etica e la morale.

Glenn scrive che la visione del mondo condivisa di queste scuole (come in altre scuole religiose) fornisce un "margine di sicurezza per la discussioni ad un livello più profondo che spesso non è possibile nelle scuole pubbliche".

I ricercatori hanno anche scoperto che tra gli studenti c'è una "quasi totale mancanza di interesse per la "terra di origine " ... In effetti, più di un genitore ha espresso la frustrazione che i loro figli stavano diventando "proprio come gli americani' ".

Glenn e gli altri ricercatori hanno scoperto che il personale della scuola ha fatto uno sforzo concertato per proteggere i loro studenti dalla" canzone-sirena del jihadismo ", con la somministrazione di lezioni "che servono come un profilattico contro il pericolo di diventare un mujahid (o jihadista) " .

Glenn ha concluso che la sua squadra non ha trovato "nulla da temere dalla influenza delle scuole islamiche sulla capacità dei giovani musulmani di dare contributi positivi alla società americana. Anche se essi sfidano alcuni aspetti della società americana , rimangono fermi nella lunga tradizione dei " principi riformatori fondati su convinzioni religiose ".

Il pensiero di Glenn.



Sommario

DISCLAIMER. Si ricorda - ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62 - che questo sito non ha scopi di lucro, è di sola lettura e non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare" : gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate. Non può essere in alcun modo ritenuto un periodico ai sensi delle leggi vigenti né una "pubblicazione"  strictu sensu. Alcuni testi e immagini sono reperiti dalla rete : preghiamo gli autori di comunicarci eventuali inesattezze nella citazione delle fonti o irregolarità nel loro  uso.Il contenuto del sito è sotto licenza Creative Commons Attribution 2.5 eccetto dove altrimenti dichiarato.