Corso di Religione

Sommario




La scienza conferma che la vita umana inizia al momento della fecondazione.

home



Dossiers-Migranti


commenta




powered by FreeFind



La scienza conferma che la vita umana inizia al momento della fecondazione, cioè al momento del concepimento, quando lo spermatozoo si fonde con la cellula uovo. source: Francesca Romana Poleggi https://www.notizieprovita.it

Recentemente in uno studio sullo sviluppo umano, The Developing Human: Clinically Oriented Embryology, i professori Keith Moore e Marco Torchia ribadiscono il dato di fatto:

lo sviluppo umano è un processo continuo che inizia quando un ovocita di una donna viene fecondato da uno spermatozoo di un maschio e formano una singola cellula, lo zigote.

Da questo momento in poi, l’individuo è sempre lo stesso. Si va sviluppando, ma resta sempre lui, non solo fino alla nascita, ma anche dopo , fino alla morte.

L’embrione, fin dall’inizio – da quando è una sola cellula, lo zigote, appunto – dirige la sua trasformazione come un “direttore d’orchestra” .


Un altro lavoro, quello di Marta N. Shahbazi et al., pubblicato su Nature va oltre: prova che

l’embrione decide autonomamente di svilupparsi, a prescindere dal fatto che sia impiantato nell’utero di una donna (gli embrioni assemblati e cresciuti in vitro ne sono la prova evidente).


Poi, certo, cerca di impiantarsi nell’utero materno perché ha una riserva limitata di energia: la madre gli serve per nutrirsi. Ma laddove si trovasse modo di nutrirlo artificialmente, quello crescerebbe comunque: non è un’escrescenza del corpo materno.

(stupisce che gli Autori non si interroghino, allora, se si sia legittima e morale la stessa fecondazione artificiale e la manipolazione degli embrioni).

Una quarantina pubblicazioni scientifiche sono dello stesso tenore. E, come potrete notare, molti di questi trattati parlano genericamente di ciò che accade nelle tube di Falloppio di ogni mammifero, essere umano o animale. Questo dato di fatto è ormai insuperabile. 

Non è la fede o la spiritualità infatti a ribadire che la vita umana, unica e irripetibile, inizia dal concepimento, ma la scienza, che tanti materialisti dei nostri giorni esaltano come una divinità.


La cultura della morte allora deve trovare modo di giustificare la soppressione dei bambini in grembo, la manipolazione degli embrioni ecc.

E  se non stiamo attenti ci fanno il lavaggio del cervello…
Tutte queste cose, infatti, servono nell’immediato a un business miliardario (aborto, contraccezione, fecondazione artificiale, utero in affitto, con tutto l’indotto connesso che coinvolge case farmaceutiche e aziende sanitarie) e a lungo termine servono alla distruzione dell’essere umano, che è lo scopo ultimo del nichilismo relativista.

A tal fine si insinua o si dice in più modi e da più parti che “è vita, ma non è persona”.

Da un punto di vista scientifico abbiamo spiegato che uno zigote non è semplicemente una cellula viva, ma un organismo che ‘pensa’, si organizza e si sviluppa secondo un
progetto ben definito: un embrione in evoluzione fin dalle prime ore è molto diverso da un “grumo di cellule” che si riproducono in un brodo di coltura. Lo paragonano a un “direttore di orchestra”!

Ma poi la neolingua parla di “ovuli fecondati” come fossero cose, omettendo il termine ’embrioni’, perché troppi associano l’idea di embrione al bambino.

(E non c’è da stupirsi se si considerano gli embrioni delle cose: ormai si vuol sdoganare anche la pratica della compravendita dei bambini…)

E filosofi e bioeticisti si affannano a spiegare che non tutte le vite umane sono degne di essere vissute e che non tutti gli esseri umani sono ‘persone’. Da ultimo il solito Peter Singer che nel  Journal of Practical Ethics  sostiene che un bambino Down è meno degno di vivere di tanti animali… Come se non bastasse, questi signori diffondono le loro idee dalle cattedre delle università più prestigiose del mondo.

Sul fronte del fine vita, si sta cercando di cambiare anche la definizione di morte: da dato biologico ( morte = assenza di vita) a dato sociologico (morte = assenza di capacità di relazionarsi). Anche questo serve per creare il ghetto delle “non -persone” che – in quanto tali – si possono sopprimere per motivi di semplice praticità e/o di convenienza economica.

Ma se accettiamo che in qualche modo degli esseri umani (o perché piccoli, o perché vecchi, o perché capaci/non capaci di fare qualcosa) possano essere considerati “non-persone”, avremo realizzato quegli scenari da incubo tipici dei romanzi distopici in cui l’oligarchia o il dittatore al potere deciderà arbitrariamente chi è e chi non è persona. La norma fondamentale, giuridica e sociale, sarà la legge del più forte e/o del più ricco.


Gli articoli sono coperti da Copyright - Omni Die srl - Via Ferdinando Magellano 38, 20900 - Monza - MB P.Iva 08001620965



Top





Sommario

DISCLAIMER. Si ricorda - ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62 - che questo sito non ha scopi di lucro, è di sola lettura e non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare" : gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate. Non può essere in alcun modo ritenuto un periodico ai sensi delle leggi vigenti né una "pubblicazione"  strictu sensu. Alcuni testi e immagini sono reperiti dalla rete : preghiamo gli autori di comunicarci eventuali inesattezze nella citazione delle fonti o irregolarità nel loro  uso.Il contenuto del sito è sotto licenza Creative Commons Attribution 2.5 eccetto dove altrimenti dichiarato.