rassegna stampa

Corso di Religione

Sommario




Eutanasia . Sara si è risvegliata dal coma. E ringrazia.

home



Dossiers-Migranti


commenta




powered by FreeFind



Il ddl che vorrebbe introdurre l’eutanasia in Italia è stato approvato la scorsa settimana alla Camera. Ora la discussione passa in Senato, dove le forze politiche prolife sono in numero maggiore e, di certo, altrettanto agguerrite quanto i 37 deputati che hanno avuto il coraggio di rigettare il disegno di legge in questione. source: https://www.notizieprovita.it

Non possiamo prenderci in giro circa la pericolosità di questa deriva di morte che sta calando la propria falce anche sull’Italia.

L’eutanasia è sbagliata: con la vita delle persone non si gioca. Privare una persona di acqua e di cibo non è un atto di civiltà; pretendere che una persona esprima in anticipo le proprie volontà rispetto a una malattia e a una situazione che non conosce è pura follia, ulteriormente aggravata nel caso in cui a decidere siano chiamati parenti o un fiduciario; pretendere che i medici si trasformino in boia pronti a dare la morte è una violazione della professionalità medica, oltre che della libertà di esercitare obiezione di coscienza.

Dopo aver promosso una conferenza stampa alla Camera, dando voce a diverse persone che si sono “risvegliate”, dopo aver diffuso volantini con Segway e con manifesti murali, dopo aver fatto un flashmob al Pantheon, ProVita Onlus ha ora prodotto un video-testimonianza che vede per protagonista Sara Virgilio, biologa risvegliatasi dal coma e grande innamorata della vita.



Il suo video sta spopolando sui social : chiara, semplice, essenziale… Sara va al cuore delle cose. La vita non è un bene disponibile. Se hai rischiato di perderla, capisci quanto vale e vuoi farlo sapere al mondo. Grazie, Sara!



Top





Sommario

DISCLAIMER. Si ricorda - ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62 - che questo sito non ha scopi di lucro, è di sola lettura e non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare" : gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate. Non può essere in alcun modo ritenuto un periodico ai sensi delle leggi vigenti né una "pubblicazione"  strictu sensu. Alcuni testi e immagini sono reperiti dalla rete : preghiamo gli autori di comunicarci eventuali inesattezze nella citazione delle fonti o irregolarità nel loro  uso.Il contenuto del sito è sotto licenza Creative Commons Attribution 2.5 eccetto dove altrimenti dichiarato.