Piccolo Corso Biblico

STORIA DELLA SALVEZZA

Introduzione. La salvezza.


    


powered by FreeFind





INDICE


La salvezza Nelle religioni si parla di salvezza per indicare il raggiungimento di una condizione di pienezza umana definitiva. Una condizione rivelata che viene annunciata e perseguita . Nella Grecia antica la salvezza era la liberazione dell'anima (considerata immortale per natura) dalla prigionia della carne, la liberazione dello spirito umano dalla materia tenebrosa.

Nell´ induismo la salvezza è la grazia dell'unione dell'Io umano con l'Io divino, l' Anima Libera ( jivan mukta) che vive nei Paradisi divini. . E' estinzione del karma ( l'insieme delle energie che hanno causato la nascita dell´individuo e che producono la rinascita ) cioè la liberazione dal ciclo delle rinascite , in definitiva dall'esistenza terrestre ( che è sempre sofferenza) .

Nel buddhismo la salvezza è la trasfigurazione in un buddha ( illuminato), che è affrancamento dalla sofferenza, superamento dell' Io simbolo di tutte le illusioni , supercoscienza dell'unica realtà, la ChiaraLuce ; estinzione del karma ( liberazione dal ciclo delle rinascite ) ; Nirvana .

Nel Taoismo la salvezza è la perfezione dell'essere nella Armonia Universale , trasmutazione in un essere immortale, Xian.

Nell'ebraismo e nell'islam la salvezza è l'uomo giudicato giusto da Dio e risorto nel Paradiso .

Etc.

La salvezza cristiana Dio ha creato tutto. Tutta la creazione è ricapitolata nell'uomo .

L'uomo è un essere dotato di vita ( bios) ma è mortale . Alla ragione tutto appare come un nonsenso: l'essere che ricapitola in sè tutta la creazione finisce in polvere.

Che senso ha la creazione divina? E' uno scherzo?

Gesù rivela in se stesso il senso della creazione : pienamente uomo egli ricapitola in sè la creazione , muore , ma , figlio di Dio e dotato di Vita dell'eterno, risorge come Uomo Definitivo.

La salvezza, in Gesù è il compimento nella perfezione della creazione in lui ricapitolata . L' Uomo Definitivo, creazione compiuta , salvezza dell'uomo mortale , si compie nella storia per l'azione di Gesù che gli dona la sua Vita , il suo Spirito che supera la morte Dice un adagio biblico:

Lu 9,25 Che giova all'uomo guadagnare il mondo intero,
se poi
si perde o rovina se stesso?
cioè fallisce il compimento del suo essere?

Ci chiediamo:
- chi è il Dio che Gesù ha rivelato?
- Quali promesse ha fatto all'uomo nella storia? 
- Che cosa fa Dio nella stotia e cosa deve l'uomo per essere salvato da Lui?
- Quando e come avviene il compimento del suo essere, la salvezza?
- Quali conseguenze ci sono per chi rifiuta di farsi salvare ?
- Quali opere ha compiuto Gesù per essere credibile come salvatore dell'uomo ?

etc.

Dio è Spirito che si è rivelato cioè ha fatto miracoli e prodigi a favore dell'umanità. La Bibbia Cristiana è la " biblioteca dei libri che narrano i fatti // miracoli di Dio, le rivelazioni di Dio , con parole che li interpretano, ne svelano i significati" . Narra una storia di cui i sapienti ( profeti , teologi, studiosi in genere ) hanno còlto il senso, un progetto .

E' la storia della rivelazione del Progetto Divino di salvezza per la creazione (gli uomini e l'universo intero); del compimento della creazione nella perfezione dell'Uomo Definitivo che la ricapitola in se stesso.

Tutta la storia è pertanto storia di salvezza , storia del compimento della creazione secondo il progetto, le promesse di Dio e storia della risposta degli uomini alla Sua azione salvifica.
Gli uomini tutti ( e quindi anche Israele) hanno sempre cercato risposte alle domande che li abitano, le domande fondamentali della vita , tutte le culture lo attestano.

Le risposte che Israele ha trovato nella sua storia di salvezza, nella rivelazione divina, le ha narrate ( gli antichi non facevano trattati ma narrazioni) e le ritroviamo nella sua Bibbia nella forma tipica delle culture antiche, i miti.

QUADRO GENERALE DELL'ANTICO TESTAMENTO ( versione cattolica) (Wikipedia)


Sinossi riassuntiva dei libri dell'Antico Testamento
Libro
(e sigla)
Lingua Capitoli e
versetti[3]
Composizione[4] Contenuto Periodo storico descritto[5]

Torah o Pentateuco

Genesi
(Gn o Gen)
ebraico 50
1.533
Stilato e rielaborato nel corso di 8 secoli dal XIII al V secolo a.C.
Redazione definitiva in Giudea nel V secolo a.C. su fonti precedenti (vedi Ipotesi documentale), già parzialmente redatte durante l'Esilio di Babilonia (587-539 a.C.)
1-11: "preistoria biblica" (creazione, peccato originale, diluvio universale);
12-24: storia di Abramo;
25-36: Storia di Isacco e Giacobbe-Israele;
37-50 Storia di Giuseppe
1850-1650 a.C. (?)
Esodo
(Es)
ebraico 40
1.213
1-14: soggiorno degli Ebrei in Egitto, schiavitù, liberazione tramite Mosè (Esodo);
15-40: soggiorno nel deserto del Sinai
1300-1250 a.C. (?)
Levitico
(Lv)
ebraico 27
859
Insieme di leggi religiose e sociali 1250 a.C.
Numeri
(Nm)
ebraico 36
1.288
Storia di Israele nel deserto 1250-1200 a.C. (?)
Deuteronomio
(Dt)
ebraico 34
959
Storia di Israele nel deserto e varie leggi religiose e sociali Attorno al 1200 a.C. (?)

Profeti anteriori o Libri storici

Giosuè
(Gs)
ebraico 24
658
Redazione definitiva in Giudea nel V secolo a.C. su fonti precedenti, in partico lare la fonte deutero nomista
parzialmente redatta nel VII-VI a.C.
(vedi Ipotesi documentale),
già parzialmente redatte
durante l'Esilio di Babilonia
(587-539 a.C.)
Storia della conquista della terra di Canaan (Palestina) da parte delle dodici tribù guidate da Giosuè Circa 1200-1150 a.C. (?)
Giudici
(Gdc)
ebraico 21
618
Storia delle dodici tribù in Canaan e dei Giudici, carismatici capi militari occasionali Circa 1150-1050 a.C. (?)
1 Samuele
(1Sam)
ebraico 31
810
Ministero profetico di Samuele; regno di Saul; gioventù di Davide Circa 1100-1004 a.C. (?)
2 Samuele
(2Sam)
ebraico 24
695
Regno di Davide Circa 1004-965 a.C. (?)
1 Re
(1Re)
ebraico 22
816
Morte di Davide; Salomone; scissione del Regno di Israele dal Regno di Giuda; ministero del profeta Elia (nel nord); vari re di Israele e Giuda Circa 965-850 a.C.
2 Re
(2Re)
ebraico 25
719
Ministero dei profeti Eliseo (nel nord) e Isaia (nel sud); vari re di Israele e Giuda; distruzione e deportazione del Regno di Israele e del Regno di Giuda Circa 850-587 a.C.

Profeti posteriori: Profeti maggiori

Isaia
(Is)
ebraico 66
1.292
Redazione definitiva in Giudea nel V secolo a.C. di oracoli precedenti di diversa datazione, proferiti in Giudea:
"Proto-Isaia" (cc. 1-39): ca. 740-700 a.C.;
"Deutero-Isaia" (cc. 40-55): 550-539 a.C.
"Trito-Isaia" (cc. 56-66): 537-520 a.C.
Proto-Isaia: fiducia in Dio, trascendente e fedele;
Deutero-Isaia: esortazione al popolo oppresso; il "Servo di YHWH";
Trito-Isaia: contro l'idolatria; conversione delle nazioni pagane
Circa 736-704 a.C.
Geremia
(Ger)
ebraico[6] 52
1.364
Redazione definitiva in Giudea nel V secolo a.C. di oracoli precedenti datati tra il 626-586 a.C. circa, proferiti nel Regno di Giuda Oracoli esortanti alla sottomissione a Babilonia Circa 627-585 a.C.
Ezechiele
(Ez)
ebraico 48
1.273
Redazione definitiva in Giudea nel V secolo a.C. di oracoli precedenti datati tra il 592-571 a.C. circa, proferiti nel Regno di Giuda e nell'Esilio di Babilonia Dio è sempre con il suo popolo anche se questo è in esilio a Babilonia, alla fine Israele sarà vittorioso e Gerusalem me e il tempio saranno ricostruiti Circa 593-571 a.C.

Profeti posteriori: Profeti minori o Dodici

Osea
(Os)
ebraico 14
197
Regno di Israele, circa 750-725 a.C. Amore di Dio per Israele, che però è infedele con l'idolatria. Annuncio del castigo per Efraim-Samaria (conquista assira) Prima parte dell'VIII secolo a.C.
Gioele
(Gl)
ebraico 3
73
Regno di Giuda, circa fine VII - inizio VI secolo a.C. (?) Calamità su Giuda, giorno del Signore, sconfitta dei nemici, salvezza di Giuda Fine del IX secolo a.C. (regno di Ioas di Giuda)
Amos
(Am)
ebraico 9
146
Regno di Giuda, circa 775-750 a.C. Invito alla preghiera, minaccia di castighi, esortazione alla speranza Prima parte dell'VIII secolo a.C. (regno di Geroboamo II d'Israele)
Abdia
(Abd)
ebraico 1
21
Giudea, poco dopo il 587 a.C. Oracoli contro Edom, rivincita finale degli Israeliti 587-586 a.C.
Giona
(Gio)
ebraico 4
48
Redazione definitiva in Giudea dopo l'Esilio di Babilonia (circa 530-500 a.C.) Predicazione di Giona a Ninive, invito alla conversione per tutti i popoli, non solo gli Ebrei Ambientato nella prima parte dell'VIII secolo a.C.
Michea
(Mic)
ebraico 7
105
Regno di Giuda, circa 750-697 a.C. oppure circa 725-680 a.C. Esortazione contro ingiustizia sociale, idolatria, annuncio di castigo, speranza messianica Fine del IX secolo a.C.
Naum
(Na)
ebraico 3
47
Regno di Giuda, in un periodo imprecisato tra il 663 e 612 a.C. Profetizza la conquista e distruzione di Ninive, capitale degli Assiri, minaccia degli Ebrei Inizio del VII secolo a.C. (dopo la caduta di Israele)
Abacuc
(Ab)
ebraico 3
56
Regno di Giuda, fine VII - inizio VI secolo a.C. Esortazione alla fedeltà a Dio nonostante le avversità Fine VII secolo a.C.
Sofonia
(Sof)
ebraico 3
53
Regno di Giuda, tra il 630-609 a.C. circa Esortazione agli Ebrei, giudizio delle nazioni, promessa di restaurazione Metà del VII secolo a.C.
Aggeo
(Ag)
ebraico 2
38
Giudea, 520 a.C. Esortazione a ricostruire il tempio di Gerusalemme, speranza messianica 520 a.C.
Zaccaria
(Zac)
ebraico 14
211
"Proto-Zaccaria" (cc. 1-8): oracoli proferiti in Giudea nel 520-518 a.C.;
"Deutero-Zaccaria" (cc. 9-14): redazione in Giudea circa 330-300 a.C. o II secolo a.C.
Proto-Zaccaria: esortazione alla ricostruzione del tempio di Gerusalemme, governo ideale sacerdote e principe, speranza messianica (in Zorobabele);
Deutero-Zaccaria: esaltazione del re-messia, il sacrificio di un "trafitto" dal quale deriva salvezza (riferito all'uccisione di Onia III o Simone Maccabeo)
Circa 500 a.C.
Malachia
(Mal)
ebraico 4
55
Giudea, circa 480-460 a.C. Esortazione al culto a Dio, contro l'infedeltà Circa 450 a.C.

Scritti

Salmi
(Sal)
ebraico 150
2461
Composizione estremamente variegata, redatta definitivamente in Giudea forse alla fine del III secolo a.C. 150 salmi (o inni) di vario genere: lodi, suppliche, meditazioni sapienziali
Proverbi
(Pr)
ebraico 31
915
Redazione definitiva in Giudea nel V secolo a.C. di materiale risalente all'XI-X secolo a.C. Vari proverbi e detti sapienziali -
Giobbe
(Gb)
ebraico 42
1070
Racconto poetica sapienziale risalente all'XI-X secolo a.C., con redazione definitiva (prologo ed epilogo) in Giudea verso il 575 a.C. Meditazione circa il perché Dio permette il male all'uomo giusto. Nucleo poetico antico: Dio è troppo distante dall'uomo perché questi possa capirlo e giudicarlo, speranza di un "redentore" che riscatterà il male. Epilogo tardivo: Dio retribuisce in terra il male subito dal giusto -
Cantico dei cantici
(Ct)
ebraico 8
117
Redazione definitiva in Giudea nel V o III secolo a.C. con qualche testo più antico (forse X secolo a.C.) Poemi in forma dialogica tra un uomo (anonimo) e una donna ("Sulammita") -
Libro di Rut
(Rt)
ebraico 4
85
Giudea, V secolo a.C. Romanzo descrivente la vita di Rut, non ebrea, modello di pietà e nonna del futuro Re Davide Ambientato nell'XI secolo a.C.
Lamentazioni
(Lam)
ebraico 5
154
Giudea, poco dopo la distruzione di Gerusalemme (587 a.C.) Inni poetici descriventi la desolazione di Gerusalemme distrutta, castigo per i peccati -
Qoelet o Ecclesiaste
(Qo o Ecc)
ebraico 12
222
Giudea, III secolo a.C. Considerazione pessimiste sulla vita -
Ester
(Est)
ebraico[7] 10
167
Mesopotamia (Babilonia?), fine II secolo a.C. L'ebrea Ester, figlia di Mardocheo, diventa moglie del re persiano Assuero e salva il popolo ebraico dai complotti del malvagio Aman Ambientato nel 485 a.C. (o 464 a.C.)
Daniele
(Dan)
ebraico e aramaico[8][9] 12
357
Giudea, attorno al 164 a.C. Vicende del saggio ebreo Daniele che rimane fedele a Dio, visioni apocalittiche preannuncianti il Figlio dell'Uomo-Messia ebreo e il regno di Dio Ambientato nell'esilio di Babilonia (587-538 a.C.)
Esdra
(Esd)
ebraico e aramaico[10] 10
280
Giudea, fine IV - metà III secolo a.C. cc. 1-6: ritorno dall'esilio di Babilonia, ricostruzione del tempio;
cc. 7-10: attività riformatrice di Esdra a Gerusalemme, riforma religiosa
1-6: 538-515 a.C.;
7-10: dal 398 a.C. (?)
Neemia
(Ne)
ebraico 13
406
Giudea, fine IV - metà III secolo a.C. Attività riformatrice di Neemia a Gerusalemme, ricostruzione delle mura 445-432 a.C.
1 Cronache
(1Cr)
ebraico 29
942
Giudea, tra il 330-250 a.C. 1-9: genealogie da Adamo a Davide
10-29: regno di Davide
Dalla creazione alla morte di Davide, circa 970 a.C.
2 Cronache
(2Cr)
ebraico 36
822
Giudea, tra il 330-250 a.C. 1-9: regno di Salomone
10-36: regno di Giuda, distruzione, esilio, ritorno
Dal 970 circa al 538 a.C.

Deuterocanonici

Ester
(Est)
greco 10
260
Egitto (forse Alessandria), circa 114-113 a.C. (o 48-47 a.C.) Come il Libro di Ester ebraico con alcune aggiunte di carattere meraviglioso-miracoloso Ambientato nel 485 a.C. (o 464 a.C.)
Giuditta
(Gdt)
greco (su prototesto ebraico perduto) 16
340
Giudea, fine II secolo a.C. (testo ebraico di metà II secolo a.C.) La città giudea di Betulia è sotto assedio da parte di Oloferne, generale assiro, e viene liberata grazie all'ebrea Giuditta Ambientato al tempo di Nabucodonosor (605-562 a.C.), "re degli Assiri" [sic]
Tobia
(Tb)
greco (su prototesto aramaico perduto) 14
249
Giudea, circa 200 a.C. Tobi, un pio ebreo deportato dagli Assiri, diventa cieco. Il figlio Tobia compie un viaggio e lo guarisce con l'aiuto di Raffaele Ambientato nell'VIII-VII secolo a.C.
1 Maccabei
(1Mac)
greco (su prototesto ebraico perduto) 16
Giudea, circa 100 a.C. Descrive la lotta per l'indipendenza della Giudea dei fratelli Maccabei (Giuda, Gionata, Simone) contro i re seleucidi Dal 332 a.C. al 134 a.C.
2 Maccabei
(2Mac)
greco 15
Riassunto composto poco dopo al 124 a.C. forse ad Alessandria d'Egitto di un'opera di Giasone di Cirene, di poco dopo il 160 a.C. Descrive la lotta per l'indipendenza della Giudea di Giuda Maccabeo contro i re seleucidi Dal 180 a.C. al 161 a.C.
Sapienza
(Sap)
greco 19
Alessandria d'Egitto, tra il 20 a.C. e il 38 d.C. (dal biblista G. Scarpat). Scritto da Filone o da un filoniano-alessandrino. Esaltazione della Sapienza divina Ultimo Libro dell'Antico Testamento

Descrive alcuni eventi di Caligola: le statue del dio imperatore nei luoghi di culto.

Siracide
(Sir)
greco (su prototesto ebraico perduto e poi in parte ritrovato) 51 Composto in ebraico circa nel 180 a.C. a Gerusalemme da "Giosuè figlio di Sirach", tradotto in greco dal nipote poco dopo il 132 a.C. Sintesi della religione tradizionale e della sapienza comune -
Baruc
(Bar)
greco 5 1,1-3,8: forse Antiochia, forse poco dopo il 164 a.C.;
3,9-4,4: II secolo a.C.;
4,5-5,9: seconda metà II secolo a.C.
1,1-14: introduzione storica pseudoepigrafa;
1,15-3,8: preghiera penitenziale;
3,9-4,4: meditazione della Sapienza;
4,5-5,9: esortazione e consolazione di Gerusalemme
Incipit pseudoepigrafo ambientato nel 582 a.C.
Lettera di Geremia
(Let-ger o Bar 6)
greco 1
72
Giudea, fine II secolo a.C. Contro l'idolatria -
Aggiunte a Daniele greco (forse su prototesto ebraico perduto) - Alessandria, metà del II secolo a.C. 3: Preghiera di Azaria e Cantico dei tre giovani nella fornace;
13: Storia di Susanna;
14: Bel e il Drago






top




home

DISCLAIMER. Si ricorda - ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62 - che questo sito non ha scopi di lucro, è di sola lettura e non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare" : gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate. Non può essere in alcun modo ritenuto un periodico ai sensi delle leggi vigenti né una "pubblicazione"  strictu sensu. Alcuni testi e immagini sono reperiti dalla rete : preghiamo gli autori di comunicarci eventuali inesattezze nella citazione delle fonti o irregolarità nel loro  uso.Il contenuto del sito è sotto licenza Creative Commons Attribution 2.5 eccetto dove altrimenti dichiarato. Navigando nel sito se ne accetta la   PRIVACY POLICY