Piccolo Corso Biblico

Promemoria della Buona Notizia.

L'INIZIAZIONE AL NUOVO
LA CONFERMAZIONE
L'EUCARESTIA

Pag. 3
    1         2         3        4        5


home

Commenta




powered by FreeFind


Cerca nella Bibbia






La CONFERMAZIONE o NUOVA PENTECOSTE Mc 16,16 Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato
giungerà a compimento come UOMO DEFINITIVO
ma
chi non crederà
non sarà battezzato e
sarà condannato
.
dalla sua stessa scelta di rifiuto della VITA . Rimarrà nel regno della morte.

Con il battesimo il catecumeno è NUOVO CORPO , CORPO CELESTE, SPIRITUALE, INCORPORATO IN GESU' E NELLA CHIESA" , NUOVA CREATURA, FIGLIO DI DIO, INIZIATO AL COMPIMENTO DEL SUO ESSERE

L'iniziazione cristiana non è compiuta: il battezzato, Figlio di Dio, l'UOMO , fratello di Gesù, è necessario che diventi DIMORA DELLA TRINITA'.
Mt 3,11 [ Giovanni : ] Io vi battezzo nell'acqua per la conversione ; ma colui che viene dopo di me è più forte di me e io non sono degno di portargli i sandali; egli vi battezzerà in Spirito Santo // e Fuoco.

CAT UNIV.CHIESA CATTOLICA
797..( lo Spirito infuso) è ... la confermazione della nostra fede

1241 L' unzione con il sacro crisma, olio profumato consacrato dal vescovo, significa il dono dello Spirito Santo elargito al nuovo battezzato. Egli è divenuto un cristiano, ossia “unto” di Spirito Santo, incorporato a Cristo, che è unto sacerdote, profeta e re.

Lo SPIRITO ricevuto nella Parola ( catecumeno) e nella "partecipazione alla natura divina" ( battezzato) ora compie una " fusione" tra natura umana e natura divina , le " nozze eterne". L'annuncio :

Mt 22,9 andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze» Mt 25,6 A mezzanotte si alzò un grido: «Ecco lo sposo! Andategli incontro!»Gesù è per natura uomoDio: in Lui natura umana e natura divina sono "fuse", " sposate", fin dal concepimento. Lui è la VITA, lo SPIRITO, la VIA, la VERITA' , la DIMORA DEL PADRE,LA RISURREZIONE, etc. Per natura.

Lc 3, 21Ed ecco, mentre tutto il popolo veniva battezzato [ da Giovanni ] e Gesù, ricevuto anche lui il battesimo [ di Giovanni ], stava in preghiera, il cielo si aprì 22e discese sopra di lui lo Spirito Santo in forma corporea, come una colomba, e venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l'amato: in te ho posto il mio compiacimento»

Nella sua missione terrestre cammina " guidato dallo Spirito" //" mosso dallo Spirito", gli viene naturale.

Lc 4,1 Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano ed era guidato dallo Spirito

La promessa ai suoi :

At 1,8 riceverete la forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi, e di me sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samaria e fino ai confini della terra».
At 2, 1ss narra la Prima Pentecoste cristiana.

Lo Spirito si manifesta come FUOCO, ciò che serve per la "fusione". At 8, 14 gli apostoli, a Gerusalemme, seppero che la Samaria aveva accolto la parola di Dio e inviarono a loro Pietro e Giovanni. 15Essi scesero e pregarono per loro perché ricevessero lo Spirito Santo; 16non era infatti ancora disceso sopra nessuno di loro, ma erano stati soltanto battezzati [in acqua ] nel nome del Signore Gesù. 17Allora imponevano loro le mani e quelli ricevevano lo Spirito Santo.
Dopo la prima Pentecoste gli apostoli somministravano sia il battesimo in acqua che l'infusione dello Spirito con l'imposizione delle mani.Gv 14,23 rispose Gesù: «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui.
Ef 2,20 Così dunque voi non siete più stranieri né ospiti, ma
battezzati
siete concittadini dei santi e familiari di Dio,
figli di Dio
edificati sopra il fondamento degli apostoli e dei profeti, avendo come pietra d'angolo lo stesso Cristo Gesù.
21 In lui tutta la costruzione cresce ben ordinata per essere tempio santo nel Signore; 22 in Lui anche voi venite edificati insieme per diventare abitazione di Dio per mezzo dello SpiritoLc 11,13 Se voi dunque, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro del cielo darà lo Spirito Santo a quelli che glielo chiedono!»

La NUOVA PENTECOSTE è l' effusone dello Spirito nel battezzato per farlo " tempio, dimora, abitazione della Trinità".Ap 22,17 Lo Spirito e la sposa dicono: «Vieni!». E chi ascolta, ripeta: «Vieni!». Chi ha sete, venga; chi vuole, prenda gratuitamente l'acqua della vita.
Gv 7, 38Come dice la Scrittura: Dal suo grembo sgorgheranno fiumi di Acqua Viva». 39Questo egli disse dello Spirito che avrebbero ricevuto i credenti in lui:

La confermazione : il battezzato diventa tempio del Signore, abitazione di Dio , dimora del Padre e di Gesù, tempio dello Spirito ...CONC. VAT. II
LUMEN GENTIUM 11
Col sacramento della confermazione vengono vincolati più perfettamente alla Chiesa, sono arricchiti di una speciale forza dallo Spirito Santo e in questo modo sono più strettamente obbligati a diffondere e a difendere la fede con la parola e con l'opera, come veri testimoni di Cristo.


La Chiesa cattolica amministra la Nuova Pentecoste attraverso l'unzione del battezzato con olio( sacro crisma).

CAT.UNIV.CHIESA CATTOLICA
695 L'unzione.
Il simbolismo dell'unzione con l'olio è talmente significativa dello Spirito Santo da divenirne il sinonimo [Cf 1Gv 2,20; 1Gv 2,27; 2Cor 1,21 ].

Nell'iniziazione cristiana essa è il segno sacramentale della Confermazione, chiamata giustamente nelle Chiese d'Oriente “Crismazione”.
Ma per coglierne tutta la forza, bisogna tornare alla prima unzione compiuta dallo Spirito Santo: quella di Gesù. Cristo [“Messia”, in ebraico] significa “Unto” dallo Spirito di Dio. Nell'Antica Alleanza ci sono stati degli “unti” del Signore, [Cf Es 30,22-32 ] primo fra tutti il re Davide [Cf 1Sam 16,13 ]. Ma Gesù è l'Unto di Dio in una maniera unica: l'umanità che il Figlio assume è totalmente “unta di Spirito Santo”. Gesù è costituito “Cristo” dallo Spirito Santo [Cf Lc 4,18-19; Is 61,1 ]. La Vergine Maria concepisce Cristo per opera dello Spirito Santo, il quale, attraverso l'angelo, lo annunzia come Cristo fin dalla nascita [Cf Lc 2,11 ] e spinge Simeone ad andare al Tempio per vedere il Cristo del Signore; [Cf Lc 2,26-27 ] è lui che ricolma Cristo, [Cf Lc 4,1 ] è sua la forza che esce da Cristo negli atti di guarigione e di risanamento [Cf Lc 6,19; 695 Lc 8,46 ]. E' lui, infine, che risuscita Cristo dai morti [Cf Rm 1,4; Rm 8,11 ]. Allora, costituito pienamente “Cristo” nella sua Umanità vittoriosa della morte, [Cf At 2,36 ]

Gesù effonde a profusione lo Spirito Santo, finché “i santi” costituiranno, nella loro unione all'Umanità del Figlio di Dio, l'“Uomo perfetto, nella misura che conviene alla piena maturità di Cristo” ( Ef 4,13 ): “il Cristo totale”, secondo l'espressione di sant'Agostino. 696 Il fuoco. Mentre l'acqua significava la nascita e la fecondità della Vita donata nello Spirito Santo,

il fuoco simbolizza l'energia trasformante degli atti dello Spirito Santo.
L'EUCARESTIA CIBO CELESTE PER IL NUOVO CORPO CELESTE DELL'UOMOCONC.VAT. II LUMEN GENTIUM
5 ...i fedeli, già segnati dal sacro battesimo e dalla confermazione, ricevendo l'eucarestia trovano il loro pieno inserimento nel corpo di Cristo.Avverte Gesù :

Gv 6,53 Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell'uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la Vita.

Gv 6,54 Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la Vta eterna e io lo risusciterò nell'ultimo giorno.

Gv 6,33 Infatti il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la Vita al mondo».
Gv 6,35 Gesù rispose loro:
«Io sono il pane della Vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!
Gv 6,51 Io sono il pane vivo, disceso dal cielo.
Se uno mangia di questo pane Vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la Vita del mondo».
Gv 6,53 Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico:
se non mangiate la carne del Figlio dell'uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la Vita.
Gv 6,27 Datevi da fare non per il cibo che non dura, ma per
il cibo che rimane per la Vita eterna e che il Figlio dell'uomo vi darà. Perché su di lui il Padre, Dio, ha messo il suo sigillo»

Chi crede in Lui mangia di Lui, ed ha in sè stesso la Vita che supera la morte . Vivendo fedelmente questa Vita sarà Uomo Compiuto che supererà la morte come Gesù e sarà Uomo Definitivo.1Gv 5,9 la testimonianza di Dio è quella che egli ha reso al Figlio suo.
Gv 5,21 Come il Padre
risuscita i morti e dà la Vita, così anche il Figlio dà la Vita a chi egli vuole
1Gv 5,10 Chi crede nel Figlio di Dio ha questa testimonianza in sé; 11 E la testimonianza è questa: Dio ci ha dato la Vita eterna, e questa Vita è nel Figlio suo. 12 Chi ha il Figlio ha la Vita; chi non ha il Figlio di Dio, non ha la Vita e chi non crede a Dio, lo fa bugiardo, perché non crede alla testimonianza che Dio ha resa al proprio Figlio.

Eucarestia sacrificio vivente
Rm 12,1 Vi esorto dunque, fratelli, per la misericordia di Dio, a offrire i vostri corpi come sacrificio vivente, santo e gradito a Dio; è questo il vostro culto spirituale.
Il culto eucarstico è il DARE. Il Nuovo Corpo Spirituale dell'UOMO è DATO per DARE. DARE la propria vita//esistenza attiva alla PACE, la Felicità ( di una esistenza liberata dalla morte ) di tutti.Mt 5,9 Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio.
Se il servizio cristiano ai poveri fosse -nella Chiesa- un fatto semplicemente umano , allora nulla la differenzierebbe da qualsiasi altra associazione di solidarietà e di volontariato. I “tre pani di VITA” : Parola di Dio, eucaristia e servizio ai fratelli , sono DATI da LUI all'UOMO per "DARLI" .

I tre pani di VITA sono "DATI" dall'UOMO ai bisognosi "tutti e tre insieme" e questo differenza la Chiesa di Gesù da una qualsiasi ONG.

Passare dalla morte alla Vita . E Viverla.
LA CARITA', DARE
Lc 6,32 Se amate quelli che vi amano, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori amano quelli che li amano. Lc 6,33 E se fate del bene a coloro che fanno del bene a voi, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori fanno lo stesso. Lc 6,34 E se prestate a coloro da cui sperate ricevere, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori concedono prestiti ai peccatori per riceverne altrettanto.


Gesù risorto è la piena rivelazione di DIO.


Gv 14,9 Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: «Mostraci il Padre»?

Gesù risorto è la piena rivelazione dell'UOMO. At 26,23 il Cristo .. primo tra i risorti da morte, avrebbe annunciato la Luce al popolo e alle genti»
ai giudei ed a tutti i popoli

L'UOMO ha lo Spirito, già Vive la Vita eterna e questa gli permette di superare la morte, come Gesù.
Col 2,12 con lui sepolti nel battesimo, con lui siete anche risorti mediante la fede nella potenza di Dio, che lo ha risuscitato dai morti. Col 3,1 Se dunque siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove è Cristo, seduto alla destra di Dio;

Risorti nel battesimo i cristiani Vivono già la Vita eterna . Questo Vivere è lo stesso Vivere di Gesù, l'UOMO DEFINITIVO che con la sua Vita rivela Dio.

E Dio è Amore divino, Carità.
1Gv 3,14 Noi sappiamo che siamo passati dalla morte alla Vita,perché amiamo i fratelli .......
Chi non ama rimane nella morte.

Gv 13,34 Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri.
Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri.
Gv 15,12 Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri
come io ho amato voi.

Gesù è Figlio di Dio perchè assomiglia a Lui, Ama come Dio. I cristiani, risorti con Gesù, sono Suoi Figli perchè come Gesù, Vivono assomigliando al Padre :Amano come Lui. 1Gv 4,16 E noi abbiamo conosciuto e creduto l'amore che Dio ha in noi.
Dio è amore; chi rimane nell'amore rimane in Dio e Dio rimane in lui.
1Gv 4,8 Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore.
1Gv 3,14 Noi sappiamo che siamo passati dalla morte alla Vita, perché amiamo i fratelli.
Chi non ama rimane nella morte.


Gv1,10 Era nel mondo e il mondo è stato fatto per mezzo di lui; eppure il mondo non lo ha riconosciuto. 11Venne fra i suoi, e i suoi non lo hanno accolto.
12
A quanti però lo hanno accolto ha dato potere di diventare figli di Dio:
a
quelli che credono nel suo nome,
13i quali, non da sangue né da volere di carne né da volere di uomo,
ma
da Dio sono stati generati.
nelle nozze dello Spirito con la materia

Chi accoglie in sè la Vita di Gesù diventa un figlio adottivo di Dio, UOMO mosso dallo stesso Spirito , che tende ad assomigliare al Padre. Il Figlio di Dio Ama con l'Amore di Dio , un Amore che potenzia quello umano e che nelle scritture è chiamato Agape comunemente tradotto con Carità. Il samaritano che soccorre l'uomo derubato dai briganti ( Lc 10, 29 ss ) è l'unico al quale Gesù applica il verbo avere compassione, espressione che viene usata per indicare l'atteggiamento di Dio . Nel vangelo di Luca questo verbo ricompare unicamente nell’episodio della rianimazione del figlio della vedova di Nain ( 7,13) e nella parabola dell’amore del padre (nota come il "figliol prodigo" 15,20 ). In entrambi i casi si tratta di restituire vita a un morto , di farlo passare dalla morte alla vita.

(“questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato” Lc 15,32).

-- Nei gesti del samaritano l'evangelista Giovanni vede Gesù che racconta l'atteggiamento di Dio . Il Dio che rivela Gesù :
- ha compassione per tutti
- si fa prossimo di chiunque si trova in condizioni di necessità.
- il bene del malcapitato è più importante del proprio, fino a dare la propria vita

Dio vuole dare la sua Vita ai suoi figli "morti " , vuole dare la Sua Vita, lo Spirito, a tutte le sue creature ( figli) dando loro la condizione divina, adottandoli cioè come Figli, affinchè si compiano come Uomini e superino la morte, risorgano definitivi.

Compiersi come UOMINI
1Gv3, 2Carissimi,
noi fin d'ora siamo figli di Dio, ma ciò che saremo non è stato ancora rivelato.
Sappiamo però che quando egli si sarà manifestato,
qui Paolo pensa ancora come un giudeo-fariseo che attende una manifestazione gloriosa e planetaria di Gesù come Cristo ( messia) Re dei Giudei e del mondo. In realtà la chiesa capirà che questa manifestazione gloriosa è già avvenuta sulla croce, nel momento in cui muore-risorge e rende il Suo Spirito-Vita al mondo.
noi saremo simili a lui,
avremo lo Spirito come Lui
perché
lo vedremo così come egli è.
[Uomo-Dio compiuto e definitivo ]

Chi riceve da Gesù la Sua Vita-Spirito , il cristiano, vede Gesù così come Egli è, UOMO COMPIUTO E DEFINITIVO e come Figlio adottivo di Dio si vede chiamato a compiersi come UOMO DEFINITIVO. Dice infatti Matteo:

Mt 5,48-48 Siate voi
[ Figli di Dio adottiivi]
dunque perfetti
[ compiuti]
come
è perfetto
[ compiuto , definitivo, immutabile , eterno ]
il Padre vostro celeste.


Chi accoglie Gesù riceve da Lui la piena partecipazione, la piena unione e comunicazione ( comunione ) con la sua persona , il suo Spirito .  La comunione con Gesù chiama il cristiano a farsi trasformare dallo Spirito per diventare sempre più simile a Lui ( un Figlio ). L'Uomo si compie Amando, Vivendo la Vita che ha in sè e che è Carità , fino ad essere un Uomo Compiuto. L' azione dello Spirito di Gesù che compie l'UOMO vene tradizionalmente chiamata " santificazione ". ... 1Tess 5, 23 Il Dio della pace vi santifichi fino alla perfezione
perfezione : compimento del vostro essere , essere - come Lui- Uomini Compiuti
e tutto quello che è vostro, // spirito, anima e corpo, si conservi irreprensibile per la venuta del Signore nostro Gesù Cristo .
qui la venuta di Gesù indica l'attesa giudaica paolina di una imminente venuta di Gesù-messia trionfatore per la fine del mondo e l'inaugurazione dell'Israele definitivo ... irreprensibile indica in realtà la perseveranza nella fede in Gesù ( unica "opera" richiesta da Dio all'uomo) fino alla morte ; questo significa essere Viventi nello Spirito di Gesù fino alla morte , che rende l'Uomo Compiuto ,attraverso la risurrezione, UOMO COMPIUTO E DEFINITIVO.

24 Colui che vi chiama
Gesù chiama attraverso l'azione evangelizzatrice dei suoi inviati// apostoli
è fedele //
e farà  tutto questo!
Gesù compie l'UOMO attraverso dell'azione de Suo Spirito in lui.

La santificazione o Vivificazione o compimento dell'UOMO è opera di Gesù ma quest'opera non può compiersi senza la libera e piena adesione e collaborazione umana. L'uomo è chiamato dallo Spirito a perseverare nella fede//opere fino alla perfezione e fino alla morte. Il Progetto creatore di Dio non è quello di fare un uomo che ricapitoli tutto il creato in se stesso e sia poi destinato alla morte/decreazione . Ma l'uomo non ha per natura, in se stesso, la Vita eterna.

1Cor 15,50 Vi dico questo, o fratelli: carne e sangue non possono ereditare il regno di Dio,
[ la natura umana non ha in se stessa lo Spirito di Dio, la Sua Vita, la Vita che supera la morte ]
// né ciò che si corrompe
[ la natura umana ] può ereditare l'incorruttibilità.
come fosse un suo automatismo implicito.

La buona Notizia è che

Ef1,4 In lui ci ha scelti prima della creazione del mondo, per essere al suo cospetto santi //e perfetti nella carità 6 secondo il suo benevolo disegno di salvezza.

L'uomo può avere gratuitamente la Vita eterna da Gesù, diventare UOMO e, Vivendo in essa, compiersi e superare la morte risorgendo come UOMO DEFINITIVO. La morte è solo un evento biologico dell'essere umano : in essa però si manifesta - se c'è, cioè se l' uomo è diventato UOMO ed ha perseverato nella fede - la Vita dell'eterno che lo risorge nella sua condizione compiuta, definitiva.

Non esiste interruzione (morte) , nella Vita. Gv 10,34 Disse loro Gesù: «Non è forse scritto nella vostra Legge: Io ho detto: voi siete dèi?
1Cor 15,55 Dov'è, o morte, la tua vittoria? Dov'è, o morte, il tuo pungiglione?



Il Regno di Dio
Cat. Univ. Chiesa Catt. 953
La comunione della carità.
Nella “comunione dei santi” “nessuno di noi vive per se stesso e nessuno muore per se stesso” ( Rm 14,7 ). “Se un membro soffre, tutte le membra soffrono insieme; e se un membro è onorato, tutte le membra gioiscono con lui. Ora voi siete corpo di Cristo e sue membra, ciascuno per la sua parte” ( 1Cor 12,26-27 ). “La carità non cerca il suo interesse” ( 1Cor 13,5 ) [Cf 1Cor 10,24 ]. Il più piccolo dei nostri atti compiuto nella carità ha ripercussioni benefiche per tutti, in forza di questa solidarietà con tutti gli uomini, vivi o morti, solidarietà che si fonda sulla comunione dei santi.
Ogni peccato nuoce a questa comunione.

Chi viene adottato da Dio come Fglio , è introdotto nella comunità dei discepoli di Gesù .

La figliolanza divina dei discepoli si manifesta nella comunità della carità come Vita che genera beatitudine .


Liberi dal dominio del demoniaco e della morte i Figli di Dio Vivono in comunione di Spirito con Dio e fra loro , compiono il loro essere nella Carità

In questo si manifesta la liberazione/salvezza ricevuta da Gesù.

Gv 13,35 Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli:
se avete amore gli uni per gli altri».

L'Uomo continua a vivere nella tribolazione della storia ma non teme più la morte. Ha in sè la Vita che supera la morte , è LIBERO. Così l'UOMO abbraccia con gioia la croce dell'annuncio e realizzazione dell'UOMO in ogni uomo perchè tutti partecipino già nella storia della comunità degli UOMINI, la Chiesa della carità per le beatitudini o Regno di Dio.

Gv 11,25 Gesù le disse: «Io sono la risurrezione // e la VITA [che supera la morte ]; chi crede in me, anche se muore, VIVRA';
L'iniziazione cristiana è immersione ( battesimo) nella disponibilità a rimanere fedeli alla missione che riceveranno, (il COMPITO dell'UOMO) anche nelle persecuzioni ingiuste ( bere il calice , la coppa della tribolazione) fino a DARE TUTTO, inclusa la vita.
Ap 22, v.14 Beati coloro che lavano le loro vesti per avere diritto all'albero della Vita e, attraverso le porte, entrare nella città santa [ la dimora di Dio con il suo popolo , la sua Sposa ]

Coloro che , avendo in se stessi la VITA, produrranno i frutti della redenzione operata da Gesù, alla loro morte risorgeranno per cibarsi dell’Albero della Vita cioè la Conoscenza della piena intimità con la Trinità.

La veste lavata è la veste nuziale ricevuta nel battesimo. Occorre mantenerla bianca configurandosi a Gesù . Il lavaggio delle vesti indica la piena configurazione a Gesù , - l'UOMO COMPIUTO- e l'accettazione della croce dell annuncio-testimonianza del Vangelo dell' UOMO.

15 Fuori i cani, i maghi, gli immorali, gli omicidi, gli idolatri e chiunque ama e pratica la menzogna

"cani” era l’epiteto che gli ebrei davano ai pagani e indicava gli infedeli.

Chi pratica la menzogna , cioè rifiuta Gesù, anche se ha ricevuto i sacramenti cristiani "non eredita il Regno di Dio" perchè di fatto, non Vivendo la VITA, la rifiuta .

top


 
PROMEMORIA DELLA BUONA NOTIZIA

L'INIZIAZIONE AL NUOVO
LA CONFERMAZIONE
L'EUCARESTIA

Pag.   3
    1         2         3        4        5

home



DISCLAIMER. Si ricorda - ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62 - che questo sito non ha scopi di lucro, è di sola lettura e non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare" : gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate. Non può essere in alcun modo ritenuto un periodico ai sensi delle leggi vigenti né una "pubblicazione"  strictu sensu. Alcuni testi e immagini sono reperiti dalla rete : preghiamo gli autori di comunicarci eventuali inesattezze nella citazione delle fonti o irregolarità nel loro  uso.Il contenuto del sito è     sotto licenza Creative Commons Attribution 2.5 eccetto dove altrimenti dichiarato. Navigando nel sito se ne accetta la   PRIVACY POLICY