Piccolo Corso Biblico

Pag.  4
1    2    3   4   5   6   7   8   9   10   

Fede e opere.
Fede e ATTO del DARE. La Misura .
Il NUOVO: annuncio
o REALTA' ?
Religione e FEDE(* Coll.68) Ogni cattedrale diventa una tomba se il Verbo vi è soltanto annunciato. Dopo il MESSAGGIO DI GIOIA , che venga la REALTA'. Se non venisse, Colui che l'ha annunciata sarebbe un impostore. 1Gv 4,10 In questo sta l'amore: non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi
cercare Dio non serve ; l'ascesi non serve : è LUI che cerca l'uomo perchè lo Ama
// e ha mandato il suo Figlio come vittima di espiazione per i nostri peccati.
L'azione di Gesù è analoga a quella delle vittime sacrificali del Tempio, mentre quelle in realtà era solo inutile spargimento di sangue la morte in cui Gesù rende , effonde lo Spirito , iriscatta il credente dalla morte rendendolo UOMO , dimora dello Spirito , così i peccati sono cancellati ( espiati)
11 Carissimi,
se Dio ci ha amato, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri. 12 Nessuno mai ha visto Dio; se ci amiamo gli uni gli altri, Dio rimane in noi e l'amore di lui è perfetto in noi. 13 Da questo si conosce che noi rimaniamo in lui ed egli in noi: egli ci ha fatto dono del suo Spirito.
Il segno cheil credente ha accolto lo Spirito, la NUOVA IMMACOLATA CONCEZIONE nella NUOVA PENTECOSTE è la Carità che egli mette in circolazione nella Comunità per le beatitudini

16 Noi
abbiamo riconosciuto e creduto all'amore che Dio ha per noi. Dio è amore; chi sta nell'amore dimora in Dio e Dio dimora in lui. 18 Nell'amore non c'è timore, al contrario l'amore perfetto scaccia il timore,
il timore di un giudizio divino di condanna non ha posto nella Comunione di Spirito//Vita
perchè il timore suppone un castigo e
chi teme non è perfetto nell'amore.
è ancora nel timore della religione ,il timore di una legge che presuppone un giudizio ed una sentenza. Non si diventa perfetti, l'UOMO non si compie nel timore
19 Noi amiamo, perchè egli ci ha amati per primo. 17 Per questo l'amore ha raggiunto in noi la sua perfezione,
la Carità irradiata porta il catecumeno che è divenuto UOMO generato dallo Spirito alla perfezione cioè al compimento di sè che nella morte lo risorge UOMO DEFINITIVO
perchè
abbiamo fiducia nel giorno del giudizio ;
il giorno del giudizio è quello che nella morte biologica avviene davanti all' UOMO DEFINITIVO GESU' in cui l'UOMO COMPIUTO avendo in sè la VITA //SPIRITO //CARITA' radiante non riceve sentenza di condanna ma lo supera risorgendo UOMO DEFINITIVO
perchè come è lui, cosà siamo anche noi, in questo mondo.20 Se uno dicesse: «Io amo Dio », e odiasse il suo fratello, è un mentitore.
Chi infatti non ama il proprio fratello che vede, non può amare Dio che non vede. 21 Questo è il comandamento che abbiamo da lui: chi ama Dio, ami anche il suo fratello.
1Gv 3,16 Da questo abbiamo conosciuto l'amore:
Egli ha dato la sua vita per noi; quindi anche noi dobbiamo dare la vita per i fratelli.17 Ma se uno ha ricchezze di questo mondo e vedendo il suo fratello in necessità  gli chiude il proprio cuore, come dimora in lui l'amore di Dio?
18 Figlioli, non amiamo a parole nè con la lingua, ma coi fatti e nella verità . 19 Da questo conosceremo che siamo nati dalla verità  e davanti a lui rassicureremo il nostro cuore 20 qualunque cosa esso ci rimproveri. FEDE E ATTO. In Gesù, l'UOMO COMPIUTO , FEDE e ATTO sono UNO. Non c’è Atto che sia Creativo del Mondo Nuovo se non è fondato sulla Fede in Gesù, la rivelazione divina, se non è orientato all' Uomo Compiuto e Definitivo.

Gc 2,14A che serve, fratelli miei, se uno dice di avere fede, ma non ha le opere? Quella fede può forse salvarlo? [ dal fallimento del proprio essere] 15Se un fratello o una sorella sono senza vestiti e sprovvisti del cibo quotidiano 16e uno di voi dice loro: «Andatevene in pace, riscaldatevi e saziatevi», ma non date loro il necessario per il corpo, a che cosa serve?
17Così anche la fede: se non è seguita dalle opere, in se stessa è morta. 18Al contrario uno potrebbe dire: «Tu hai la fede e io ho le opere; mostrami la tua fede senza le opere, e io con le mie opere ti mostrerò la mia fede». 19Tu credi che c'è un Dio solo? Fai bene; anche i demòni lo credono e tremano! 20Insensato, vuoi capire che la fede senza le opere non ha valore?
21Abramo, nostro padre, non fu forse giustificato per le sue opere, quando offrì Isacco, suo figlio, sull'altare?
22Vedi: la fede agiva insieme alle opere di lui, e per le opere la fede divenne perfetta.si manifestò pienamente
23E si compì la Scrittura che dice: Abramo credette a Dio e gli fu accreditato come giustizia, ed egli fu chiamato amico di Dio. 24Vedete:
l'uomo è giustificato per le opere e non soltanto per la fede. 25Così anche Raab, la prostituta,
donna che segue altri dèi
non fu forse
giustificata per le opere,
lei che non manifestava fede in Jhwh, in realtà in una occasione ha agito come una credente
perché aveva dato ospitalità agli esploratori e li aveva fatti ripartire per un'altra strada?

Atto (opere) e Fede nell'UOMO sono Uno, non possono esistere separatamente. 26Infatti come il corpo senza lo Spirito è morto, così anche la fede senza le opere
dello Spirito, la Carità
è morta.

Se la fede muore, cioè non si manifestano Atti di Fede, l'UOMO torna uomo , concepisce il peccato e fallisce.
Gc 1,13 Nessuno, quando è tentato, dica:* «Sono tentato da Dio»;* perché Dio non tenta nessuno al male. * 14 Ciascuno piuttosto * è tentato dalla propria concupiscenza * che lo attrae e lo seduce ;* 15 poi la concupiscenza concepisce * e genera il peccato ,* e il peccato, quand'è consumato,* produce la morte [ il fallimento definitivo dell'essere ] . *

L'Atto Creativo, ( salvifico, che cioè costruisce l'Uomo fino al suo compimento) è Atto concepito agito in unità di Spirito (il " dare") per il Progetto del Padre e il Programma di Gesù , quindi è sempre e solo un Atto di Fede, perchè Atto e Fede ( nell'Uomo) sono tutt'Uno.

Gv 14,6 Gli disse Gesù: «Io sono la Via, la Verità e la Vita (zoe). Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.
Gv 14,16 e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito

( soccorritore, assistente, avvocato), lo Spirito che realizza la vostra comunione con Me e con il Padre
perché
rimanga con voi per sempre,
Gv 14,20 In quel giorno
voi saprete che io sono nel Padre mio e voi in me e io in voi.
Gv 14,12 In verità, in verità io vi dico:

chi crede in me, anch'egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste.
Gv 15,5 Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto,
il frutto è l'Uomo
perché
senza di me non potete far nulla.
Gv 15,9 Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore.
Gv 15,10
Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore,
come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore.

Gv 15,12 Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi.
Gv 15,17 Questo vi comando:
che vi amiate gli uni gli altri.
Gv 14,21 Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama. Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch'io lo amerò e mi manifesterò a lui». Gv 14,23 «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui.

L'Atto di Fede Lc 17,5 Gli apostoli dissero al Signore: ,6 «Accresci in noi la fede!». Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granello di senape,
che è piccolissimo
potreste dire a questo gelso: «Sràdicati e vai a piantarti nel mare»,
ed esso vi obbedirebbe.

Dice Gesù : la fede non è piccola o grande : o c'è o non c'è. Non si può aumentare o diminuire ( ne basta poca come un semino per spostare le montagne ) .

L' ATTO o è Atto di fede oppure è Atto Vuoto, non-creativo, o decreativo. La fede non può essere più grande dell’Atto . L’Atto non può essere più grande della Fede , poichè sono UNO.
(coll.30 con Gitta)
Non ci può essere una grande Fede in un piccolo Atto ... nè una piccola Fede in un grande Atto , ma solo Atto di Fede o atto nullo.




Gv 5,19 Gesù riprese a parlare e disse loro: «In verità, in verità io vi dico : il Figlio da se stesso non può fare nulla, se non ciò che vede fare dal Padre; quello che egli fa, anche il Figlio lo fa allo stesso modo.
Gv 5,30
Da me, io non posso fare nulla. Giudico secondo quello che ascolto e il mio giudizio è giusto,
perché
non cerco la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato.

Fede ed Atto nell'uomo possono diventare uno con la volontà creativa-salvifica del Padre e di Gesù : compiere l' "Uomo".
Vi fermate . E spesso vi fermerete ancora! Non è che abbiate poca fede ma voi agite poco, poichè Fede senza Atto non è Fede.
(coll.30 con Gitta)
Il primo passo della fede è il VOTO: ACCETTO.

Nel cammino di fede il discepolo spesso si ferma. Il fermarsi è dovuto alla fede dichiarata che non si manifesta negli Atti.

Una fede senza atti non è FEDE.Portare frutto Gli atti della fede//Carità producono frutto : l'Uomo Compiuto, il Mondo Nuovo.

1-----19
Ogni volta che uno ascolta la parola del Regno e non la comprende, viene il Maligno e ruba ciò che è stato seminato nel suo cuore: questo è il seme seminato lungo la strada.
2-----20Quello che è stato seminato sul terreno sassoso è
colui che ascolta la Parola e l'accoglie subito con gioia, 21ma non ha in sé radici ed è incostante, sicché, appena giunge una tribolazione o una persecuzione a causa della Parola, egli subito viene meno.
3------22Quello seminato tra i rovi è
colui che ascolta la Parola, ma la preoccupazione del mondo e la seduzione della ricchezza soffocano la Parola ed essa non dà frutto.
4------23Quello seminato sul terreno buono è
colui che ascolta la Parola e la comprende; questi dà frutto [ fa atti di fede ]
e produce il cento, il sessanta, il trenta per uno».

Lc 8,15 Quello sul terreno buono sono coloro che, dopo aver ascoltato la Parola con cuore integro e buono, la custodiscono e producono frutto con perseveranza.
Ef 5,9 il frutto della luce consiste in ogni bontà, giustizia e verità.   
Gal 5,22
Il frutto dello Spirito..è amore, gioia, pace, magnanimità, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé; ma piuttosto condannatele apertamente.
Mt 3,8Fate dunque un frutto degno della conversione,
degno del passaggio dalla mentalità della religione a quella della fede in Gesù che trasforma l'uomo in Uomo.
Ef 5,11 Non partecipate alle opere delle tenebre, che non dànno frutto,

La conversione dalle religioni alla FEDE nello Spirito di Gesù si manifesta negli Atti della fede, l' ATTO secondo lo Spirito .

Mt 12,33 Prendete un albero buono, anche il suo frutto sarà buono. Prendete un albero cattivo, anche il suo frutto sarà cattivo:dal frutto infatti si conosce l'albero.
Lc 6,44 Ogni albero infatti si riconosce dal suo frutto:non si raccolgono fichi dagli spini, né si vendemmia uva da un rovo.

Il frutto che rimane in eterno : l'Uomo Compiuto.

Gv 12,24 In verità, in verità io vi dico:
se il chicco di grano,
l' uomo
caduto in terra, non muore,
non si caotizza, non si trasforma
rimane solo;
non germoglia, non accestisce, non fa le spighe, non dà frutto.
se invece muore
si trasforma e germina
, produce molto frutto.

l' Uomo Compiuto .
(1Cor 4,16). anche se il nostro uomo esteriore si va disfacendo,quello interiore si rinnova di giorno in giorno"
Mc 4,29 e quando il frutto è maturo, subito egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura».

Nessuno creda che basti essere battezzati nello Spirito di Gesù e affermare la propria fede attraverso le ritualità religiose per compiersi come Uomo !

La FEDE separata dall'ATTO è nulla.Ascolta bene! L’Atto è stato separato dalla Fede; la Fede è stata separata dall’Atto. Numerosi Atti vuoti ne furono la causa. Facendo continuamente atti nulli (come le ritualità religiose non fondate dalla Parola) l'uomo separa i suoi atti dalla Fede (che magari afferma a parole).

Ed è in questo modo che la Fede è stata separata dagli atti : ora c'è una fede solo a parole e innumerevoli atti vuoti.
(*coll.30 con Gitta) Ma già il tuo cuore aborrisce l'Atto Vuoto. Tu già puoi agire e il tuo Atto non sarà più vuoto Il discepolo vede i suoi Atti vuoti e li aborrisce. Ma questo non basta. E' necessario tornare a legare la fede all'agire così gli atti non saranno più vuoti ma creativi del Mondo Nuovo.

2Pt1,3 La sua potenza divinaci ha donato tutto quello che è necessario per una vita vissuta santamente, grazie alla conoscenza di colui che ci ha chiamati con la sua potenza e gloria. 4Con questo egli ci ha donato i beni grandissimi e preziosi a noi promessi, affinché per loro mezzo diventiate partecipi della natura divina, sfuggendo alla corruzione , che è nel mondo a causa della concupiscenza . 5Per questo mettete ogni impegno per aggiungere alla vostra fede la virtù,
l'Atto, di fede!
alla virtù la conoscenza, 6alla conoscenza la temperanza, alla temperanza la pazienza, alla pazienza la pietà, 7 alla pietà l'amore fraterno, all'amore fraterno
la Carità. 8Questi doni, presenti in voi e fatti crescere, non vi lasceranno inoperosi // e senza frutto per la conoscenza del Signore nostro Gesù Cristo.
l'Uomo Definitivo.

Il Servizio cristiano (*coll.30 con Gitta) L'Atto è uno. Non esistono atti separati. Dal mattino alla sera dalla sera al mattino dalla nascita alla morte è un solo Atto. Ed è il " servire".Mt 20, 25.. Gesù li chiamò a sé e disse: «Voi sapete che i governanti delle nazioni dóminano su di esse e i capi le opprimono. 26Tra voi non sarà così; machi vuole diventare grande tra voi, sarà vostro servitore27e // chi vuole essere il primo tra voi, sarà vostro schiavo. 28Come il Figlio dell'uomo,
che non è venuto per farsi servire, ma per servire
// e dare la propria vita
in riscatto per molti ».

L'Atto del "servire" l'Uomo è il dare. Servire, Dare, non sono atti separati dalla vita quotidiana ( come le ritualità religiose ) ma sono la vita tutta. Il servizio di Gesù al Padre non è servizio religioso , culto , ma è dare se stesso sempre al Disegno creativo , l'Uomo Definitivo.

Rm 12,1 Vi esorto dunque, fratelli, per la misericordia di Dio, a offrire i vostri corpi come sacrificio vivente, santo e gradito a Dio;
il corpo dell'UOMO è tempio dello Spirito, ha in sè il Sacro, è " sacrificio vivente"; nel linguaggio giudaico il corpo identifica tutta la persona quindi è tutta la persona h24 che si dona al Progetto UOMO e...
è questo il vostro culto spirituale.
(coll.30 con Gitta) Non vi sono "molti atti", non vi sono "pochi atti". Vi è soltanto " insufficiente atto", "atto incompleto". Potreste già fare molto di più. Osservate ciò che fate! Siete ancora codardi, non nel credere ma nell'agire.
Una "fede insufficiente di atti" è una fede che non "serve" l'Uomo. Se i cristiani osservano ciò che fanno possono comprendere se e quanto la loro religione non " serva " cioè quanto negli atti religiosi non ci sia FEDE nel Progetto UOMO.

Mt 7, 24Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa
[ l'Uomo ]
sulla roccia
[ Gesù , la , Parola creatrice ].
25Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su
quella casa, ma essa non cadde, perché era fondata sulla roccia. 26Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, sarà simile a un uomo stolto, che ha costruito la sua casa sulla sabbia. 27Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa,
[l'uomo]
ed
essa cadde e la sua rovina fu grande».
cioè definitiva.

La "MISURA" Ogni cristiano si autogiudica in base alla Parola di Gesù.

Gv 12,47 Se qualcuno ascolta le mie parole e non le osserva, io non lo condànno; perché non sono venuto per condannare il mondo, ma per salvare il mondo. Gv 12,48 Chi mi rifiuta e non accoglie le mie parole, ha chi lo condanna: la parola che ho detto lo condannerà nell' ultimo giorno .

(coll.31-Hanna) "Colui che misura" vi parla. Ciò che è crescere per la pianta per l'animale è muoversi per l'uomo è " dare".
L' esercizio di verificare la consistenza della propria fede negli Atti è necessario : dentro ciascun UOMO c'è un " angelo" che misura i suoi Atti/Fede.


La legge di vita della pianta ( il 2) per raggiungere la pienezza del suo essere è " crescere". La legge dell'animale (il 3) per raggiungere la pienezza del suo essere è " muoversi". La legge dell'UOMO per raggiungere la pienezza del suo essere è " DARE". Questa legge è pienamente possibile per l'UOMO che vive unito a LUI, che perennemente " DA' "
(30 - Gitta) Tendi la tua mano e sorridi e la tua mano si aprirà per dare. ( *Coll. 14-Lili) Ascolta le richieste e tutto diverrà facile . Ciò farà scaturire la Forza nascosta in te.DARE : le richieste che vengono fatte da chi è bisognoso sono la " misura" che l'Uomo è chiamato a colmare con Atti .

L'Atto di fede nella Legge del DARE fa scaturire la Forza del DARE .
Ciò ti fa crescere come Uomo. Nuova creazione : liberazione.
Il DARE per l'UOMO è Crescita fino a compiersi come Mondo Nuovo, Regno di Dio.

(*Coll. 30 - Gitta) Non c'è bisogno di asceti. Nulla valgono ai Suoi occhi. DARE è tutto.
L'ascesi - di per sè - è attività religiosa che soddisfa il proprio bisogno religioso o " desiderio di Dio", ma non crea nè fa crescere l'Uomo. E' atto religioso che non fa dell'homo religiosus un UOMO.

"Dare" non è frutto ma è crescita, preparazione. Il Frutto è il Mondo Nuovo (*Coll.30 - Gitta)DARE è la Crescita dell'UOMO , preparazione per il compimento, il FRUTTO che è L'UOMO COMPIUTO //il Mondo Nuovo.

Gv 6,27 Datevi da fare non per il cibo che non dura, ma per il cibo che rimane per la vita eterna e che il Figlio dell'uomo vi darà. Perché su di lui il Padre, Dio, ha messo il suo sigillo».

L'ATTO di FEDE dell'UOMO è il DARE ( Crescita, preparazione dell'UOMO COMPIUTO ) il cui FRUTTO non è un merito presso Dio da incassare alll'autogiudizio (alla morte ) ma è ciò che l'ATTO costruisce come UOMO COMPIUTO , un Frutto che rimane in eterno.

Mt5, 40 a chi vuole portarti in tribunale e toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. 41E se uno ti costringerà ad accompagnarlo per un miglio, tu con lui fanne due. 42 DA' a chi ti chiede, e a chi desidera da te un prestito non voltare le spalle. 43Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico. 44Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, 45affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti.Assomiglire a LUI, fare come LUI significa essere suoi FIGLI, UOMINI.
46Infatti, se amate quelli che vi amano,
dov'è la vostra gratuità? Non fanno così anche i pubblicani? 47E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? 48Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste.
Mt 10,8 Guarite gli infermi, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demòni.
Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente DATE. Mt 14,15Sul far della sera, gli si avvicinarono i discepoli e gli dissero: «Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congeda la folla perché vada nei villaggi a comprarsi da mangiare». 16Ma Gesù disse loro: «Non occorre che vadano; voi stessi date loro da mangiare».

Lc 6,38 DATE e vi sarà dato: una misura buona, pigiata, colma e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con la quale misurate [ il vostro DARE ] , sarà misurato a voi [da Dio per darvi le risorse da DARE ]».Gv 15,8 In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto // e diventiate miei discepoli. Gv 15,16 Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga
Mt 13,19 Ogni volta che uno ascolta la parola del Regno e non la comprende,
viene il maligno e ruba ciò che è stato seminato nel suo cuore: questo è il seme seminato lungo la strada. Mt 13,22 Quello seminato tra i rovi è colui che ascolta la Parola, ma la preoccupazione del mondo e la seduzione della ricchezza soffocano la Parola ed essa non dà frutto.
Mt 13,23 Quello seminato sul terreno buono è colui che ascolta la Parola e la comprende;
questi dà frutto e produce il cento, il sessanta, il trenta per uno»
Mc 4,29 e quando il frutto è maturo, subito egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura»
Gv 4,36 Chi miete riceve il salario e
raccoglie frutto per la vita eterna, perché chi semina gioisca insieme a chi miete.
Rm 6,22 Ora invece,
liberati dal peccato e fatti servi di Dio, raccogliete il frutto per la vostra santificazione e come traguardo avete la vita eterna.
Gal 5,22 Il frutto dello Spirito invece è amore, gioia, pace, magnanimità, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé;
Ef 5,9 ora
il frutto della luce consiste in ogni bontà, giustizia e verità. Fil 1,11 ricolmi di quel frutto di giustizia che si ottiene per mezzo di Gesù Cristo, a gloria e lode di Dio.
Gv 15,4 Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio
non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me

CRESCERE O MORIRE. La MISURA dell'UOMO (*Coll.41) L'Atto è il seme da cui scaturisce il Nuovo. L'Atto ch'Egli ha seminato in voi.
Dio semina l'ATTO nell'uomo. Se l'uomo lo " accetta" e lo compie, questo mette in MOVIMENTO la Creazione-storia , costruisce il Mondo Nuovo.

(*coll.31-Hanna) Per ogni pianta la crescita è diversa . Il mio " ministero" è " misurare". Non ricompenso, non punisco. Unicamente misuro.
Ognuno è chiamato a colmare la propria "misura" di Atti necessari per crescere come Uomo : la crescita è diversa per ciascuno .

L'Angelo che misura gli ATTI dell'UOMO agisce secondo un criterio diverso per ogni persona : Per ogni pianta la crescita è diversa e diversa è la misura che è chiamato a colmare.

(*coll.31-Hanna) La punizione e la ricompensa la portate in voi stessi. Non c'è nessun tribunale e giudizio divino da attendersi : La ricompensa dei propri Atti non viene da un giudizio divino ma ognuno la porta in se stesso ed è quanto è cresciuto come Uomo attraverso il suo DARE.

(coll.31-Hanna) Se riempite la vostra misura, crescete. Se non la riempite, deperite. Se non date costantemente, deperite.
Ef 2,21 In lui tutta la costruzione cresce ben ordinata per essere tempio santo nel Signore; Ef 2,22 in lui anche voi venite edificati insieme per diventare abitazione di Dio per mezzo dello Spirito.

Non c'è alternativa per crescere come Uomini se non il " DARE". Fermarsi nel dare non è pausa senza conseguenze; fermarsi è deperire , decrearsi.

Non ci sono pause nel "dare". Ogni pausa è una morte. O gni UOMO ( e ogni uomo) è chiamato a colmare la propria misura di DARE e chi non la colma , deperisce, si decrea . Ciascuno ha una suo cammino di Fede/Atti, una sua Misura di atti determinata dalle richieste di chi è nel bisogno e che egli incontra.

(*Coll.L19-Gitta) La Nuova Legge, la Nuova Misura, è un'altra: abbondantemente ricevete il vostro cibo quotidiano, ma non è un cibo gratuito. Tu ricevi 5 pani e 5000 uomini sono saziati.La Nuova Legge , la Legge dell'UOMO , la Nuova Misura dell'UOMO, è dare fino a saziare i bisognosi secondo quanto abbondantemente si riceve , da LUI.

"Voi stessi " date loro da mangiare. ( Lc 9,13)

(*Coll. 30-Gitta) Vi è donato di " riempire la vostra misura ". Non è la grandezza della misura che conta poiche Egli riempie tutto.

La grandezza della misura di ognuno nel dare , non conta : quello che conta è che sia colmata .

Per quanto grande sia la misura che un uomo è chiamato a colmare con certezza egli ne riceverà le risorse : Egli riempie tutto.
Più si " libera" Forza ( liberazione // libera-azione), più si "riceve" Forza. LUI riempie tutto della Sua Forza
(*Coll. 30-Gitta) L'Incommensurabile
appare nel misurabile; la Perfezione nei limiti è l'Immagine dell'Illimitato.
L'incommensurabile si manifesta nella pienezza limitata, misurabile , dell'uomo che Dà.

La Perfezione dell'UOMO (un essere limitato) la sua Completezza è immagine //somiglianza alla Pienezza del Padre ( l'Illimitato) .

(* coll.31-Hanna) Voi sarete " simili a Lui" [ Gesù ] se riempite la vostra misura ( del DARE ) . Solamente così.
La Gioia di vivere La verifica della giusta Misura di Atti è il raggiungimento della la gioia di vivere . ( *Coll. 31-Lili) Se tutto è gioia intorno a voi la Misura è Giusta. E questo è possibile. Non crederlo è " non credere in Lui". Egli vi riempie continuamente che infinita è la Sua misericordia.La Misura del "dare" è la gioia che il dono di sè fa scaturire negli altri . Quando tutt'intorno c'è gioia di vivere, la Misura ( della Forza donata ) è quella giusta.

Non avere FEDE in questo dare ( cioè dare con riserva) è " non credere in Lui, Gesù ".

Mt 6,25 Perciò io vi dico: non preoccupatevi per la vostra vita,
ma per quella dei bisognosi
di quello che mangerete o berrete, né per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita non vale forse più del cibo e il corpo più del vestito? Mt 6,31 Non preoccupatevi dunque dicendo: «Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo?». Mt 6,34 Non preoccupatevi dunque del domani, perché il domani si preoccuperà di se stesso. A ciascun giorno basta la sua pena.

(*Coll. 30-Gitta) Se la irraggi , ( la Forza) la senti.... il sole non può vedere i suoi raggi, ma la Luna li riflette.
L'Uomo non può vedere che irraggia Forza se non nel riflesso che questa produce in coloro che dal bisogno passano alla gioia di essere colmati. Dare e prendere

(37-Gitta) "L'uomo è il più feroce dei carnivori. Non v'è artiglio animale , non zampa di leone, che possa accaparrare come la mano. (37-Gitta) A colui che prende , sarà preso, ch'egli non è degno di avere mani.
A colui che PRENDE PER SE' LA FORZA RICEVUTA invece di darla , LA FORZA SARA' ( ri) PRESA ( da Dio) . Trattenere per sè la FORZA è il Peccato ( mortale ) dell'UOMO che porta ad essere tagliati dalla VITA. Lc 13,7 Allora ( Dio) disse al vignaiolo: «Ecco, sono tre anni che vengo a cercare frutti su quest'albero, ma non ne trovo. Taglialo dunque! Perché deve sfruttare il terreno?».
Gv 15,4 Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me
Cf Mt25,14ss : 28Toglietegli dunque il talento, e datelo a chi ha i dieci talenti. 29Perché a chiunque ha ( dato frutto) , verrà dato e sarà nell'abbondanza; ma a chi non ha, ( dato frutto ) verrà tolto anche quello che ha. 30E il servo inutile gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti».



(*) Dialoghi con l'Angelo, Milano 1979 Dialogues avec l'Ange, DeNoel ,Paris




top



Pag. 4
1    2    3   4   5   6   7   8   9   10   

home


DISCLAIMER. Si ricorda - ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62 - che questo sito non ha scopi di lucro, è di sola lettura e non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare" : gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate. Non può essere in alcun modo ritenuto un periodico ai sensi delle leggi vigenti né una "pubblicazione"  strictu sensu. Alcuni testi e immagini sono reperiti dalla rete : preghiamo gli autori di comunicarci eventuali inesattezze nella citazione delle fonti o irregolarità nel loro  uso.Il contenuto del sito è sotto licenza Creative Commons Attribution 2.5 eccetto dove altrimenti dichiarato. Navigando nel sito se ne accetta la   PRIVACY POLICY