-  TORNA ALL 'INDICE DEI MESI

Libri consigliati
Ottobre 2007

La sapienza nascosta

Edizioni Arkeios
Via Flaminia 109
00196 Roma RM

Esoterismo guenoniano
e mistero cristiano

L'immaginazione gnostica

Lo sguardo esoterico

I cabbalisti cristiani del Rinascimento

 


AUTORE: Kass L. R.
La sfida della bioetica.
La vita, la libertà e la difesa della dignità umana

COLLANA: Biblioteca
PAGINE: pp. 448
FORMATO: cm. 14x21
PREZZO: euro 32,00
ISBN: 978-88-7180-647-1

ordini :www.lindau.it

 

 

 


 

 

IL LIBRO

Quali conseguenze comporta considerare la vita umana embrionale come materiale grezzo da «usare»? Che cosa accade se non riconosciamo la linea di demarcazione fra procreazione e produzione? Quali sono i limiti oltre i quali non deve spingersi il nostro tentativo di migliorare la condizione umana? Vogliamo davvero il «nuovo mondo» e il «nuovo uomo» che le scienze e la tecnologia possono creare?
In una serie di riflessioni sulle più moderne sfide che provengono dalla medicina e dalla biologia (clonazione, ricerca embrionale, progetto Genoma Umano) e sulle implicazioni di carattere etico e giuridico che ne derivano (vendita di organi, rapporti interpersonali fra genitori e figli geneticamente modificati o addirittura clonati), Leon Kass analizza e valuta il tentativo di oltrepassare i naturali confini che sono stati assegnati all’uomo e di trasformare il suo corpo in uno strumento che risponde soltanto alla nostra volontà e ai nostri desideri.
Non sono in discussione i grandi risultati acquisiti dalla tecnologia medica, che è riuscita a elaborare procedure e terapie capaci di curare e guarire malattie un tempo mortali. Ma siamo consapevoli degli abissi in cui uno scientismo lanciato in una corsa senza freni e senza scrupoli rischia di precipitarci? E sentiamo il dovere imperativo di proteggere ciò che costituisce la nostra dignità e la nostra umanità?

L'AUTORE

LEON R. KASS è autore di molti libri e saggi (tra gli altri Toward a More Natural Science e The Ethics of Human Cloning). Tra il 2001 e il 2005 ha presieduto il President’s Council on Bioethics, creato da George W. Bush per monitorare la ricerca sulle cellule staminali e valutare tutte le implicazioni mediche ed etiche dell’innovazione biomedica.

 


Contro l'eutanasia. Un grande medico, laico e non credente, ci spiega perché non possiamo accettare l’eutanasia
AUTORE: Israël L.
COLLANA: I Draghi
PAGINE: pp. 128 PREZZO: euro 13,00
ISBN: 978-88-7180-671-6

ordini :www.lindau.it

IL LIBRO
Dobbiamo accettare l’eutanasia per le persone affette da malattie incurabili? Chi può decidere di porre fine alla vita di un uomo? Chi soffre di più, il malato o coloro che lo circondano? In un momento in cui l’eutanasia è al centro di un aspro dibattito anche nel nostro paese, la voce autorevole di Lucien Israël – un uomo di scienza, un laico, un non credente – ci invita a riflettere, qualunque siano le nostre convinzioni e anche a costo di mettere in dubbio le opinioni più accreditate.
Israël ha dedicato tutta la sua vita alla lotta contro il cancro, la sofferenza e la morte. Ha vinto tante battaglie, altre le ha perse e ha accompagnato molti esseri umani negli ultimi mesi e giorni della loro esistenza. Per questo sa di cosa parla quando si interroga, e ci interroga, sui problemi di fine vita.
Per lui l’eutanasia non è né un gesto d’umanità né un atto di compassione, ma un progetto che mette in discussione la professione medica e, più in generale, il legame simbolico tra le generazioni. Non solo il medico ha il dovere di non arrendersi alla morte, ma deve anche infondere al suo paziente speranza, fiducia, voglia e forza di lottare. E anche quando la sua vita volgerà al termine, dovrà sempre trasmettergli il senso profondo della sua «arte», che è quello di «prendersi cura» di chi gli si affida. Perché esistono malattie inguaribili, ma non esistono malattie incurabili.
D’altra parte, l’esperienza dimostra che non è quasi mai il paziente a chiedere di «farla finita», ma le persone sane che lo circondano e non sopportano più il confronto diretto con la sofferenza e la morte, che risvegliano le loro paure ancestrali.
Anche l’enfasi con cui da qualche tempo si promuove il cosiddetto «testamento biologico» è piuttosto sospetta. Di certo esprime la domanda di chi sta bene e non vorrebbe mai abbandonare questa condizione.

L'AUTORE
LUCIEN ISRAËL è un celebre oncologo, oltre che il presidente dell’Académie des Sciences Morales et Politiques dell’Institut de France e dell’UNI, l’Union Nationale Interuniversitaire. Autore di molti testi di carattere medico, è un’autorità morale, il cui rigore intellettuale e scientifico è riconosciuto ben oltre i confini del suo paese.


Conversazioni con Castaneda
AUTORE: Corvalán G.N.V.
COLLANA: I Pellicani PAGINE: pp. 80 PREZZO: euro 11,00 ISBN: 978-88-7180-629-7

ordini :www.lindau.it

 

 


IL LIBRO

«Intervistai Carlos Castaneda a Los Angeles e fu un’esperienza molto interessante. Ci raccontò le sue vicende con franchezza e semplicità, narrando da un punto di vista inedito episodi centrali della sua vita e fornendo nuove chiavi di lettura per chiarire alcuni passaggi oscuri dei suoi libri.»
Questo il commento di Graciela Corvalán, studiosa del misticismo contemporaneo, che nella presente intervista, una delle poche concesse da Castaneda, affronta questioni e passaggi fondamentali del pensiero e della ricerca spirituale del grande antropologo: dall’incontro con lo «stregone» messicano don Juan Matus avvenuto in Arizona nel 1960 – un fatto che segnerà per sempre la sua vita – alle avventure dei protagonisti dei suoi libri (la Gorda, don Genaro, le sorelline…), fino ai concetti-chiave della sua opera (le sfere del «nagual » e del «tonal», l’esperienza del sogno, l’arte dell’agguato).
Quella che Castaneda indica è la «via del guerriero», un percorso iniziatico che ci offre i mezzi necessari per rompere le catene e destarci dalla nostra trance quotidiana; per liberarci dalla servitù e comprendere la differenza tra «una vita davvero libera e una senza scopo in una società malata, alla deriva in una tempesta cosmica».

L'AUTORE

GRACIELA N. V. CORVALÁN, studiosa di misticismo, insegna alla Webster University di Saint Louis, negli Stati Uniti.




Il nuovo anticristianesimo
AUTORE: Rémond R.
COLLANA: I Draghi PAGINE: pp. 128
PREZZO: euro 13,00   ISBN: 978-88-7180-646-4
ordini :www.lindau.it

IL LIBRO
L’inizio del nuovo millennio non è stato facile per il cristianesimo. Se certe forme di anticlericalismo del passato sono ormai definitivamente tramontate, una nuova leva di detrattori e di critici è apparsa all’orizzonte, fomentando una violenta polemica anticristiana, che riscuote un certo consenso presso il grande pubblico. È un’offensiva che non proviene più dagli ambienti laici tradizionali, ma da pensatori più iconoclasti, che vogliono dar vita a una sorta di «ateismo » militante.
In questo libro-intervista René Rémond riflette, insieme a Marc Leboucher, sulle motivazioni di una tale ostilità e risponde alle obiezioni di questi odierni accusatori.
La sua è un’analisi lucida e precisa, che prende in esame, uno dopo l’altro, tutti gli attacchi rivolti al cristianesimo e al clero e fa emergere le diverse posizioni di laici e cattolici su delicate questioni di grande attualità, quali la liberalizzazione dei costumi, i PACS, i movimenti gay e femministi, il progresso scientifico e le conseguenti questioni di bioetica, fino ad arrivare alla Costituzione europea. Aquesto proposito la riflessione di Rémond sottolinea il ruolo determinante della religione e della cultura cristiana nella costruzione dell’Unione, un ruolo che oggi è messo in discussione da un pericoloso «negazionismo».
Ma se il nuovo anticristianesimo condanna la pretesa della Chiesa di continuare a impartire insegnamenti morali in un contesto che non è più quello di un tempo, la risposta rivoluzionaria della fede cristiana è la libertà di coscienza dell’individuo, unico vero responsabile delle proprie scelte e dei propri giudizi di valore.

L'AUTORE
RENÉ RÉMOND, nato nel 1918, è presidente della Fondation Nationale des Sciences Politiques. Storico, è autore di diverse opere di analisi politica, storia contemporanea e religiosa. Tra i libri pubblicati in Italia ricordiamo: La secolarizzazione. Religione e società nell’Europa contemporanea; La destra in Francia; Introduzione alla storia contemporanea.
RECENSIONI
Da «Avvenire», 1 maggio 2007
J’ACCUSE – «Nel suo ultimo pamphlet, che esce ora in italia, il grande storico francese da poco scomparso replica alla nuova ondata contro la fede.»
-  TORNA ALL 'INDICE DEI MESI