Corso di Religione

Sommario libri





Libri consigliati Settembre 2015

home




powered by FreeFind

Redazione





testigeova

Massimo Introvigne,
I Testimoni di Geova. Chi sono, come cambiano
,
Cantagalli, Siena 2015,
ISBN 978-88-6879-124-7,
176 pp.,
Euro 15,50

A differenza di altre realtà religiose di origine più recente, i Testimoni di Geova ci sono familiari. Bussano alla nostra porta, e crediamo di conoscerli. Le loro origini e la loro storia, tuttavia, presentano numerosi aspetti poco noti. La loro dottrina e la vita quotidiana non sono sempre presentate correttamente.

Soprattutto, una serie di modifiche dottrinali e organizzative degli ultimi anni – che hanno visto, tra l’altro, l’invito a non calcolare più date precise per la fine di questo mondo – rendono inevitabilmente «datati» molti studi pubblicati negli anni precedenti.

Massimo Introvigne, uno dei più noti sociologi delle religioni su scala internazionale, presenta qui il risultato di una lunga ricerca e di anni di continua osservazione dei Testimoni di Geova, in uno studio dove non mancano le novità e le sorprese. Introvigne mostra, inoltre, come la crescita internazionale dei Testimoni di Geova si situi al cuore del dibattito sugli scenari religiosi contemporanei – fra sostenitori e avversari delle teorie della secolarizzazione – e come l’interpretazione di questa crescita si riveli decisiva per rispondere alla domanda sul ruolo e sul futuro delle religioni nelle società occidentali del XXI secolo.


Massimo Introvigne è nato a Roma nel 1955. Professore di Sociologia della religione nell’Università Pontificia Salesiana di Torino, è direttore del CESNUR, il Centro Studi sulle Nuove Religioni. Autore, co-autore o curatore di una sessantina di volumi e di oltre cento articoli e contributi pubblicati in riviste scientifiche di dodici diversi Paesi.

Nel 2011 è stato Rappresentante per la lotta al razzismo, alla xenofobia e all’intolleranza e discriminazione contro i cristiani e i membri di altre religioni dell’OSCE (Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa) e nel 2012 è stato nominato coordinatore dell’Osservatorio della libertà religiosa promosso dal Ministero degli Esteri e da Roma Capitale.



Il fondamentalismo dalle origini all'ISIS
di Massimo Introvigne

  • Copertina flessibile: 240 pagine
  • Editore: SugarCo (14 settembre 2015)
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8871986946
  • ISBN-13: 978-8871986944

Non c’è più religione»? Non è vero.

La fede, tante volte data per morta, resiste, e la società pluralista e multireligiosa può perfino favorire un risveglio delle religioni.

Ma quale tipo di religione resiste? E quale, invece, declina e rischia di scomparire?

Massimo Introvigne, uno dei più noti sociologi delle religioni contemporanei, mostra che la domanda di religione ancora presente è in gran parte una domanda di conservatorismo. Le Chiese, denominazioni e movimenti «conservatori» guadagnano membri; quelle «progressiste» ne perdono.

Una rigorosa analisi sociologica spiega come, e perché. «Conservatore», però, non è sinonimo di «fondamentalista». Anzi, «fondamentalista» è un’etichetta abusata che copre tre tipi diversi di organizzazioni religiose, di tipo – rispettivamente – conservatore, fondamentalista in senso stretto e ultra-fondamentalista. In una situazione normale, il tipo di religione che ha più successo è quello conservatore; il fondamentalismo ha una presenza più ridotta, l’ultra-fondamentalismo molto ridotta.

Ma non viviamo tempi normali. In un’ampia seconda parte, tutta dedicata – dopo esempi tratti da altre religioni – al mondo islamico, Introvigne mostra come – dalla Palestina alla Turchia, dall’Algeria all’emigrazione musulmana in Europa, da bin Laden al Califfato dell’ISIS – situazioni di tensione nazionale o internazionale possono introdurre elementi di distorsione e impedire alla domanda di conservatorismo di trovare il suo sbocco normale.

Si sviluppano così i movimenti fondamentalisti e le frange ultra-fondamentaliste, protagoniste anche degli episodi di terrorismo suicida. Anche di questi ultimi Introvigne propone una ricostruzione e un’interpretazione che ne confermano la natura religiosa e gettano una luce inquietante sui possibili sviluppi del terrorismo e del Califfato. Un’appendice presenta, in traduzione italiana, le impressionantiistruzioni di al-Qa’ida consegnate ai terroristi dell’11 settembre 2001 e le istruzioni del Califfato agli «emigranti» che, anche dall’Italia, partono per andare a combattere e morire in Siria e in Iraq.

Una guida indispensabile al mondo che il terrorismo ultra-fondamentalista ha cambiato per sempre, fondata su solide basi metodologiche ma ricca di esempi, dati, casi concreti tratti da una trentennale esperienza di ricerche sul campo, dal Texas alla Palestina e all’India, di agevole lettura anche per i non addetti ai lavori.

Massimo Introvigne, insegna Sociologia delle religioni presso l’Università Pontificia Salesiana di Torino. Fondatore e direttore del CESNUR (Centro Studi sulle Nuove Religioni), è autore di sessanta volumi e di oltre cento articoli in materia di religioni contemporanee, molti dei quali dedicati ai nuovi movimenti religiosi, al fondamentalismo e al terrorismo di matrice religiosa. Ha co-diretto le tre edizioni della monumentale Enciclopedia delle religioni in Italia (l’ultima pubblicata nel 2013) e fra i primi ha fatto conoscere in Italia la teoria sociologica dell’economia religiosa, pubblicando opere che ha scritto insieme ai suoi padri fondatori, Rodney Stark e Laurence Iannaccone. Nel 2011 è stato Rappresentante dell’OSCE (Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa) per la lotta al razzismo, alla xenofobia e all’intolleranza e discriminazione contro i cristiani e i seguaci di altre religioni. Nel 2012 è stato nominato coordinatore dell’Osservatorio della libertà religiosa istituito dal Ministero degli Esteri e da Roma Capitale.

Sommario

DISCLAIMER. Si ricorda - ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62 - che questo sito non ha scopi di lucro, è di sola lettura e non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare" : gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate. Non può essere in alcun modo ritenuto un periodico ai sensi delle leggi vigenti né una "pubblicazione"  strictu sensu. Alcuni testi e immagini sono reperiti dalla rete : preghiamo gli autori di comunicarci eventuali inesattezze nella citazione delle fonti o irregolarità nel loro  uso.Il contenuto del sito è sotto licenza Creative Commons Attribution 2.5 eccetto dove altrimenti dichiarato. Navigando nel sito se ne accetta la   PRIVACY POLICY