CONFUCIANESIMO
   Sei a pag. 1 di home > Confucianesimo                              Religione

La religione confuciana

Secondo Confucio il Cielo è la fonte di una potenzialità che conferisce all'uomo un bontà innata e che lo indirizza -per natura- verso un comportamento corretto . Confucio chiama questa qualità il ren , la Virtù per eccellenza, virtù interiore, nascosta , che bisogna sviluppare.

Colui che possiede il ren cerca di perfezionarsi e aiuta gli altri a diventare migliori.
Il Cielo comunica con l'uomo solo rarissimamente. L'uomo perciò deve autoeducarsi ai comportamenti graditi al Cielo.

I Riti Confuciani contengono nella loro perfetta esecuzione tutta l'educazione morale necessaria per sviluppare il Ren. Nel sistema confuciano, l'unica libertà per l'uomo è quella di migliorarsi in vista della piena adesione del suo comportamento al modello propostogli nel complesso dei riti.
Questo miglioramento può giungere fino alla perfezione totale o santità .

La rivelazione

Gli uomini sono tutti, più o meno, dotati delle medesime qualità, salvo alcuni, gli shengren (termine che può essere tradotto con "santi" , cf.: taoismo ).
La "santità" o perfezione è la rivelazione nell'uomo dello Spirito dell'Armonia, il Tao.
Tutti gli altri uomini sono simili fra loro per qualità naturali e diversi soltanto in ragione delle abitudini contratte.

La salvezza

Lo Spirito  umano si compone di perfezione morale (Jen) ed imitazione del Cielo (Fa Tian) e si vivifica e nutre attraverso la perfetta osservanza dei riti (Li).

Per tutti è possibile elevarsi fino alla perfezione ed il mezzo è lo studio che può trasformare un "uomo comune" (shuren) in "uomo superiore" (junren).

L'"uomo superiore" è quasi all'altezza del "santo", con la differenza che mentre questi è tale per virtù innata, l'altro raggiunge la sua posizione "studiando a fondo la letteratura ed impadronendosi dei riti" ("Discorsi", VI, 25).
A questi uomini, che si sono perfezionati e migliorati attraverso lo studio, può essere affidato il governo della cosa pubblica e l'amministrazione: di qui l'origine del funzionario-letterato, scelto attraverso un sistema di esami, che fu tipico della Cina confuciana.

Lo Spirito si compone di perfezione morale (Jen) ed imitazione del Cielo (Fa Tian) e si vivifica e nutre attraverso la perfetta osservanza dei riti (Li).
Per il Confucianesimo, la tensione morale (= lo sforzo di adeguare i suoi comportamenti ai riti prestabiliti) è quella che rende l‘uomo “unico essere intelligente fra Cielo e Terra”.

Operando secondo temperanza e giustizia ed obbedendo alle proprie tradizioni
si conserva lo “Spirito” di questa unica ed irripetibile intelligenza.

Confucio diceva che un uomo virtuoso deve avere 3 timori:
    1- timore riverente per i Decreti del Cielo,
    2- timore riverente per i Grandi Uomini .
    3- timore riverente per le Parole dei Santi.

Il peccato

Perdere la propria tradizione o la propria umanità corrisponde a perdere lo “Spirito” della vera intelligenza.
Il non rispetto delle leggi e delle regole morali è la causa della morte spirituale (in altre parole la morte della vera intelligenza)

Gli antenati

Il rispetto verso gli antenati era fondamentale per tenere unita la società.

Secondo la dottrina confuciana, il rispetto per gli antenati come espressione di pietà filiale era fondamentale per il buon ordine dello stato.

Nell'immagine, due figli rispettosi fanno offerte e rendono omaggio alla tomba del padre.

Il sepolcro ha la forma di una mezzaluna, considerata di buon auspicio perché rappresenta l'equilibrio fra le forze yin e quelle yang.

I discendenti portavano anche offerte alle tavolette degli antenati nel tempietto domestico.

Chinare il capo era un modo per mostrare rispetto verso il padre, come si faceva in presenza dell'imperatore.

II Confucianesimo attribuisce una grande importanza al corretto rapporto fra padre e figlio, come pure fra sovrano e funzionario, principio esposto in uno dei Quattro Libri confuciani, il Giusto Mezzo.

I testi sacri

Sono considerati testi sacri , a volte i primi “5 CLASSICI”, a volte i primi “9 CLASSICI”,a volte i primi “ I 13 CLASSICI”.

.


1.I Ching [Yì Jing], Libro dei mutamenti
2. Shih Ching, Libro delle Odi (poesie e canti)
3. Shu Ching, Libro della Storia
4. Li Chi, Registro dei Rituali (o Libro dei Riti, Li Ching)
che comprende: 4a. Ta Hsüeh, Il Grande Insegnamento [1]
4b. b, La Dottrina di Mezzo [1]
5. Ch'un Ch'iu, Annali di Primavera e Autunno[2]
6. Chou Li, Riti di Chou (parte del Li Ching)
7. I Li, Cerimoniali e Rituali (parte del Li Ching)
8. Hsiao Ching, Classica Pietà Filiale
9. Lun Yü, Analecta [1]
10. Meng Tzu, Menciù [3] [1]
11. Er Ya, Dizionario
12. Kung-yang Chuan, commento del Ch'un Ch'iu
13. Ku-liang Chuan, commento del Ch'un Ch'iu [4]

L'Yiking

Yi significa " mutamento" e King significa " libro" : è il Libro dei Mutamenti. (si trova translitterato in molteplici forme : I KING,YJING , I CHING etc) L' Yjing, o Libro dei Mutamenti, è un testo di divinazione basato su rituali risalenti probabilmente al 3000 a.C.

LA CONSULTAZIONE DELL'YIJING

La divinazione è un aspetto fondamentale della vita tradizionale cinese, un modo per verificare l'approvazione del Cielo o prevedere una rottura dell'ordine umano e naturale.

L'Yjing si fonda sui rapporti mutevoli fra le forze yin e quelle yang all'interno dell'universo ed è basato sulla lettura di 64 esagrammi formati da linee spezzate (yin) e intere (pnng), che risultano dalla casuale disposizione di sei bastoncini estratti da un contenitore.

L' yi ching è un antico oracolo cinese che fornisce una chiave filosofica orientale per penetrare fenomeni , situazioni e problemi.

Si tratta di un metodo di divinazione che rappresenta uno dei primi tentativi dell'uomo di comprendere le relazioni tra uomo, natura e società. E' un libro sapienziale che illustra l'armonia di una azione nelle molteplici situazioni della vita. Mescola filosofie taoiste e Confuciane. Forse è il più antico libro conosciuto: viene fatto risalire a circa 5000 anni fa , il tempo dell'imperatore Fu Hsi che regnò in Cina dal 2852 al 2737 Avanti Cristo.

Confucio si dedicò particolarmente allo studio di questo libro ed alle sue applicazioni. "Ho cominciato all'età di 50 anni a studiare l' I CHING, grazie al quale ho conosciuto il mandato del Cielo" .Si dice che Confucio avesse consunto i legacci di cuoio che ne proteggevano la copia, a forza di aprirlo e richiuderlo, per i suoi studi. Egli affermo' che se avesse potuto aggiungere 50 anni alla sua vita, li avrebbe dedicati esclusivamente all'approfondimento del volume.

L'acqua della fortuna

Un fossato d'acqua che corre intorno alla casa è un elemento positivo, secondo la teoria del fengshui
Questo termine, che significa letteralmente "vento e acqua", indica la pratica cinese di determinare i siti propizi alla costruzione di edifici e tombe in accordo con le energie naturali (qi) del luogo. Se un edificio o una tomba hanno un "cattivo fèngshui, vuol dire che non sono ben collocati nel paesaggio e che lo scorrere del qi è disturbato. Ciò significa che eventi sfortunati sono destinati ad avvenire alle cose o persone ad essi associate.
   Sei a pag. 1 di home > Confucianesimo                              Religione
            CONFUCIANESIMO