Corso di Religione

Pag.  1
   1   2   3   4


EBRAISMO
Rivelazione.
D-o.
         


powered by FreeFind







In PrincipioGli ebrei sono uno dei popoli più antichi, sopravvissuti a 4000 anni di migrazioni, carestie, guerre, deportazioni, persecuzioni; nonostante ciò hanno in qualche modo mantenuto nel tempo la religione, le tradizioni, la cultura.

Di loro ci sono tracce già 4000 anni fa: provenendo dal cuore della Mesopotamia, sarebbero giunti in Palestina (abitata dai Cananei ), a ondate successive, a partire dagli inizi del II° millennio a.C.

La Palestina è la regione dell'Asia mediterranea, che si estende tra il deserto siriaco a est, il mar Mediterraneo a ovest, il Libano a nord e il Monte Sinai a sud-ovest.

Essa ha caratteristiche territoriali e ambientali diverse : zone verdeggianti per il pascolo; distese sabbiose e colline coltivabili; regioni montuose e fertili fasce di terreno intorno ai fiumi e ai laghi che richiamavano l'opera di contadini stanziali e che favorivano l'insediamento di nuovi popoli. Inoltre, la Palestina costituisce un ponte tra la Valle dei Nilo e quelle dei Tigri e dell'Eufrate; quindi è stata da sempre considerata come terra di passaggio, di insediamento, di razzia, di conquista.

Le vicende delle origini di questo popolo religioso sono narrate in quella raccolta di testi sacri che è la la Tanak ovvero la Bibbia Ebraica .

La religione degli antichi ebrei si differenzia  da tutte le religioni coeve dell'antico oriente mediterraneo e più in generale dalle forme religiose attestate in quella lunga fase storica del mondo antico che precede il 500 a.C. in quanto è già in quell'epoca attestata in libri canonici , cioè contenenti la rivelazione e normativi per la religione. Libri che sono ancora più antichi dei canoni stessi che li hanno contenuti.

Israele e Giuda
La formazione del popolo ebraico è una storia molto complessa.

Il popolo ebraico è il popolo d'Israele e di Giuda
: esso non compare né in un luogo né in un tempo precisi. Questa entità si forma assai lentamente in mezzo a civiltà molto antiche che hanno occupato lo spazio che va dalla Mesopotamia all'Egitto.

Si tratta di un popolo che trova pienamente la sua unità soltanto con la sovranità di Davide, una capitale - Gerusalemme- e un Tempio: quello di Salomone. (X secolo a.C.)

L'entità" Israele e Giuda" non sussisterà che durante i due regni di Davide e Salomone, ossia meno di un secolo. Le due entità Israele e Giuda conosceranno sorti differenti, ma non vivranno mai senza la speranza, il desiderio e la necessità di riunirsi. . Israele scomparirà sotto i colpi di Assur nell'VIII secolo a.C.; Giuda sarà distrutto da Babilonia nel VI secolo a.C.

Ma la rovina degli stati non significa la morte di un popolo. I Giudei continueranno a vivere, pensare, scrivere tanto in Palestina che a Babilonia e nella diaspora. Sul suolo palestinese riappariranno entità giudaiche con i Persiani e sotto la dominazione greca.

Un nuovo regno vedrà la luce a partire dal II secolo a.C., grazie alla rivolta dei Maccabei, regno che soccomberà sotto il peso dei contrasti interni sfruttati dai Romani.

L'occupazione romana (63 a.C.) si concluderà con le terribili guerre giudaiche del 70 e 135 d.C., che segnano la fine di ogni entità politica giudaica. E tuttavia Israele permane in molteplici comunità, tanto in Palestina che a Babilonia e in tutta la diaspora.

Per scrivere la storia di Israele e Giuda bisognerebbe tentare di seguire ognuna di queste comunità nella sua specificità, ma anche studiare i loro legami spirituali, culturali, economici.

Le tribù che formeranno Israele e Giuda hanno storie proprie e diverse prima di fondersi in una sola epopea attorno alla figura di Abramo e di Mosè, e attorno all'evento basilare: l'uscita dall'Egitto e l'esperienza del Sinai.

Il nome Israel si legge sulla stele del faraone Merneptah del XIII° sec. a.C. come nome di una tribù. Queste tribù provenivano da regioni diverse ed avevano pratiche religiose tribali di cui la Bibbia non dice molto. Veneravano divinità familiari o tribali come i teraphim .

Il Nome di D-o

Le tribù si uniranno in Palestina con vincoli di natura religiosa nel nome del dio YHWH. Il testo biblico Es 34 parla di queste tribù che siglano un patto con YHWH .

L'origine di tale nome è discussa ma è certo che non si tratta di una divinità palestinese ma piuttosto  di un dio che proviene dal deserto ai confini di Edom, Seir, Teman e Paran.

Testi egizi lo mettono in relazione con i beduini Shosu che si muovevano da Nord a Sud  lungo la Transgiordania e identificati dai filologi con Seth di Nm 24,17 e Gn 4,26 della Bibbia, presso Moab ed Edom.

La Bibbia riferisce di una confederazione di 12 tribù che si forma progressivamente all'epoca delle campagne di conquista nel nome di YHWH .

Nasce la 'am YHWH o qehal YHWH , la comunità o assemblea di YHWH, attraverso parentele di sangue, parentele fittizie, parentele e adozioni religiose, etc.

Abramo
" Secondo la Bibbia la prima migrazione fu quella della tribù Abramo che partì da Ur in Sumeria (regione della Mesopotamia meridionale), scampando alla distruzione annientatrice dei popoli invasori, provenienti dalle montagne. La rivelazione ad Abramo è una novità nella storia delle religioni antiche.

Nel Medio Oriente,verso il III° millennio a.C. i Sumeri ed i Semiti rappresentavano le loro divinità in forma umana circonfuse di luce e splendore (kabod, gloria) . Le statue delle divinità venivano ritualmente incoronate per significare il loro potere spirituale, il Sacro.

Gli Egizi  , nella valle del Nilo erano affascinati dalla contemplazione della natura. Gli egittologi riportano più di 750 divinità tra divinità cosmiche, saggi ed eroi divinizzati localmente e nazionalmente. Lo stupore di fronte alle meraviglie della natura portò i teologi di Eliopoli, Menfi, Ermopoli a considerare la Vita come il Sacro , rappresentandola con il simbolo Ankh. Questo simbolo veniva inciso ovunque, dai muri dei templi, alle stele funerarie, alle statue e veniva posto nelle mani delle rappresentazione statuarie degli dèi.
All'inizio del II° millennio si produce in Mesopotamia un evento di straordinaria importanza storica e religiosa : uno spirito chiamato da noi occidentali contemporanei "Dio" ( e ci si riferisce non al dio dei filosofi, nè a uno spirito supremo generico ma a questo spirito particolare, che gli ebrei non possono nominare banalmente e che devono scrivere  "D-o" ) si rivela ad un popolo che chiamiamo Abramo dal quale discenderà una storia che avrà un ruolo determinante e cruciale per l' Occidente contemporaneo e per il mondo intero.
L'antropologia del sacro rileva in questo evento una rottura nello sviluppo storico dell'homo religiosus.

In questa regione si trovano testimonianze della religione che risalgono al neolitico : l' inumazione dei cadaveri e i riti connessi con l'importanda della tomba nella relazione con il divino , le statuine della dea madre , la simbologia taurina, i santuari locali, i templi pubblici, l'invenzione della pittografia, le pitture che raffigurano l'orante, le statute antropomorfe delle divinità rivestite di gloria etc. sono le testimonianze dello sviluppo della coscienza dell'homo religiosus.

Con l'evento della rivelazione di D-o al popolo Abramo gli elementi strutturali dell'homo religiosus diventano altri :
-la parola-promessa di D-o
- la fede in questa parola
- il comportamento morale dell'uomo in ralzione a questa parola
-la storia vissuta in relazione con D-io.
-l'alleanza con D-o
-etc.


La Fede dei credenti nella parola di Dio che esprime un progetto di salvezza per popolo, l'esigenza di una separazione dalla sfera dell'impuro rituale e morale ovvero l'esigenza della santità, il culto esterno e interiore a Dio , mutano profondamente l'antropologia del sacro. "

[ cf.: Julien Ries Trattato di antropologia del sacro-vol V]

D-o
A quei tempi, i popoli erano politeisti, cioè mantenevano relazioni con più spiriti o dèi, mentre Abramo diventa monoteista: egli rompe con l'idolatria , per una monolatria , per dedicarsi al servizio di un dio unico, D-o che si era a lui rivelato  .

Il dio di Abramo è indipendente dalla Natura , è il dio dell'equità e della giustizia.

Dalla relazione di Abramo con D-o nasce una nuova nazione che recherà al mondo la conoscenza di quello che si rivelerà essere il "dio uno e unico" nel senso che è il cretore di tutti gli altri dèi o spiriti , quello che comunemente gli occidentali chiamano Dio.

Is 45,5 Io sono il Signore ( JHWH) e non v'è alcun altro;fuori di me non c'è dio;
Lev 26,1 Non fatevi idoli, non erigetevi statue o stele; non ponete nella vostra terra pietre lavorate per prostrarvi davanti ad esse. Io infatti sono il Signore ( JHWH), dio vostro.


[Dio : dal latino deus che viene dal greco theos che i romani pronunciavano zeus; presso gli indoeuropei   indicava lo Spirito Supremo di cui non c’era simulacro perché sacro era il suo Nome.
Theos era il  padre di tutti gli spiriti : in greco Theos Pater; in umbro JuPater; in latino Jupiter; in italiano Giove.]
Il Dio della Bibbia non è Giove, nè lo Spirito Supremo delle altre religioni : è uno spirito che si è rivelato con una potenza mai vista prima , superiore a tutti gli altri dèi; Egli si rivela addirittura come il creatore di tutti gli altri spiriti . Questo spirito introduce nel mondo e nella storia una realtà nuova, diversa da ogni altra forza operante nel cosmo.

Le 26,12 Camminerò in mezzo a voi, sarò vostro Dio e voi sarete il mio popolo.

A  partire da un capostipite, Abramo,  ha “ creato”   una discendenza di popoli e re che vive sotto la sua benedizione , alla sua presenza.

Gn 17, 5 Non ti chiamerai più Abram ma ti chiamerai Abraham perché padre di una moltitudine di popoli ti renderò. 6 E ti renderò molto, molto fecondo; ti farò diventare nazioni e da te nasceranno dei re. 7 Stabilirò la mia alleanza con te e con la tua discendenza dopo di te di generazione in generazione, come alleanza perenne, per essere il Dio tuo e della tua discendenza dopo di te. 8 Darò a te e alla tua discendenza dopo di te il paese dove sei straniero, tutto il paese di Canaan in possesso perenne; sarò il vostro Dio».

In questo modo D-o ha iniziato una storia di miracoli e prodigi cioè una storia di rivelazione.



top







RIVELAZIONE Pag.  1
1   2   3   4



home



DISCLAIMER. Si ricorda - ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62 - che questo sito non ha scopi di lucro, è di sola lettura e non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare" : gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate. Non può essere in alcun modo ritenuto un periodico ai sensi delle leggi vigenti né una "pubblicazione"  strictu sensu. Alcuni testi e immagini sono reperiti dalla rete : preghiamo gli autori di comunicarci eventuali inesattezze nella citazione delle fonti o irregolarità nel loro  uso.Il contenuto del sito è sotto licenza Creative Commons Attribution 2.5 eccetto dove altrimenti dichiarato.