Corso di Religione

TEOSOFIA
I maestri occulti

home INDICE

Pag.  2
1   2   3   4  
         


powered by FreeFind




I Maestri occulti I Maestri non sono spiriti, ma uomini tanto perfetti da avere completato il ciclo delle reincarnazioni, che decidono di rimanere nel mondo per aiutare gli altri.

I Maestri Morya e KutHumi e la Blavatsky

... « Madame Blavatsky rivelò al mondo intero gli insegnamenti segreti di due grandi Maestri o Saggi che, per la prima volta, decisero di diffondere l'antica Saggezza. 

Questi, come altri Maestri  fanno parte della cosiddetta Fratellanza Bianca  altrimenti chiamata la Grande Gerarchia. 

Helena Petrovna Blavatsky , li chiamava i Fratelli Maggiori, poichè, anche loro, un tempo, erano stati su questa Terra ed avevano calcato, come noi, i sentieri della materia evolvendosi poi, in Esseri che avevano realmente conquistato il diritto di chiamarsi Maestri. I due Maestri che ispirarono la creazione del movimento teosofico furono il Maestro Kut-Humi ed il Maestro Morya. Affermano i maestri:

«È molto difficile  
parlare a voi che vivete nella materia 
dei piani spirituali; 
ma sapere che esistono 
mondi più elevati 
fà si che questi 
diventino più facilmente raggiungibili...».





Le due opere principali di Madame Blavatsky, Iside svelata e La dottrina segreta non sono facili da accostare e propongono un complesso schema cosmologico.

Al vertice della gerarchia si trova Dio, o il Logo Cosmico, che si presenta come Trinità. Più in basso si situano sette logoi  planetari, che presiedono ai sistemi dell'universo. Gli elementi essenziali dell'universo stesso sono monadi o spirali che discendono attraverso sette piani di progressiva materializzazione, quindi risalgono - percorrendo il cammino contrario - verso la spiritualizzazione. Le monadi compiono il loro movimento a spirale lungo sette catene, ciascuna delle quali consta di sette «globi»

La Terra deriva da un processo di questo genere, e si trova nel quarto stadio (discendente) di materializzazione. All'inizio di questo quarto stadio è emersa l'umanità, che a sua volta ha una storia o percorso attraverso sette «razze-radici», ciascuna distinta in sette sotto-razze. La nostra razza attuale, i quinta, rappresenta l'inizio dell'ascesa verso la riconquista della spiritualità.

L' uomo è composto a sua volta di sette «corpi» (divino, monadico, spirituale, intuitivo, mentale, astrale e fisico), cui corrispondono sette piani di realtà. Alla morte ì due ultimi corpi (astrale e fisico) sono abbandonati, in attesa di prenderne di nuovi in una successiva reincarnazione.

Attraverso il processo delle reincarnazioni , che è un processo educativo , l'uomo impara a liberarsi dell'attaccamento ai piani più bassi.

Indispensabile, a questo fine, è l'aiuto dei Maestri, i quali formano una gerarchia intermedia fra il Logos Solare, che è quello tra i sette logoi planetari che governa il nostro sistema, e gli uomini.

I Maestri non sono spiriti, ma uomini tanto perfetti da avere completato il ciclo delle reincarnazioni, che decidono di rimanere nel mondo per aiutare gli altri ( come i bodisattva del buddismo ). Alcuni Maestri - tra cui Morya, Koot Hoomi, Gesù e il principe ungherese Rakoczy (identificato con il Conte di Saint Germain, 1710-1784, il leggendario esoterista del Settecento) - hanno avuto un ruolo particolare nella vita dei fondatori della Società Teosofica.

I Maestri operano lungo sette «raggi», linee di attività che emanano dal centro del mondo per guidare tutti gli aspetti della vita sulla Terra.

Lo scopo principale che molti soci ritengono essere proprio della Società Teosofica consiste nel tenere aperte «linee di forza» attraverso cui i Maestri possano guidare l'umanità.

Nella vita della Società, questa ambizione si traduce in un'ampia attività di tipo culturale, artistico, umanitario e sociale, che ha dato un contributo decisivo alla conoscenza della spiritualità orientale in Occidente, così come alla presa di coscienza da parte di molti indiani della ricchezza della loro eredità religiosa.

Ciò detto, la classica triplice auto-definizione della Società Teosofica riconosce le proprie finalità nella costituzione di un nucleo della fratellanza universale dell'umanità, senza distinzioni di razza, credo, sesso, casta o colore; incoraggiamento allo studio comparato delle religioni, filosofie e scienze; investigazione delle leggi inspresse della natura e dei poteri latenti nell'uomo....»


(credits : ENCICLOPEDIA DELLE RELIGIONI IN ITALIA -ELLEDICI)





Lo studio comparato  delle religioni 
è una attività tipica della teosofia




Teosofia ed arte .
Ricerca CESNUR




top







TEOSOFIA
Pag.  2
1   2   3   4  
home  INDICE

home



DISCLAIMER. Si ricorda - ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62 - che questo sito non ha scopi di lucro, è di sola lettura e non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare" : gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate. Non può essere in alcun modo ritenuto un periodico ai sensi delle leggi vigenti né una "pubblicazione"  strictu sensu. Alcuni testi e immagini sono reperiti dalla rete : preghiamo gli autori di comunicarci eventuali inesattezze nella citazione delle fonti o irregolarità nel loro  uso.Il contenuto del sito è sotto licenza Creative Commons Attribution 2.5 eccetto dove altrimenti dichiarato.