Corso di Religione

Pag.  1
1     2     3     4 


ROCK SATANICO
Le cronache
         


powered by FreeFind




I giornali« L’idea di una musica che può spingere alla pratica del satanismo, fino a qualche tempo fa, era considerata una semplice ipotesi. Ma alcuni fatti di cronaca, accaduti proprio in Italia, hanno dimostrato che i messaggi lanciati da alcuni cantanti possono avere effetti devastanti .

Soprattutto quando vengono ricevuti da ragazzi psicologicamente fragili ed influenzabili.

Un caso noto è quello di un giovane satanista di La Spezia, protagonista di “visite notturne” nei cimiteri, con profanazioni di tombe e furti di teschi ed ossa. 

Il ragazzo, oggi completamente pentito, ha dichiarato: “Mi dispiace per quello che ho fatto. Mi sono lasciato trascinare dalla musica black metal, che seguo da più di dieci anni. In particolare i testi di alcuni gruppi norvegesi e svedesi, tra cui i Mayhem, i Darkthrone e i Marduk.  Mi hanno condizionato a tal punto che ripetevo come un automa quello che loro raccontavano nelle canzoni. (...) Quella musica, che ascoltavo anche dieci ore al giorno, mi prendeva a tal punto che non mi rendevo conto della gravità dei miei gesti”

La procura di La Spezia, dopo la confessione del giovane, ha condotto una vasta indagine denominata “Operazione Diablo”, in seguito alla quale si ritrovano indagati nove giovani dai diciotto ai ventisette anni.

Le accuse vanno dal danneggiamento e violazione di sepolcro al furto aggravato di arredi sacri . Daniele Murgia, ispettore della questura di La Spezia che ha seguito l’operazione, ha dichiarato: “Il filo conduttore che legava queste persone nel loro culto del male era la musica black metal. I loro contatti avvenivano sia a livello epistolare, sia ai concerti di rock satanico” .
"

"Fabio, 16 anni, si era messo con le Bestie di Satana , si imbucava a Milano nelle birrerie dark dietro Porta Romana, cantava black metal music nel Circus of Satanics e sul suo diario scriveva che “risorgeranno gli antichi con a capo il signore delle tenebre”.

Invece, da una fossa nei boschi di Somma Lombardo, è uscito il suo corpo martoriato, accanto a quello di Chiara, 19 anni, anche lei del gruppo.

Quando scomparvero era il 17 gennaio 1998. Ci sono voluti più di sei anni e un’altra ragazza, Mariangela, uccisa con una pistolettata e un badile 24 gennaio 1999, e altre quattro morti sospette, e la cattura di Andrea con la sua confessione, e poi quella di Nicola e Pietro e Mario ed Elisabetta, perché si scoperchiasse l’inferno."

ROMA-2004- Corriere della Sera..

"La black metal music è nazistoide, antiebraica, sfrenatamente anticristiana. Un cd del 1995 dei Marduk, svedesi, ha per titolo “Fuck Me Jesus” (= Fottimi Gesù) e per immagine una giovane donna che si masturba con un crocifisso.

Specie nell’Europa del nord i suoi fan bruciano chiese, scoperchiano tombe nei cimiteri. Nel 1992 un membro della black metal band Emperor uccide per strada un gay, a Lillehammer, semplicemente perché non sopporta di vederselo passare vicino.

Giovanni Paolo II intravede questa nuvola tenebrosa, infernale, quando decide, quasi per istinto a metà del suo pontificato, di dedicarsi anima e corpo alle masse giovanili. Le giornate mondiali della gioventù sono la sua crociata contro il fumo di Satana a difesa della purezza delle nuove generazioni. Figli della luce contro figli delle tenebre.

Nella Chiesa lo seguono freddi, il diavolo e l’inferno sono capitoli in disuso, gli esorcismi men che meno. Ma anche qui il papa tiene alta la fiaccola. Pratica lui stesso esorcismi, e non in segreto. Affinché il mondo sappia.   "

Benedetti Massimo, “Il mio demonio era la musica black metal”, in “La Nazione”, 26 agosto 1996.

-" Non è il satanismo alto ma quello basso, che più preoccupa la Chiesa: il satanismo disordinato e selvaggio che non ha organizzazioni, né indirizzi, né ideologie, ma permea circuiti di pedofili, gang criminali, club sadomaso, soprattutto bande giovanili. Non è il satanismo di Charles Manson, ma piuttosto del suo quasi omonimo Marilyn Manson. Non delle messe nere, ma della black metal music.

Il satanismo selvaggio non sa nulla degli elaborati dell’occultismo. Naviga su internet, abita anche le discoteche, consuma droga, ascolta e riproduce una musica molto particolare come la musica della Dark Wave: l’ondata tenebrosa, “gotica”, partita negli anni Settanta dall’Inghilterra e dagli Stati Uniti con Alice Cooper e i Black Sabbath e presto divenuta una subcultura impastata di sangue, di morte, di macabro, con un suo gergo, un suo abbigliamento rigorosamente sul nero, le sue riviste tipo “Propaganda” e “Ghastly”, i suoi scrittori horror tipo Anne Rice, le sue band musicali, i suoi films.

Tra i gruppi di successo  della metal music Venom, con la compilation “Welcome to Hell”, del 1997 e Mayhem, con “Carnage” nel cd “Live in Leipzig” del 1990: “Magia, sangue, Satana / Faccia a faccia con la morte / Sangue / Fuoco / Tortura / Dolore / Uccidi! / Venti di guerra, venti di odio / Armageddon, voci dall’inferno / Voglia di massacro, voglia di peccato / Vieni e ascolta i canti di Lucifero”.
Sandro Magister- l'Espresso

"I giovani e l'esoterismo. Magia, satanismo e occultismo: l'inganno del fuoco che non brucia"
Carlo Climati, giornalista professionista e scrittore. E' responsabile dell'ufficio stampa dell'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum e redattore della rivista "Alpha Omega". Scrive per "Avvenire", l'agenzia stampa "Sir", "Don Orione Oggi", "Il Timone" e "Sì alla Vita". Collabora con il Gris (Gruppo di Ricerca e di Informazione sulle Sette) e con l'Ucsi (Unione Cattolica Stampa Italiana). Tra i suoi saggi: "I giovani e l'esoterismo" (Paoline), "Inchiesta sul rock satanico" (edizioni Piemme) .

1. Il "boom" dell'esoterismo

Britney Spears marchiata 666.

..."Che cos'è l' esoterismo ?

Con questa parola s'intende tutto ciò che è conosciuto da una ristretta cerchia di persone e non può essere svelato pubblicamente. Ad esempio, un particolare tipo di magia, le tecniche per la lettura della mano o delle carte, le formule per l'evocazione degli spiriti, i segni utilizzati per stabilire un patto con il diavolo.


Esoterismo è qualcosa di misterioso, di segreto, di occulto. E' un linguaggio conosciuto soltanto da pochi eletti, che lo utilizzano per i loro scopi. Perciò, di fatto, l'esoterismo è un modo per esercitare un potere nei confronti di qualcun altro. Chi esercita questo potere?

Gli "iniziati". Ovvero, i pochi eletti che sono stati ammessi alla conoscenza di qualche culto o magia particolare. Ad esempio, gli astrologi, i cartomanti, gli stregoni e i maghi di ogni genere.

Gli iniziati esercitano un grande potere nei confronti degli altri. E questi "altri", spesso, sono persone deboli, fragili, in crisi, in difficoltà. Sono persone che stanno attraversando un momento critico nella loro vita, che cercano delle risposte immediate ai propri interrogativi o una soluzione ai loro problemi. L'iniziato dice: "Io ho il potere di guarirti. Ho il filtro magico che ti permetterà di trovare l'amore che stai cercando". Oppure: "Attraverso la lettura delle carte posso aiutarti a conoscere il tuo destino". Oppure: "Questo amuleto ha un potere immenso e cambierà completamente la tua vita". Oppure: "Sono in grado di metterti in contatto con lo spirito di tuo fratello, che è morto l'estate scorsa in un incidente stradale".

Sono tutti dei chiarissimi esempi di esercizio del potere nei confronti di persone che cercano disperatamente una risposta alle proprie domande. Tra queste persone, ci sono anche tantissimi giovani.

Spire 666- Artwork del gruppo musicale Metallica

L'interesse dei ragazzi per l'esoterismo, negli ultimi anni, è cresciuto in modo spaventoso. Oroscopi, amuleti, Tarocchi e sedute spiritiche sono, ormai, i compagni di strada delle nuove generazioni, vittime di un vero e proprio bombardamento esoterico, effettuato attraverso i mezzi più vari: la musica, la televisione, i videogiochi, i fumetti, il cinema, la discoteca.

E' un bombardamento che trova terreno fertile nella vita di molti giovani, spesso caratterizzata da una profonda solitudine, da situazioni familiari difficili e da incertezze per il futuro. L'interesse per l'esoterismo, proposto come soluzione immediata dei problemi quotidiani può causare danni enormi nella mente dei ragazzi.

Può contribuire a creare una generazione di "nuovi schiavi", intrappolati nei loro stessi comportamenti.
Il maggiore elemento di preoccupazione è rappresentato dalla crescente attrazione, da parte dei giovani, verso il satanismo. Aumenta sempre di più il numero dei ragazzi che si dichiarano "affascinati" dal diavolo e dalla magia nera. Giuseppe Ferrari, segretario nazionale del (Gruppo di Ricerca e di Informazione sulle Sette) ha identificato alcune possibili strade che conducono al contatto con il mondo del satanismo:

"la frequentazione di ambienti esoterici, magici ed occultistici, unita al desiderio di spingersi oltre per sperimentare sempre nuove vie di 'conoscenza'; la partecipazione a sedute spiritiche, per evocare entità particolari, durante le quali non è difficile arrivare ad evocare spiriti demoniaci e incontrare chi partecipa anche a riti satanici; il ricorso alla cosiddetta 'magia nera' per affrontare e tentare di risolvere problemi di vario genere; l'attrazione idolatrica mostrata nei confronti di alcuni personaggi e fenomeni musicali ai quali è concesso, attraverso i messaggi delle loro canzoni, di bestemmiare, di invitare al suicidio, all'omicidio, alla violenza, alla perversione sessuale, all'uso della droga, alla necrofilia; l'attrazione per l'horror, il macabro, la violenza fine a sé stessa, la pedofilia, diffusi nella società attraverso vari mezzi fino a desiderare esperienze dirette in ambienti che si ispirano a tali concetti e comportamenti".

Il bombardamento esoterico nei confronti dei giovani ha dei "registi" ben precisi, che sono perfettamente consapevoli di ciò che stanno facendo. Sono coloro che aderiscono a sette sataniche o che si riconoscono nelle dottrine magiche di un particolare "maestro". Possiamo definirli "i guerrieri del diavolo".

Combattono per il demonio, perché credono in lui. Il loro scopo è quello di diffondere il male. E per farlo, questi "guerrieri" puntano soprattutto alla corruzione dei ragazzi, che saranno i protagonisti della società del domani. Colpire i giovani, rendendoli schiavi dell'esoterismo, significa tentare d'assicurarsi il dominio del futuro e sperare in una sempre maggiore presenza del male nel mondo.

Oltre ai "guerrieri", esistono anche i "mercenari". Sono quelli che utilizzano l'esoterismo per ragioni commerciali. Il loro scopo non è diffondere il male, ma semplicemente fare soldi. Oroscopi, magia, sedute spiritiche e dischi di rock satanico muovono un giro d'affari di diversi miliardi. Pertanto, c'è chi ha deciso di arricchirsi sulla pelle dei giovani, attirandoli nella trappola dell'esoterismo.


Anton La Vey fondatore della Chiesa di Satana

I "mercenari del diavolo" sono quelli che, pur non credendo nel demonio, "combattono" per lui. Lo fanno soltanto per guadagnare soldi. Sono, dunque, i suoi "mercenari". Pensiamo, ad esempio, alle case discografiche che producono dischi di rock satanico, o a certe riviste per ragazzi che pubblicano articoli su magia ed esoterismo. Sfruttando la moda dell'occultismo, alimentano i propri conti in banca.

I "mercenari" del diavolo sono i migliori alleati dei "guerrieri" di Satana. Fanno il loro stesso gioco e diventano complici della diffusione del male tra i ragazzi. Così, il "virus" dell'esoterismo ha la possibilità di colpire con maggiore facilità e negli ambienti più disparati.


2. Un alleato per vincere i problemi

La stella a 5 punte sul palmo delle mani di molte star e di molti giovani per diffonderne, secondo una credenza diffusa, lo spirito di Satana.

Come si diffonde il "virus" dell'esoterismo? Quali sono le cause dell'epidemia esoterica che colpisce le nuove generazioni? Tutto nasce da un grande equivoco. I giovani pensano che l'esoterismo sia qualcosa di bello, di simpatico, di affascinante. Credono di trovare nell'occultismo un alleato per risolvere i propri problemi. E così, si avvicinano con fiducia alle pratiche magiche, allo spiritismo e al satanismo, senza accorgersi che stanno scherzando col fuoco.

Il "virus" dell'esoterismo si diffonde perché, tra i giovani, mancano sempre di più gli anticorpi per affrontarlo.

Non ci sono difese immunitarie. Negli ultimi anni i ragazzi hanno subìto una specie di lavaggio del cervello che li ha spinti a non avere più paura di ciò che appartiene al mondo dell'occulto. Eppure, l'approccio con gli ambienti esoterici può rappresentare un vero rischio. Partecipare ad una seduta spiritica o ad un rito satanico significa spalancare le porte verso mondi davvero pericolosi. Si comincia per gioco, e non si sa mai dove si può arrivare.


Il tema della magia, da sempre, ha fatto parte delle fantasie di bambini e ragazzi.

Le vecchie favole sono piene di streghe, fate ed incantesimi. Come dimenticare la zucca che si trasforma in una carrozza per portare Cenerentola al ballo? E la dolce fatina di Pinocchio? E i baci magici che trasformano i rospi in bellissimi principi?

Milioni di bambini si sono addormentati ascoltando queste fiabe. Ma c'è una bella differenza tra una concezione della magia del tutto innocente, che può aiutare a sognare, e certi inviti (palesi o occulti) alla vera e propria pratica dell'esoterismo. Ovviamente, non si può uccidere la fantasia.

I bambini e i ragazzi hanno diritto alla loro libertà di fantasticare, anche sognando mondi popolati da draghi, maghi e stregoni. Tutto questo non deve far paura e non deve scatenare allarmismi. Ciò che, invece, deve destare preoccupazione è la malafede di chi strumentalizza la sensibilità dei giovani al mondo del fantastico per trasmettere messaggi negativi e contro la vita.


3. La brutale realtà del mondo

Non é corretto addossare tutte le colpe del disagio giovanile ai mezzi di comunicazione, alla musica rock o alle discoteche. Questi elementi, infatti, costituiscono soltanto una parte del problema. Bisogna considerare anche le tante amare situazioni che vivono i ragazzi di oggi, e che li rendono sempre più fragili e vulnerabili.

Pensiamo, ad esempio, a quanto sia difficile trovare un lavoro. Pensiamo alle grandi speranze dei giovani che escono dalla scuola o dall'università e che si scontrano con la brutale realtà del mondo. Nella scuola si viene educati all'onestà, alla lealtà, alla giustizia. Ma poi ci si accorge, con il tempo, che a fare strada nella vita sono, spesso, i furbi, i ladri, i leccapiedi di turno. E l'onestà sembra essere soltanto una scomoda "palla al piede", che rischia di farti morire di fame.

I ragazzi hanno un cuore grande e nobile. Difficilmente cedono ai compromessi. Di fronte alle terribili ingiustizie della vita si sentono traditi, violentati, stuprati. Avvertono nel cuore quella drammatica sensazione che fu descritta così bene da Luigi Tenco nelle parole della canzone Ciao amore ciao: "Non saper fare niente in un mondo che sa tutto".

I veri "diavoli" che attentano alla vita dei giovani, in molti casi, non sono i cartoni animati giapponesi o il rock satanico. Sono i genitori assenti, i datori di lavoro disonesti, i politici corrotti, gli spacciatori di droga, i pedofili, i mercanti di bambini, gli ipocriti e i mafiosi e di ogni razza. Sono i silenzi, le omertà, i soprusi, le indifferenze, i compromessi e le incomunicabilità della vita quotidiana.


4. Il rock satanico uccide la speranza

Il satanismo giovanile esiste ed è una triste realtà con la quale, purtroppo, bisogna confrontarsi.

La prima considerazione da fare, per comprendere meglio il fenomeno, è che il comportamento dei ragazzi è sempre il frutto di un'educazione.
Un tempo l'educazione era compito esclusivo di pochi maestri: i genitori, gli educatori della scuola e quelli religiosi. Era un'educazione più controllata.

Oggi c'è più "concorrenza". I ragazzi sono "educati" anche dalla televisione, da Internet, dai testi delle canzoni, dalle riviste per adolescenti. Sono bombardati da messaggi che contribuiscono spesso a creare conflitti e stati di disagio.


Bisogna, poi, considerare il fenomeno delle "nuove solitudini". Ad esempio, la solitudine di chi naviga per ore su Internet davanti allo schermo di un computer. Oppure, quella di chi ha il televisore nella propria cameretta, o di chi si immerge per pomeriggi interi nelle fantasie passive e già pronte dei videogiochi. Quando si è soli, è molto facile essere schiavizzati, strumentalizzati,indottrinati.

Il "ponte" più immediato che avvicina i ragazzi al satanismo è sicuramente un certo tipo di musica rock che si ispira all'occultismo, e che muove un giro d'affari di miliardi. Tanti cantanti diffondono liberamente la non-cultura della morte, della violenza, della droga, del suicidio.Naturalmente, non bisogna cadere nell'errore di generalizzare e condannare tutta la musica rock. Ma, nello stesso tempo, abbiamo il dovere di aiutare i ragazzi a smascherare certi cattivi maestri, spacciatori di violenza e satanismo, promotori di una non-cultura di oscurità e di malinconia.


Durante una lezione, una studentessa ci ha raccontato che un gruppo di suoi amici ha appena perso (=è morto) uno di loro, il sabato notte, perché lui (ma anche gli altri) guidava ubriaco.

Ebbene, questi altri, invece che prendere la disgrazia come avvertimento anche per loro, cosa hanno fatto? Il sabato successivo sono andati sul luogo del disastro e hanno bevuto (e usato droghe) in onore del defunto.

E poi, via di nuovo… alla grande. Interrogati da questa ragazza sul perché fanno così, essi hanno risposto che la vita è uno schifo (eppure vanno all’università, hanno un lavoro, ecc.), di giorno si vegeta e di notte si vive, si va alla grande. Non c’è altro senso, alla vita. Ecco, io credo che questo sia l’esito del nichilismo.

Purtroppo, molti giovani sembrano essere affascinati da certe orribili filosofie. Non è difficile incontrarli, di notte, fuori dai locali che propongono questo tipo di musica. In genere, sono vestiti di nero. Spesso hanno le braccia segnate da piccole ferite, che si procurano da soli.

Questi tagli sono un segno di resa, di pessimismo.


Simboleggiano, forse, altre ferite più profonde, che sono quelle della vita di tutti i giorni. Una vita spesso segnata dall'incomunicabilità, dalla mancanza di dialogo in famiglia, dalle difficoltà nella scuola o nel lavoro.

Il satanismo, in fondo, non è altro che questo: la morte della speranza. L'invito a ripiegarsi su sé stessi e a credere nel nulla, nel fatto che la vita sia soltanto una giungla in cui i più forti trionfano sui più deboli.
Carlo Climati - www.carloclimati.com 

"Si può ipotizzare che un certo tipo di rock possa spingere i giovani alla violenza?

"Il messaggio negativo che viene proposto da un disco, da solo non può certamente spingere alla violenza o all'omicidio, però a volte potrebbe essere un seme gettato nel fertile campo del disagio giovanile. Insomma possiamo dire che un micidiale cocktail di rock nichilista e di problemi umani può produrre effetti devastanti nella mente di giovani che sono in crisi o che sono psicologicamente fragili.

Perché? Quali messaggi vengono proposti dal rock satanico  ?

I messaggi del rock satanico si possono riassumere nel motto dell'occultista inglese AleisterCrowley, che si può considerare il padre del satanismo moderno. Il suo motto era "Fai ciò che vuoi", cioè un invito a vivere la vita senza regole e senza limiti. Quindi la presunzione dell'uomo che vuole mettersi al posto di Dio e diventare Dio di se stesso.

Il rock satanico tende a sfruttare quello che è l'istinto di ribellione di molti ragazzi. Quindi, alcune case discografiche tendono a produrre dischi che hanno questi messaggi di ribellione, di trasgressione. E quindi, in un certo senso, fanno i soldi sulla pelle dei giovani. Io credo, innanzitutto, che bisogna chiarire che non tutto il rock è satanico, soltanto una parte della musica rock ha questo tipo di messaggi.

Come si fa a capire qual è il rock satanico e quale no?

Basta innanzitutto guardare già la copertina di un disco: se ci sono delle immagini blasfeme, se ci sono dei segni tipici del satanismo come le croci rovesciate, ecco, già possiamo identificare un certo tipo di messaggio. Poi naturalmente ci sono anche i testi, che spesso sono molto violenti, carichi di odio e quindi, chiaramente, sono testi satanici.

C'è questo interesse per l'esoterismo, per il satanismo che cresce sempre di più e si accompagna alla musica rock, alla lettura di certe riviste, che, tra l'altro, fanno da ponte tra i giovani e il mondo dell'esoterismo. Quindi attraverso i dischi è possibile avvicinarsi a questo tipo di ambienti. Io credo che questa situazione dell'omicidio di Chiavenna, potremmo definirla una situazione simbolo, di giovani che sono stati devastati dall'interesse per l'esoterismo.

Cosa si può fare per prevenire il dilagare di questi messaggi?

I genitori devono fare attenzione ed aiutare i ragazzi nelle loro scelte. Bisogna capire che la musica è qualcosa che influenza notevolmente i ragazzi, quindi ciò che i cantanti dicono conta. E' importante, per questa ragione, cercare di aiutare i ragazzi a fare delle scelte musicali diverse: a recuperare l'amore per una musica diversa e non per la musica satanica. "

Radiogiornale di Radio Vaticana (9 luglio 2000)


"Tra gli eccessi di certi gruppi rock non c’é soltanto l’adorazione del diavolo. Argomenti ricorrenti, nei testi delle canzoni, sono anche l’esaltazione del suicidio e dell’eutanasia, il razzismo, la blasfemia, l'antisemitismo, l'anticristianesimo.

Alcuni cantanti invitano apertamente l’ascoltatore ad uccidersi, dicendogli che la vita é triste, che il mondo fa schifo e che non vale la pena di restare su questa Terra.

Un esempio lampante di questa “musica contro la vita” lo troviamo nella canzone “Suicide solution” di Ozzy Osbourne. All’interno del brano si può trovare un messaggio seminascosto che invita l’ascoltatore a spararsi con una pistola: “Ah, nessuno. Tu solo sai realmente dove si trova. Tu ce l’hai. Perché? Prova! Prendi la pistola e provala. !”.

Sulla copertina interna di un disco dei Christian Death troviamo la scritta in francesce “L’invitation au suicide” (L’invito al suicidio). Mentre il disco “Stained class” dei Judas Priest raffigura l’immagine di una testa attraversata da un colpo di pistola. E così via. All’eutanasia é dedicato il disco “Youthanasia” dei Megadeth, ispirato alla vicenda del “Dottor Morte” Jack Kevorkian, medico tristemente noto per aver “aiutato” alcuni pazienti a farla finita. Secondo i Megadeth, l’eutanasia non sarebbe altro che una metafora della vita. “Se si può scegliere come vivere, perché non si può scegliere come morire?”, hanno dichiarato in un’intervista.

[“I Megadeth e l’eutanasia”, in “Tuttifrutti”, luglio 1994.]

Si può qualificare una musica come "satanica" ?
Puo' una musica rock essere buddhista piuttosto che cristiana o atea?  Stupidaggini!

Il buon senso ci dice che la musica è semplicemente musica, suoni, note.Allora che cosa ha indotto i giornalisti che hanno osservato il fenomeno a coniare una espressione apparentemente idiota come rock satanico?

Si tratta di un insieme di generi musicali contemporanei che molto spesso -direttamente o indirettamente- si richiamano o addirittura inneggiano a Satana , per motivi puramente commerciali o perché i musicisti sono effettivamente collegati a gruppi di tipo satanista.

Il probelma non riguarda la musica ma le persone che questa musica coinvolge.

Questa musica è veicolo di stili di vita e pratiche psichiche o di religiosità secondaria che influiscono negativamente sulla formazione e sulla stessa salute di molti adolescenti e giovani - centinaia di migliaia - tra i 12 ed i  25 anni in tutto l'Occidente e non solo.

Gli adolescenti e giovani che in modo diverso ed a vari livelli di coinvolgimento ruotano intorno a quell'arcipelago di generi musicali che i media hanno battezzato "rock satanico" ricevono dalla musica, dai testi, dall'artwork di copertine e riviste , dai gadget di ogni specie,dai libri , dalle dichiarazioni dei loro idoli musicali , dai comportamenti pubblici dei componenti i gruppi musicali etc. una vera e propria iniziazione ed educazione all'anticristianesimo e a volte al satanismo e non soltantocultura di ribellione ai modelli sociali dominanti.

Carlo Climati , qui giustamente, ammonisce : " Bisogna capire che la musica è qualcosa che influenza notevolmente i ragazzi, quindi ciò che i cantanti dicono conta. E' importante, per questa ragione, cercare di aiutare i ragazzi a fare delle scelte, anche in campo musicale , che non li introducano in "spiritualità" pericolose per la loro formazione. I genitori devono fare attenzione ed aiutare i ragazzi nelle loro scelte. "

La " spiritualità" , oggi termine molto di moda , indica lo "spirito con cui la persona coltiva il proprio rapporto con il Mistero, la Trascendenza", tutto ciò che in qualche modo educa, forma, coltiva il suo naturale sentimento religioso .

Se un adolescente a partire dagli 11-12 anni e per anni- come oggi succede- viene a contatto per ore ogni giorno (anche 4-5 ore) con una musica è fatta ora per diprimere, ora per esaltare, per suggestionare violenza, razzismo,   odio, avversione per la religione, per abolire il senso morale, brani che parlano continuamete di satana, di trasgressione estrema, che bestemmiano Dio, Gesù, che inducono ad una regressione al paganesimo, ad una mitica tribalità senza regole, che promuovono lo squilibrio, l' esercizio di eccessi, etc.

Questa spiritualità quale personalità plasmerà? Quale formazione ricevono i giovani dalla musica e dai testi metal che inneggiano continuamente a rovina morte distruzione suicidio, inferno etc?

La scienza ci dice che questa formazione è pericolosa. Non sono masse ma sono in aumento i giovani che escono da queste esperienze e che soffrono di varie forme maniacali e depressive.

Il Dr. Paul King, medico e direttore del programma per adolescenti del Charter Lakeside Hospital, a Memphis nel Tennessee, asserisce che più dell' 80 % dei suoi pazienti sono ospedalizzati a causa della musica rock  .

"I testi, egli afferma, diventano una filosofia di vita, una religione..."

Un fan di Slayer scriveva sul magazine Spin  nel Maggio 1989: "Io odio il vostro Dio, Gesù Cristo. Satana è il mio Dio. Sacrifico animali per lui. Il mio dio è Slayer. Credo nelle parole delle sue canzoni.

Naturalmente -grazie a Dio- non tutti i giovani che ascoltano musica rock si dedicano al satanismo o seguono le sottoculture di cui questi stili musicali sono portatori. Ci sono molti giovani cristiani che ascoltano musica metal e non si sognano neppure di fare satanismo di nessun genere. Non si sentono satanisti, non vogliono diventarlo...ma  tutto lascia un segno sulle persone.

Messaggi nascosti I sostenitori della teoria dei messaggi subliminali

-"Un fenomeno che ha destato molta curiosità, oltre al satanismo esplicito, é quello dei “messaggi nascosti” nei dischi di famose rock-star.I messaggi nascosti vengono registrati al contrario, in sala di incisione.

E si possono decifrare facendo girare il disco al rovescio. Ad esempio, ascoltando al contrario la canzone dei Led Zeppelin “Stairway to heaven” si otterrà una voce che dice: “Ecco il mio dolce Satana, la cui piccola via non mi renderà triste, e della quale il potere è Satana. Egli darà il progresso, dandoti il sei, sei, sei” (numero biblico dell’Anticristo).

Questo tipo di tecnica si può ricondurre all’antica tradizione dei satanisti di recitare preghiere cattoliche al contrario, durante le “messe nere”, per dissacrarle e rivolgerle al diavolo.

In linea con questo tipo di rituali é un disco del complesso Christian Death, “Prayer”, in cui é stato registrato il Padre Nostro al contrario. Ovviamente, trattandosi di una preghiera al demonio, sono state eliminate le ultime due frasi: “Non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male”.

Satana, di sicuro, non le avrebbe gradite. Non mancano, comunque, i gruppi rock che li hanno utilizzati semplicemente come forma di scherzo o di provocazione.

Tra questi ci sono i Pink Floyd, che nell’album “The Wall” hanno inserito la frase: “Congratulazioni! Hai appena scoperto il messaggio segreto. Per favore, manda la tua risposta ai vecchi Pink, presso la buffa fattoria, Chalfont”.


Colombo Andrea, “Altri nove satanisti sotto inchiesta”, in “Avvenire”, 5 settembre 1996.

" ...« Diversa è la questione dei cosiddetti «messaggi subliminali» (espressione peraltro imprecisa) che sarebbero contenuti in brani di musica rock anche di musicisti che non si presentano come «satanici».

La presenza di messaggi che possono essere ascoltati soltanto facendo girare il disco al contrario è stata denunciata negli anni 1983-1985 da pastori battisti (Gary Creenwald,Jacob Aranza) e quindi dal religioso cattolico Jean-Paul Régimbal (1931-1988). L

La controversia è stata così vivace da determinare un interesse del mondo accademico, che ha realizzato numerosi esperimenti di laboratorio da cui ha concluso che:



(a) effettivamente in alcuni dei brani incriminati esistono messaggi dove si inneggia a Satana che possono essere ascoltati soltanto facendo girare il disco al contrario;
ma (b) contrariamente a quanto sostenuto dagli autori protestanti e cattolici che hanno per primi denunciato il fenomeno, è impossibile che chi ascolta la musica così come viene normalmente riprodotta sia in grado di percepire «subliminalmente» messaggi che possono essere ascoltati soltanto facendo girare il disco al contrario, e pertanto questi messaggi - quando ci sono per dawero - sono inseriti nei brani musicali per le ragioni più diverse, dallo scherzo alla scaramanzia, ma - per ragioni neurologiche che la letteratura accademica ha illustrato - non sono in grado di influenzare coloro che ne ignorano l'esistenza e che ascoltano la musica così come si presenta (senza far girare il disco al contrario).
"

Il prof Massimo Introvigne direttore del CESNUR - ( Il Satanismo- Collana Religioni e movimento -ElleDiCi)

Cfr., fra i molti studi di psicologi, neurologi e sociologi sul tema:
JOHN R. VOKEY - J. DoN READ, «Subliminal Messages: Between the DeviI and the Media», AmencanPsychologyJ, voI. 40, n. 11 (1985), pp. 1231-1239; STEPHEN B. THORNE - PHILIP HIMELSTEIN, «The Role of Suggestion in the Perception of Satanic Messages in Rock-and-Roll Recordings»,journal of PsychologyJ, voI. 116 (1984), pp. 245-248; e l'intero voI. 5 (1988) di Psychology and Market .


top







Pag.  1
1     2     3     4 

home

DISCLAIMER. Si ricorda - ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62 - che questo sito non ha scopi di lucro, è di sola lettura e non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare" : gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate. Non può essere in alcun modo ritenuto un periodico ai sensi delle leggi vigenti né una "pubblicazione"  strictu sensu. Alcuni testi e immagini sono reperiti dalla rete : preghiamo gli autori di comunicarci eventuali inesattezze nella citazione delle fonti o irregolarità nel loro  uso.Il contenuto del sito è sotto licenza Creative Commons Attribution 2.5 eccetto dove altrimenti dichiarato.