Sei a pag. 1 di home > Scintoismo                                      La religione                         vai    Vai a pag.   1   2   3   4   5   6  

Lo Scintoismo

SCRIVISHINTO.gifShen-tao

La parola shin-to è la pronuncia giapponese del cinese Shen-Tao.
Shen =pittogramma cinese che indica entità numinosa, misteriosa, spirito,divinità, ( in giapponese  Kami )  e  Tao =pittogramma cinese che indica la via, in giapponese  mici.


jinjia.gifShin-to

Il termine shin-to  appare per la prima volta nel testo  di storia Nihon Shoki (720) e si riferisce alla osservanza religiosa, al culto delle divinità e ai templi, in contrapposizione al termine  Butsu-do=la Via del Buddha diffusa in Cina. Come dire: la Via Giapponese (alla Felicità) è quella dei Kami, giapponesi naturalmente, non quella del Buddha.L'espressione era : kami-no-mici , la via dei kami.
Solo  nel tardo  XII secolo il termine viene usato per indicare il corpo della dottrina religiosa giapponese .

Lo Scintoismo è la religione nazionale del  Giappone: è una religione  etnica.
Solo un giapponese è shintoista. Essa è costituita come un complesso arazzo in cui si intrecciano tradizioni e religioni diverse, alcune delle quali sono indigene, altre introdotte dall'esterno nel corso  di 2000 anni di storia.

Rito di passaggio - Tempio

Lo Shinto  si presenta in due forme:
- da un lato è un insieme di pratiche ,credenze e atteggiamenti religiosi strutturati (ma non cosi' rigidamente come nelle religioni occidentali)e ben radicati nelle varie comunità locali.
- d'altro canto è una religione perfettamente definita ed organizzata a livello di corte imperiale e di stato.

Questi due aspetti fondamentali dello Shinto ,intimamente legati, riflettono la caratteristica peculiare del carattere giapponese.
Carattere double-face che si manifesta a tutti i livelli,nelle strutture sociali ed in quelle  politiche  come negli atteggiamenti psicologici :fedeltà alla stirpe, alla famiglia e fedeltà all' imperato re,  alle istituzioni, allo stato. Si tratta in definitiva di un sistema di valori e atteggiamenti comuni che tiene unita la società giapponese.

Comune a tutte le religioni del Giappone è
-  la  ricerca del sacro nella natura
- Il rispetto per gli antenati all'interno di  forti  organizzazioni  famigliari e di clan,
-  I culti e le feste locali,
-  L'unità fra religione e nazione.

Gli aderenti nel 1986 erano stimati in 113.000.000.

Testi sacri  

ema-2.jpgEma-tavoletta votiva al Tempio

La fonte principale della religione giapponese  è costituita da credenze e pratiche popolari  indigene tramandate oralmente e da raccolte scritte di storie popolari redatte da cronisti di professione  chiamati Kataribe.  

Nel VII secolo davanti all'avanzata del buddhismo la classe dominante del giappone promosse una raccolta scritta dei miti e delle tradizioni del popolo . La  tradizione venne riordinata in una apparente organicita' e venne collegata con una teogonia  fantasiosa  e con una genealogia imperiale di origine divina.

Cio' che conosciamo della tradizione scintoista si trova dunque nella letteratura e nei documenti scritti per volontà imperiale.  
Insieme alle credenze ed alle tradizioni giapponesi sono confluiti nello scintoismo elementi tratti  dai sistemi di insegnamento confuciano e buddhista e da un  limitato influsso cristiano.  

Le scritture principali volute dall'impero e  considerate rivelate sono:  
Kokiji =registro delle cose antiche(scritto in giapponese verso il 712 d.c.,307 anni dopo l'introduzione della scrittura cinese,dopo la scomparsa del buddhismo,da un nobile della corte imperiale , Futono Yasumaro,su incarico della imperatrice Gemmyo)  
Fudoki =costumi regionali (scritto nel 713 dalle varie autorità delle provincie)  
Nikong o nihon-shoki=cronache del giappone (scritto in cinese verso il 720 d.c. Dal principe Toneri figlio di Gemmyo)  
Queste scritture sono fortemente influenzate dalle tradizioni cinesi.  
Norito =le preghiere rituali (raccolta poetica di 27 discorsi a carattere magico incantatorio e religioso dalle tradizioni dei clan  Nakatomi e Imibe)
Kogoshui= resti raccolti di vecchie storie (scritto verso l'807 d.c. riconduce la casta sacerdotale ad una origine divina)  
Scritture più recenti, considerate non rivelate sono :  
Yengishiki= istituti del periodo di Yengi  
Collezione delle 10,000 foglie = manuale di preghiere rituali del 927.

Oggi

daimonji1.gif Daimonji

Privo di fondatore, lo shinto è tuttavia ricco di riformatori anche se il termine appare nel contesto piuttosto improprio, ancora una volta per l'indeterminatezza del messaggio originario.Tuttavia, non si può certo dire che gli sviluppi storici non siano stati ricchi di nomi che abbiano tratto dallo shintò ispirazione o che abbiano cercato di imporre a questo forme e contenuti nuovi.

Paradossalmente si devono citare in questo contesto anche dei fedeli di altre religioni, del buddhismo in particolare, proprio a causa della vocazione sincretistica così tipica della religiosità giapponese e merita, infatti almeno una citazione il Ryóbu shintó, che vedeva nei sovrani e nelle divinità shintoiste delle incarnazioni provvisorie di buddha e di bodhisattva.

Verso la fine del nono secolo, il monaco buddhista Eryd scriveva.«il grande Buddha istruisce gli uomini, rivelando loro la verità, a volte in modo parziale a volte in modo intero. Il grande boddhisattva si incarna in una divinità o in un sovrano».


clero imperial.gif   clero imperiale

Cinquecento anni più tardi, Kitabatake Chikafusa (1293-1354), in un'opera classica del pensiero politico giapponese, fissava, utilizzando la tradizione mitica shintoista, i principi di legittimità della discendenza imperiale.  

Gli aspetti più originali del pensiero isolano sono identificabili nell'ispirazione buddhista per più di un millennio, fino - agli inizi del 17° secolo.

A questo punto si è verificata una svolta drastica e il bùddhismo ha perso il suo primato intellettuale e si è ridotto in qualche misura nei limiti di una religiosità popolare di più modesto rilievo. Ancora una volta non è stato lo shinto a prendere il sopravvento. E' toccato invece ad una nuova forma di confucianesimo, noto in occidente come neoconfucianesimo, di caratterizzare la produzione intellettuale del secolo. E tuttavia la nuova ventata di sinofilia non è rimasta senza reazione.

Per una prima, breve fase, è sembrato che i giapponesi tutti convenissero nel considerare degni di considerazioni solo le idee, i valori, gli stili persino, dì provenienza cinese. Ma la molla della reazione ha trovato proprio nello Shinto il suo argomento di fondo. Anche i grandi confuciani, che avevano introdotto le idee nuove, amavano far riferimento agli dèi aviti.  Come una volta si cercava il sincretismo nei confronti delle grandi figure della tradizione buddhista, ora si cercava di rintracciare il parallelismo tra le grandi opere dei saggi sovrani della protostoria e quelle delle divinità del pantheon locale.  



ajisaisai2.gifajisaisai

- Più tardi, l'interesse per la fede antica divenne, per così dire, più autonomo e il carattere composito dello shinto fu di grande aiuto nella formulazione di concetti e di dottrine nuove.  Oggi, infatti, anche sotto l'influsso della recente politicizzazione, tendiamo a vedere quello shintoista come un mondo ordinato e gerarchico (con Amaterasu al sommo vertice).

Ma il gran numero delle divinità locali (che vale al Giappone il titolo magniloquente di "paese degli ottomila dèi e 100,000 santuari") consentiva ai diversi pensatori di porre l'attenzione su questo o su quest'altro kami e di farne il centro di una costruzione filosofica marcatamene originale rispetto ad altre.  

E, tuttavia, - nel 18° secolo, finalmente la tradizione antica e autoctona sembrò avere la sua definitiva rivincita. Infatti, la ricerca di parallelismi mitici tra il Giappone e la Cina e poi l'interesse per lo studio degli antichi capolavori dei letterati del paese si svilupparono in una rivendicazione sempre più precisa del primato isolano. In qualche misura possiamo ben considerare i grandi maestri della Kokugaku come dei riformatori shintoisti.  

La Kokugaku, o scuola nazionale, ha il suo nome maggiore in Motoori Norinaga, un grande studioso che muore nel 1801 ossia, possiamo dire, alla vigilia dell'apertura all'occidente. A lui la religione avita deve soprattutto un monumentale lavoro filologico sul più antico e il più sacro tra i libri sacri, ossia il Kojiki, che una serie di ragioni storiche e linguistiche aveva reso praticamente incomprensibile. 


daimyou1.gifajisaisai

Motoori Norinaga disegna implicitamente una filosofia della vita. Dico implicitamente perché egli contestava ogni desiderio umano di teorizzazione razionale e auspicava un'arrendevolezza assoluta alla volontà degli dèi. In uno scritto, che costituisce anche l'introduzione al suo monumentale "commento al kojiki", e che si chiama Naobi no Initama, egli delinea la sua visione del mondo accentrata attorno a due figure di divinità shintoiste, musubi e naobi: la prima rappresenta il carattere generatore e nutritore della natura, la seconda garantisce una possibilità d'intervento da parte dell'uomo, intervento che tuttavia non può non essere inserito umilmente negli equilibri cosmici.

Per molti versi, Motoori Norinaga appare arcaico e chiuso nel suo irrazionalismo misticheggiante; ma la tematica a cui si è appena alluso ha singolari movenze ecologiche. Abbandonandoci per un momento a una lettura antistorica delle cose, colpisce oggi un modo di vedere che non può essere definito femminista, ma che esalta tuttavia, in esplicita polemica con la durezza degli ideali samuraici, una specifica dimensione di femminilità.

(consulta LE GRANDI RELIGIONI www.emi.it)

logo-nusa.gif
Nusa


SIMBOLO DELLO SCINTOISMO

daimyou7.gif

daimyou5.gif

daimyou3.gif

daimyou6.gif

daimonji3.gif

daimyou4.gif

daimonji4.gif

daimyou0.gif

 

feste popol.gif

ashikarisai2.gif

 

offerte.gif festa entrata 2.gif fest.gif DANZA.jpg daimyou2.gif
  Sei a pag. 1 di home > Scintoismo                                      La religione                         vai    Vai a pag.   1   2   3   4   5   6