Corso di Religione



Il senso della vita.
Natura e cultura.
         


powered by FreeFind



Che senso ha vivere? Quante cose si fanno nella vita: si vive per raggiungere scopi, obiettivi, target , in modo consapevole , organizzato e determinato, in modo tecnicamente sempre piu' efficace e con grandi investimenti .

Raggiungere obiettivi, realizzare progetti , ma ci si domanda :
che senso ha tutto questo? Tutto quello che ognuno di noi pensa e fa nella vita , in fondo, a cosa mira?

Tutti gli scopi che gli uomini si danno nella vita , sono essi a dare senso all'esistenza, oppure l'esistenza umana è un fatto che la ragione può comprendere come "significativa in se stessa" ? Qual è il significato della nostra esistenza?

Lungo la storia, nelle sue riflessioni l'uomo
- si riconosce imperfetto e desidera la perfezione;
- incompiuto, desidera compiersi , realizzarsi in pienezza;
- finito e limitato, desidera superare ogni limite ;
- impaurito
dal mistero della vita , desidera che ogni segreto sia svelato; -
- provvisorio e mortale, desidera l'immortalità .


C'è uno scienziato che per piu' di 20 anni ha osservato le specie animali e la specie umana in relazione ad esse: Darwin. Charles Darwin , grande osservatore della natura, nella sua Autobiografia ,riflettendo su più di 30 anni di ricerche e studi scrive:

V.Frankl: l'uomo non cerca la felicità , ma una ragione per essere felice..da qui il linguaggio delle rivelazioni che dà  queste ragioni.
K.Marx
: il desiderio di felicità  nell'uomo, non trovando compimento nel reale, si costruisce una sovrastruttura mentale in cui crea esperienze sedicenti spirituali che plachino il desiderio di felicità  e/o ne differiscano post-mortem il compimento definitivo. S.Freud: il desiderio di felicità  appartiene all'inconscio e si esprime come un insieme di pulsioni o bisogni psichici che costituiscono la psiche umana e trovano una diminuzione di tensione nella cosiddetta attività  spirituale.
A.Maslow
: l'ansia di felicità  .. sono solo peak-experiences, esperienze di pienezza, di pace, gioia intensa in cui l'esistenza assume un senso nuovo...tutto viene sentito come un dono piovuto da altrove.
"Anche prescindendo dagli infiniti e meravigliosi adattamenti che osserviamo di continuo nelle specie della natura ci possiamo chiedere qual è la spiegazione dell'armonia e del buon fine di tutte le cose del mondo.

Alcuni autori ,profondamente colpiti dalle profonde sofferenze che esistono nel mondo si domandano se tra gli esseri sensibili sia maggiore il dolore o la gioia,la sofferenza o la felicità , se il mondo nel suo complesso sia buono o cattivo. Io credo che la felicità  prevalga decisamente benchè sia difficile dimostrarlo.

Se tutti gli individui di una specie soffrissero sempre molto intensamente essi trascurerebbero la procreazione.Ora non v'è ragione di credere che questo sia mai avvenuto con una certa frequenza. Inoltre qualche altra considerazione può farci ritenere che in generale tutti gli esseri sensibili siano stati costruiti in modo da poter godere la felicità ."


Darwin aveva osservato la vita di moltissimi animali catalogandoli, cercando di scoprirne l'origine e ipotizzando una evoluzione delle diverse specie. Dopo 20 anni di studio e riflessione gli parve evidente che tutti gli esseri sensibili siano fatti e vivano fondamentalmente per godere la felicità .


La storia dell'universo in timelapse

Nel racconto della storia l'uomo di tutti i tempi è stato agitato da un desiderio insopprimibile: quello di raggiungere una condizione di felicità  piena e definitiva.

C'è una Legge naturale , propria dell'uomo che lo guida alla felicita : è un istinto come negli animali ?

Gli animali sono orientati da un istinto a vivere l'esistenza in modo pieno e si orientano a questo in ogni momento e situazione. Il ragno da 4000 anni, come raggiunge l'età  comincia a fare la tela e non sbaglia mai. Dove ha imparato? E' l'istinto. I castori fanno le dighe allo stesso modo da migliaia di anni e non sbagliano mai. Gli animali crescono finchè ad un certo punto diventano autonomi sanno come vivere la loro esistenza di specie senza sbagliare, la vivono in modo autentico.

- Attraverso l'istinto della specie e l'apprendimento parentale, in condizioni normali, gli animali maturano con l'età . Una gallina non sbaglierà  mai a comportarsi come un cane e viceversa.

L'animale non e' libero nel suo rapporto con l'ambiente , è limitato nell'ordinare le proprie pulsioni in motivi, in comportamenti : e' dominato dall'istinto.

L' istinto guida l'animale a vivere l'esistenza autentica della sua specie. Quando l'animale soddisfa l'istinto, questo gli basta, e' felice. Questo è il senso della sua esistenza .

Un animale perfetto , in un ambiente perfetto , non puo' fallire il suo istinto e raggiunge la sua felicità .


L'uomo è dotato di un corpo simile ha quello animale, ha dei bisogni, deve soddisfarli pena la malattia o la morte. Ha bisogno di calore, di cibo, di liquidi, di dormire etc. Ma l'uomo non mangia o beve per istinto : ha fame e sete ma può digiunare .

L'istinto domina l'animale , il quale vive per essere appagato nel suo bisogno. L'istinto lo guida e lo determina .

L'uomo invece non ha istinti che lo guidano alla felicità  , ha desideri (della fame, della sete , della riproduzione, etc. ) .

L'uomo è libero di rinunciare a colmare il proprio desiderio/bisogno o di differirne l'appagamento, in vista di un benessere superiore .

Essendo libero l'uomo è creativo , crea modi diversi di colmare i suoi desideri, di cercare la sua felicita' .

L'uomo produce cultura , un insieme di modi per realizzare l'esistenza , di rispondere ai propri bisogni e desideri, di raggiungere la felicità .




top




Pag.  1
  1        2        3    

home

DISCLAIMER. Si ricorda - ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62 - che questo sito non ha scopi di lucro, è di sola lettura e non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare" : gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate. Non può essere in alcun modo ritenuto un periodico ai sensi delle leggi vigenti né una "pubblicazione"  strictu sensu. Alcuni testi e immagini sono reperiti dalla rete : preghiamo gli autori di comunicarci eventuali inesattezze nella citazione delle fonti o irregolarità nel loro  uso.Il contenuto del sito è sotto licenza Creative Commons Attribution 2.5 eccetto dove altrimenti dichiarato.