Piccolo Corso Biblico

 

La risurrezione.
La risurrezione di Gesù
.


L'annuncio NOTA
Le traduzioni italiane del NT traducno con vita sia la vita biologica ( bios) sia la Vita//Spirito divino, la Vita che supera la morte (zoe) .
Come viene annunciata la novità della "risurrezione" di Gesù ?

Nella pima comunità cristiana il “Nuovo”, il "vangelo", doveva essere necessariamente annunciato usando il linguaggio giudaico dell'epoca. I fraintendimenti, l'interpretazione del messaggio Nuovo di Gesù attraverso le categorie e le attese giudaiche era sempre in agguato. Per questo
la sua predicazione annunciava l'avvento del Regno di Dio attraverso parabole , evitando di parlarne con le categorie dell'ambiente giudaico in modo da far uscire gli uditori dai loro pregiudizi.

Nelle scritture cristiane per indicare la risurrezione vengono usati 2 diversi verbi .

1- egeirô = (ri)svegliare(si) ; sollevare(si) ; riportare in vita da morte . Probabilmente simile alla radice di agorà (tramite l'idea di raccogliere le proprie facoltà) . Su 144 ricorrenze, il verbo è usato nel senso di risuscitare in 70 ricorrenze .

(1) transitivamente e letteralmente,
di una persona che sta domendo

(a) attivo: svegliare , come in :
MT 8.25 Allora, accostatisi a lui, lo svegliarono dicendo: «Salvaci, Signore, siamo perduti!
»
(b) passivo - intransitivo: svegliarsi come in:
MT 1.24 24 Destatosi dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l'angelo del Signore
(c) in senso figurato, indicando uno stato di consapevolezza, di lucidità, diventare cosciente , fare attenzione, come in:
EF 5.14 14 Per questo sta scritto: «Svègliati, o tu che dormi,
//
déstati dai morti e Cristo ti illuminerà».;

(2) transitivamente e letteralmente,
l'alzarsi di una persona seduta o sdraiata

(a) attivo alzare, sollevare come in
AT 3.7 E, presolo per la mano destra, lo sollevò.;
(b) passivo -intransitivo- alzarsi (in piedi) come in
(MT 9.19 Alzatosi, Gesù lo seguiva con i suoi discepoli.;
(c ) imperativo : alzati! in piedi! come in
MC 2. 9 Che cosa è più facile: dire al paralitico: Ti sono rimessi i peccati,
o dire: Alzati, prendi il tuo lettuccio...

(d) in senso figurato, sollevare, guarire , come in
GC 5.15 E la preghiera fatta con fede salverà il malato: il Signore lo rialzerà ...
(e) in senso figurato, riportare alla vita terrena dal regno dei morti , come in MT 10.8 Guarite gli infermi, risuscitate i morti, sanate i lebbrosi, cacciate i demòni.

Indica la risurrezione propria di Gesù e dei santi in :

AT 5.30- Il Dio dei nostri padri ha risuscitato ( levato) Gesù,
che voi avevate ucciso appendendolo alla croce.
Mt 27,52 i sepolcri si aprirono e
molti corpi di santi morti risuscitarono ( si levarono) .
53 E uscendo dai sepolcri, ...

2- anistêmi anastasis =sorgere, levare .
Ricorrenze 108, di cui con significato di:
- alzare: 46
- risuscitare: 27
- risorgere: 2
- risurrezione: 1

anastasis(1) transitivamente

(a) di persone sedute o sdraiate , alzare, rimettere in piedi come in
At 9.41 Egli le diede la mano e la fece alzare;
(b) del dare Vita ai morti come in
At 2.24 Ma Dio lo ha risuscitato, sciogliendolo dalle angosce della morte

(1) intransitivamente,

(a) del ritornare in vita dopo essere morti : risurrezione dei cadaveri , come in MT 22,23 In quello stesso giorno vennero a lui dei sadducei, i quali affermano che non c'è risurrezione; Ebrei 11: 35 Alcune donne riacquistarono i loro morti per risurrezione ( 1Re 17:22-24; 2Re 4:27-37) .
(2) per metonimia, di Gesù come autore della risurrezione , come in
GV 11.25 Le disse Gesù: «Io sono la risurrezione e la Vita.
(3) in senso figurato , del passare ad un più alto stato di vita : elevarsi , come in LC 2,34 Simeone li benedisse e parlò a Maria, sua madre: «Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele
e in Gv6, 54 Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell'ultimo giorno.

I greci conoscevano la filosofia dell' immortalità dell'anima -basata sul mito orfico-platonico- anima che alla morte finalmente si liberava del corpo
In ambito giudaico circolavano diverse teologie quanto alla risurrezione. Paolo annunciava nei due ambienti, greco e giudico, la risurrezione di Gesù, della sua persona.

1Cor 15,1 Vi proclamo poi, fratelli, il Vangelo che vi ho annunciato e che voi avete ricevuto, nel quale restate saldi 2e dal quale siete salvati, se lo mantenete come ve l'ho annunciato.
A meno che non abbiate creduto invano !
cioè avete escluso che Gesù sia risorto
3A voi infatti ho trasmesso, anzitutto, quello che anch'io ho ricevuto, cioè
che
-
Cristo morì per i nostri peccati secondo le Scritture
- e che 4
fu sepolto
- e che
è risorto il terzo giorno secondo le Scritture
- 5e che
apparve a Cefa
[ lett.: fu visto da ]
e quindi ai Dodici
.

E' l'essenza dell'annuncio della chiesa primitiva.

Probabilmente Paolo trasmette quella ricevuta dalla chiesa di Antiochia :

1-morte di Gesù
( fatto storico )

-
per i nostri peccati, cioè per vincere nell'uomo la morte causata dai peccati con il dono della Sua Vita che supera la morte , il suo Spirito .
-secondo le scritture (Mt 20,28 ) cioè secondo un progetto salvifico divino rintracciabile in alcuni (oscuri) testi dell'AT (non sono la scritture ad aver suscitato la fede nella risurrezione , ma è il fatto , attestato dai testimoni, che porta a ricercare tracce del disegno creativo/salvifico nell'AT).

At 10, 39E noi siamo testimoni di tutte le cose da lui compiute nella regione dei Giudei e in Gerusalemme. Essi lo uccisero appendendolo a una croce, 40 ma Dio lo ha risuscitato al terzo giorno e volle che si manifestasse, 41non a tutto il popolo, ma a testimoni prescelti da Dio, a noi che abbiamo mangiato e bevuto con lui dopo la sua risurrezione dai morti .

At 2,32 Questo Gesù, Dio lo ha risuscitato e
noi tutti ne siamo testimoni.
At 3,15 Avete ucciso l'autore della vita, ma Dio l'ha risuscitato dai morti
:
noi ne siamo testimoni.

At 5, 30 Il Dio dei nostri padri ha risuscitato Gesù, che voi avete ucciso appendendolo a una croce. 31Dio lo ha innalzato alla sua destra come capo e salvatore,
per dare a Israele conversione e perdono dei peccati.

32E di questi fatti siamo testimoni noi e lo Spirito Santo,
che Dio ha dato a quelli che gli obbediscono».


La risurrezione di Gesù è attestata da testimoni ma soprattutto dal dono dello Spirito che avveniva continuamente e visibilmente nelle prime comunità cristiane secondo la promessa di Gesù.

At 1,8 ... riceverete la forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi,
e di me sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samaria
e fino ai confini della terra»
.

At 2,4 e
tutti furono colmati di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue, nel modo in cui lo Spirito dava loro il potere di esprimersi.
At 2,33 Innalzato dunque alla destra di Dio e dopo aver ricevuto dal Padre lo Spirito Santo promesso,
lo ha effuso, come voi stessi potete vedere e udire.
At 2,38 E Pietro disse loro: «Convertitevi e ciascuno di voi si faccia battezzare nel nome di Gesù Cristo, per il perdono dei vostri peccati,
e riceverete il dono dello Spirito Santo.
At 8,15 Essi scesero e
pregarono per loro perché ricevessero lo Spirito Santo;
At 8,17 Allora
imponevano loro le mani e quelli ricevevano lo Spirito Santo.
At 8,18 Simone,
vedendo che lo Spirito veniva dato con l'imposizione delle mani degli apostoli, offrì loro del denaro 19 dicendo: «Date anche a me questo potere perché, a chiunque io imponga le mani, egli riceva lo Spirito Santo».
At 9,31 La Chiesa era dunque in pace per tutta la Giudea, la Galilea e la Samaria: si consolidava e camminava nel timore del Signore
e, con il conforto dello Spirito Santo, cresceva di numero.
At 10,44 Pietro stava ancora dicendo queste cose, quando
lo Spirito Santo discese sopra tutti coloro che ascoltavano la Parola.
At 10,45 E i fedeli circoncisi, che erano venuti con Pietro,
si stupirono che anche sui pagani si fosse effuso il dono dello Spirito Santo;
At 10,47 «Chi può impedire che siano battezzati nell'acqua
questi che hanno ricevuto, come noi, lo Spirito Santo?».
At 19,6 e,
non appena Paolo ebbe imposto loro le mani, discese su di loro lo Spirito Santo e si misero a parlare in lingue e a profetare.

2-sepoltura di Gesù

( è entrato nel Regno dei morti , ovvero è disceso agli inferi, nello Sheol) segno di una morte reale

3-risurrezione di Gesù da morte


( fatto storico attestato dai testimoni );
-il terzo giorno ( Os 6,2: Mt 12,40; Lc 24,46; At 10,40 e 13,30)
- secondo le scritture
(At 2,25ss; 13,34ss; Sal 16,8ss; Is 55,3). Morte e risurrezione di Gesù rientrano nel disegno divino di compiere la creazione nell'Uomo ( o Figlio dell'uomo), risorto a condizione umanodivina definitiva. Disegno previsto da Dio ma non previsto nelle modalità storiche , le quali dipendono anche dalle scelte umane .

4-apparizioni di Gesù risorto

[ verbo horaó = fu visto da ,con implicazione di coscienza vigile , il che rimanda ad un fatto causato da Gesù di cui si è testimoni passivi, non ad una visione soggettiva, sebbene il verbo venga usato anche nel senso di visione mentale o interiore. ] che sono segni della realtà del risorto e fanno testimoni della sua risurrezione. ( At 2,23-41; Lc 24,44ss; Gv 5,39ss)

1 Cor 15, 6 In seguito apparve a più di cinquecento fratelli in una sola volta:
la maggior parte di essi vive ancora
,
quindi tutti possono verificare
mentre alcuni sono morti.
7 Inoltre
apparve a Giacomo, e quindi a tutti gli apostoli.
8
Ultimo fra tutti apparve anche a me come a un aborto.
9Io infatti sono il più piccolo tra gli apostoli e non sono degno di essere chiamato apostolo perché ho perseguitato la Chiesa di Dio. 


Paolo omette apparizioni alle donne ( come Maria di Magdala ) perchè nella cultura ebraica non erano ritenute testimoni attendibili.

1 Cor 15,12Ora, se si annuncia che Cristo è risorto dai morti,
come possono dire alcuni tra voi che non vi è risurrezione dei morti?
 

La risurrezione di Gesù apre la possibilità della risurrezione dell'uomo che ha ricevuto il suo Spirito, la Vita che supera la morte .

Come promesso:
Gv 6,54Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna
// e
io lo risusciterò nell' ultimo giorno ..
58 Questo è il pane disceso dal cielo, non come quello che mangiarono i padri vostri e morirono.
Chi mangia questo pane vivrà in eterno».

Evidentemente a Corinto circolavano dottrine che pur credendo al fatto della risurrezione di Gesù negavano la possibilità della risurrezione di coloro che avevano ricevuto lo Spirito.

1 Cor 15, 13
Se non vi è risurrezione dei morti, neanche Cristo è risorto! 
14Ma se Cristo non è risorto, vuota allora è la nostra predicazione, vuota anche la vostra fede.  15 Noi, poi, risultiamo falsi testimoni di Dio, perché contro Dio abbiamo testimoniato che egli ha risuscitato il Cristo mentre di fatto non lo ha risuscitato, se è vero che i morti non risorgono. 
16Se infatti i morti non risorgono, neanche Cristo è risorto;
17ma se Cristo non è risorto, vana è la vostra fede e voi siete ancora nei vostri peccati. 
18Perciò anche quelli che sono morti in Cristo sono perduti.
19Se noi abbiamo avuto speranza in Cristo soltanto per questa vita, siamo da commiserare più di tutti gli uomini.


Se non ci fosse la risurrezione dei cristiani , cadrebbe anche la fede nel progetto divino rivelato da Gesù : il compimento della creazione nell'Uomo definitivo, il risorto.

1 Cor 15, 20Ora, invece, Cristo è risorto dai morti, primizia di coloro che sono morti.

Gesù è primizia dei risorti da morte : nella cultura ebraica liturgica le primizie erano segno di una azione che avrebbe avuto una continuazione , come la trebbiatura del grano o la raccolta dei fichi.

La risurrezione di Gesù è segno e promessa della risurrezione degli Uomini che hanno in se stessi la Sua stessa Vita che supera la morte .

21Perché, se per mezzo di un uomo venne la morte,
Adamo è la primizia dei morti
per mezzo di un uomo verrà anche la risurrezione dei morti.
Gesù la primizia dei risorti.
22Come infatti in Adamo tutti muoiono, così
in Cristo tutti riceveranno la vita.
23Ognuno però al suo posto: prima Cristo, che è la primizia;
poi, alla sua venuta, quelli che sono di Cristo.

Alla venuta di Gesù ( qui Paolo pensa al giudizio finale di Dn 12; in realtà La venuta di Gesù è continua e qui ci si deve riferire alla morte biologica del cristiano ) quelli che sono di Cristo,  risorgeranno .

La comunicazione dello Spirito, la Vita di Gesù produce immediatamente la risurrezione :

Col 2,12 con lui sepolti nel battesimo,

con lui siete anche risorti mediante la fede nella potenza di Dio,
che lo ha risuscitato dai morti
.
Col 3,1 Se dunque
siete risorti con Cristo,
cercate le cose di lassù, dove è Cristo, seduto alla destra di Dio;


La risurrezione è intesa come riscatto da un destino di morte, di fallimento del compimento del proprio essere ed entrata nella Vita della carità per le beatitudini , la Vita che supera la morte. Secondo la promessa di Gesù :

Gv1,,26chiunque vive e crede in me,
non morirà in eterno.

Il non detto : gli altri, avendo rifiutato la Vita del'eterno che supera la morte, rimangono nella morte.

1Gv 5,12 Chi ha il Figlio, ha la Vita;
chi non ha il Figlio di Dio, non ha la Vita.
1Gv 3,14 Noi sappiamo che siamo passati dalla morte alla Vita,
perché amiamo i fratelli
.
Chi non ama rimane nella morte.

Secondo Paolo sono i Vivi ( viventi della Vita di Gesù ) che risorgono, non i cadaveri.

At 2, 24Ora Dio lo ha risuscitato, liberandolo dai dolori della morte,
perché
non era possibile che questa lo tenesse in suo potere.

Gesù è risorto perchè in Lui c'è lo Spirito divino, la Vita dell'eterno, la Vita che supera la morte. Era impossibile che non risorgesse.

Chi ha in sè lo Spirito ha la Vita che supera la morte è -come Gesù- cammino nella storia già come un risorto da morte.


- dal diario di Santa Faustina Kowalska-
Non tralasciare la S. Comunione, se non quando sei ben consapevole di essere caduta gravemente - Desidero unirmi con le anime - Sappi, figlia mia, che quando nella S. Comunione vengo in un cuore umano, ho le mani piene di grazie di ogni genere e desidero donarle all'anima, ma le anime non Mi prestano nemmeno attenzione, Mi lasciano solo e si occupano di altro - Voglio dirti che la vita eterna deve cominciare già su questa terra per mezzo della S. Comunione.

CUCC ( Catechismo universale)

999 Cristo è risorto con il suo proprio corpo:
«Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io!» (Lc24, 39);
 ma egli non è  ritornato ad una  vita terrena. 
Allo stesso modo, " in lui " ,
«tutti risorgeranno coi corpi di cui ora sono rivestiti,
ma questo corpo sarà trasfigurato in «corpo spirituale»


1Co 15,44 si semina un corpo animale, risorge un corpo spirituale.

Il risorto non è un cadavere tornato in vita come Lazzaro, ma è Uomo Vivente, dotato di un Corpo Spirituale.

Ma qualcuno dirà:
«Come risuscitano i morti? Con quale corpo verranno?».
Stolto! Ciò che tu semini non prende vita, se prima non muore, e quello che semini non e il corpo che nascerà, ma un semplice chicco...
Si semina corruttibile e
risorge incorruttibile. .
E' necessario infatti che questo corpo corruttibile si vesta di incorruttibiità
e questo corpo mortale si vesta di immortalità (1 Cor 15, 33-37.42.5 3)

Lo Spirito, la Vita-(zoe) donata da Gesù , riveste l'essere umano, corruttibile e mortale , di incorruttibilità e immortalità ; finchè egli cammina nella vita terrena può peccare mortalmente e separarsi dallo Spirito .

Con la morte biologica , l'Uomo , compiuto e rivestito di incorruttibilità e immortalità diventa definitivamente incorruttibile ed immortale :


Fil 3, 20b-21 Aspettiamo come salvatore il Signore Gesù Cristo,
il quale trasfigurerà il nostro misero corpo per conformarlo al suo corpo glorioso,
in virtù del potere che ha di sottomettere a sé tutte le cose.

CUCC 1000
Il «come» supera le possibilità della nostra immaginazione e del nostro intelletto; è accessibile solo nella fede.
Ma
la nostra partecipazione all’Eucaristia ci fa già pregustare la trasfigurazione del nostro corpo per opera di Cristo
Come il pane che è frutto della terra, dopo che è stata invocata  sudi esso la benedizione divina, non è più pane comune, ma Eucaristia, composta di due realtà, una terrena, l’altra celeste, così
i nostri corpi che ricevono l’Eucaristia non sono più corruttibili, dal momento che portano in sé il germe della risurrezione .



top







home

DISCLAIMER. Si ricorda - ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62 - che questo sito non ha scopi di lucro, è di sola lettura e non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare" : gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate. Non può essere in alcun modo ritenuto un periodico ai sensi delle leggi vigenti né una "pubblicazione"  strictu sensu. Alcuni testi e immagini sono reperiti dalla rete : preghiamo gli autori di comunicarci eventuali inesattezze nella citazione delle fonti o irregolarità nel loro  uso.Il contenuto del sito è sotto licenza Creative Commons Attribution 2.5 eccetto dove altrimenti dichiarato. Navigando nel sito se ne accetta la   PRIVACY POLICY