Piccolo Corso Biblico

Pag.  2
1  2  3  4  


Assunzione di Maria
Il cuore di Maria non ha mai smesso di battere di Lorenzo Bertocchi 28-03-2016

«Lazzaro vieni fuori!». Fu l’urlo di Gesù di fronte al sepolcro dell’amico di Betania. Non sappiamo quanto tempo sia passato da quell’urlo e il momento in cui Lazzaro uscì dalla tomba, ancora avvolto dalla fasce con cui l’avevano deposto.

Possiamo provare a immaginare l’atmosfera: l’attesa fiduciosa delle sorelle di Lazzaro, lo sguardo indagatore dei giudei, un tempo sospeso aperto verso l’eternità.

Ma la risurrezione di Lazzaro è ancora nulla rispetto a quella del Cristo, segno di una vita nuova in Lui di cui noi possiamo solo balbettare profondità e larghezza. Infatti, Lazzaro è uscito dal sepolcro in cui giaceva da quattro giorni, ma è stato anche colui che ha vissuto la singolare esperienza di morire due volte, di vivere per due volte lo straziante strappo dell’anima dal corpo.

Sarà la risurrezione del Cristo che spalancherà definitivamente la porta alla vera vita, quella eterna, che comprende anche la naturale riunione dell’anima con il nostro corpo, anche se completamente rinnovato. Saranno cieli e terra nuovi.

La Chiesa ci dà un segno forte di questa nuova realtà, specialmente con la proclamazione del dogma dell’Assunzione della Beata Vergine Maria nella gloria celeste in corpo e anima. Così Maria, come titola un interessante libro appena edito da Cantagalli, potrebbe davvero essere stata colei il cui cuore «non ha mai smesso di battere».

Gli autori, Federico Catani e Florian Kolfhaus (Il cuore che non ha mai smesso di battere. Perché la Madonna non è morta, pag. 132), indagano proprio il come possa essere avvenuto il passaggio tra questo mondo e la gloria celeste per l’Assunta. Maria è morta e poi risuscitata? Oppure non ha mai subito la separazione tra anima e corpo? 

Si tratta di domande che a prima vista potrebbero interessare solo teologi e addetti ai lavori, ma francamente sono quesiti rilevanti per chi è in cerca di speranza seria su cui appoggiare il proprio peregrinare in questo mondo.

Gli esperti si dividono tra mortalisti, la Madonna avrebbe subito la separazione di corpo e anima per poi essere risuscitata, e gli immortalisti, coloro che, invece, ritengono che la Vergine avrebbe raggiunto i Cieli senza conoscere il frutto amaro della morte. Cioè il suo cuore non avrebbe mai smesso di battere.

«Insigni mariologi», scrivono Catani e Kolfhaus, «hanno avuto la preoccupazione di elencare e spiegare gli argomenti a favore della non-morte di Maria, segno che non si tratta di una questione fantasiosa e risibile, bensì di un tema da prendere sul serio e che ha le sue buone ragioni».

Certo, il momento finale di Maria è avvolto nel mistero, generalmente si parla di dormitio, cioè Maria si sarebbe come addormentata, ma di solito non si parla espressamente di morte. Non mancano studiosi (san Giovanni Paolo II compreso) che non escludono la possibilità della morte, anche perché la glorificazione di Maria è comunque il trionfo di Dio, sia che sia avvenuta attraverso la morte e risurrezione, sia attraverso il non-morire.

La Madre di Dio, preservata dal peccato originale in vista dei meriti del Cristo, può essere ragionevolmente considerata una creatura assolutamente speciale agli occhi di Dio e, pertanto, è lecito ritenere che il suo cuore non abbia mai smesso di battere. L’esorcista Francesco Bamonte, citato nel libro, ricorda un esorcismo praticato un 15 agosto, festa dell’Assunzione.

 «Che profumo, che profumo che emana! Che schifo, che schifo!», fu la voce del demonio durante l’esorcismo. Avendogli ordinato, nel nome di Gesù, di dirmi cosa fosse quel profumo, dice Bamonte, con tono di rammarico e pronunciando una sola volta il nome di Maria, disse: «Quel profumo proviene dall’anima e dal corpo di Lei. La sua anima non ha mai lasciato il corpo, la vostra lo farà, la sua non l’ha mai fatto.

Da quando quell’anima è entrata in quel corpo non l’ha mai lasciato e con quel corpo è stata assunta. Lei e solo Lei, solo Lei, Lei per prima, dopo suo Figlio. Suo Figlio è morto ma s’è portato via il corpo, così come ha fatto Lei. Lei però non ha avuto bisogno neanche di morire.

Lei ha chiuso gli occhi e ha sentito che suo Figlio stava venendo a prenderla e Lui è sceso insieme agli angeli e l’ha abbracciata, e l’ha portata con sé, e le ha detto: “Come tu mi hai portato su questa terra, Io ti porto nel regno del Padre nostro”».

É difficile dire qualcosa di certo su un mistero così immenso, che incrocia la vita e la morte, Dio e una creatura sublime.

E mentre rimandiamo alle conclusioni di Catani e Kolfhaus per approfondire il tema, noi ci limitiamo a una considerazione semplice, semplice. Per un attimo, cari lettori, provate a pensare che nella storia del mondo ci sia stata una creatura il cui cuore non ha mai smesso di battere.
"


L' 'assunzione di Maria nella gloria celeste.
Le prime indicazioni sull'Assunzione di Maria risalgono al periodo compreso tra la fine del secolo IV e la fine del V.L'Assunzione della Vergine è stata considerata nei primi secoli realtà teologicamente necessaria.

Efrem il Siro († 373) sosteneva che il corpo di Maria non aveva subito corruzione dopo la morte.
Timoteo di Gerusalemme (sec. IV) scriveva che la Vergine era rimasta immortale perché il Cristo l'aveva trasferita nei luoghi della sua ascensione.

San Gregorio di Tours (sec. IV ) :

« Infine, quando la beata Vergine, avendo completato il corso della sua esistenza terrena, stava per essere chiamata da questo mondo, tutti gli apostoli, provenienti dalle loro differenti regioni, si riunirono nella sua casa. Quando sentirono che essa stava per lasciare il mondo, vegliarono insieme con lei. Ma ecco che il Signore Gesù venne con i suoi angeli e, presa la sua anima, la consegnò all’arcangelo Michele e si allontanò. All’alba gli apostoli sollevarono il suo corpo su un giaciglio, lo deposero su un sepolcro e lo custodirono, in attesa della venuta del Signore. Ed ecco che per la seconda volta il Signore si presentò a loro, ordinò che il sacro corpo fosse preso e portato in Paradiso. »

L'apocrifo Il Transito della Beata Maria Vergine, attribuito a Giuseppe d'Arimatea ma in realtà, secondo gli studiosi, del IV secolo.

« Venuta la domenica, all'ora terza, come lo Spirito Santo discese sopra gli apostoli in una nube, discese pure Cristo con una moltitudine di angeli e accolse l'anima della sua diletta madre. E fu tanto lo splendore di luce e il soave profumo mentre gli angeli cantavano il Cantico dei Cantici al punto in cui il Signore dice: "Come un giglio tra le spine, tale è la mia amata fra le fanciulle" - che tutti quelli che erano là presenti caddero sulle loro facce come caddero gli apostoli quando Cristo si trasfigurò alla loro presenza sul monte Tabor, e per un'intera ora e mezza nessuno fu in grado di rialzarsi. Poi la luce si allontanò e insieme con essa fu assunta in cielo l'anima della Beata Vergine Maria in un coro di salmi, inni e cantici dei cantici. E mentre la nube si elevava, tutta la terra tremò e in un solo istante tutti i Gerosolimitani videro chiaramente la morte della santa Maria. » In quel momento Satana istigò gli abitanti di Gerusalemme che presero le armi e si diressero contro gli apostoli per ucciderli e impadronirsi del corpo della Vergine che volevano bruciare. Ma una cecità improvvisa impedì loro di attuare il proposito e finirono per sbattere contro le pareti. Gli apostoli fuggirono con il corpo della Madonna trasportandolo fino alla valle di Giosafat dove lo deposero in un sepolcro: in quell'istante - narra il Transito della Beata Maria Vergine - li avvolse una luce dal cielo e, mentre cadevano a terra, il santo corpo fu assunto in cielo dagli angeli.»

Sant'Epifanio di Salamina (morto nel 403).

« Come non possederà Santa Maria il regno dei cieli con la propria carne, lei che non fu impudica, né dissoluta, che non commise adulterio, che non fece nulla di male per quanto concerne le azioni carnali, ma rimase intemerata? »

Epifanio di Salamina
(† 403) afferma che la fine terrena di Maria fu piena di prodigio e che quasi certamente la Vergine possedeva già con la carne il regno dei cieli.

L' apocaliisse apocrifa La Dormizione della Santa Madre di Dio, attribuita a San Giovanni il Teologo (sec. VI)

" Poi la luce si dileguò e insieme con essa venne assunta in cielo l'anima della beata vergine Maria in un tripudio di salmi, inni e cantici dei cantici. E mentre la nube ascendeva, tutta la terra tremò e all'istante tutti gli abitanti di Gerusalemme seppero con chiarezza della morte della santa Maria ".

L' Omelia I sulla Dormizione di San Germano di Costantinopoli [nato nel 634, morto nel 732], che attinge a sua volta da San Giovanni di Tessalonica [ Giovanni I arcivescovo di Tessalonica forse tra il 610 e il 649.]

« Essendo umano (il tuo corpo) si è trasformato per adattarsi alla suprema vita dell'immortalità; tuttavia è rimasto integro e gloriosissimo, dotato di perfetta vitalità e non soggetto al sonno (della morte), proprio perché non era possibile che fosse posseduto da un sepolcro, compagno della morte, quel vaso che conteneva Dio e quel tempio vivente della divinità santissima dell’Unigenito. »


« Tu, secondo ciò che è stato scritto, sei bella e il tuo corpo verginale è tutto santo, tutto casto, tutto abitazione di Dio: perciò è anche estraneo al dissolvimento in polvere. Infatti, come un figlio cerca e desidera la propria madre, e la madre ama vivere con il figlio, così fu giusto che anche tu, che possedevi un cuore colmo di amore materno verso il Figlio tuo e Dio, ritornassi a lui; e fu anche del tutto conveniente che a sua volta Dio, il quale nei tuoi riguardi aveva quel sentimento d’amore che si prova per una madre, ti rendesse partecipe della sua comunanza di vita con se stesso. » « Quanto a noi, discepoli del Salvatore, raccolti con la folla presso di te o Getzemani, per i funerali della sempre vergine Maria, noi tutti abbiamo visto che essa è stata deposta nel sepolcro e poi è stata trasferita altrove. Essa qui divenne invisibile al di sopra di qualsiasi contestazione, prima che il sepolcro fosse chiuso dalla pietra... Mentre veniva osannata con inni e stava per essere calata nella tomba, essa lasciò il sepolcro vuoto. Come avrebbe potuto, la dissoluzione del corpo, ridurre in polvere e cenere te che, mediante l'Incarnazione del Figlio tuo, hai liberato l'uomo dalla rovina della morte? Tu quindi ti separasti dalle cose terrene affinché apparisse realmente confermato il mistero della tremenda Incarnazione. Infatti tu avevi sopportato l'allontanamento delle cose temporali, affinché si credesse che Dio, nato da te, era stato egli pure un uomo completo, in quanto Figlio di una vera madre, lei stessa sottoposta alla necessità delle leggi fisiche, come conseguenza di una decisione divina e delle norme che regolano il tempo proprio della vita. La tua partenza non fu priva di testimoni né falsa la tua dormizione. Il cielo narra la gloria di quelli che ti corsero incontro... cioè come gli apostoli ti furono accanto (passando) al di sopra di Gerusalemme. »

La tomba vuota

Sant'Andrea di Creta, predicatoremorto verso il 740 nell'Omelia II sulla Dormizione afferma che:
« La tomba infatti rimane vuota a tutt'oggi come confermano le testimonianze e come essa stessa testimonia del trasferimento. Io non so se avvenne la ricomposizione degli elementi in unità, come conseguenza della riunificazione delle parti... Forse il Demiurgo di tutte le cose pensò di onorare così quella che lo aveva generato. Oppure una delle due parti prevalse sull'altra cosicché dopo la reciproca separazione, l'una (il corpo) ebbe la sorte di essere collocata entro i confini terreni, l'altra (l'anima) fuori di questi. Oppure si verificò un procedimento ignoto e fuori del comune, di carattere soprannaturale, a favore di lei, nel quale tutte le sue condizioni personali si presentarono del tutto nuove, per cui essa accolse il Verbo supremo in modo superiore ad ogni parola e conoscenza. »

Il dogma

PIO XII SERVO DEI SERVI DI DIO A PERENNE MEMORIA
COSTITUZIONE APOSTOLICA
MUNIFICENTISSIMUS DEUS
LA GLORIFICAZIONE DI MARIA CON L'ASSUNZIONE AL CIELO IN ANIMA E CORPO
La solenne definizione :

«Pertanto, dopo avere innalzato ancora a Dio supplici istanze, e avere invocato la luce dello Spirito di Verità, a gloria di Dio onnipotente, che ha riversato in Maria vergine la sua speciale benevolenza a onore del suo Figlio, Re immortale dei secoli e vincitore del peccato e della morte, a maggior gloria della sua augusta Madre e a gioia ed esultanza di tutta la chiesa, per l’autorità di nostro Signore Gesù Cristo, dei santi apostoli Pietro e Paolo e Nostra, pronunziamo, dichiariamo e definiamo essere dogma da Dio rivelato che: l’immacolata Madre di Dio sempre vergine Maria, terminato il corso della vita terrena, fu assunta alla gloria celeste in anima e corpo».

Perciò, se alcuno, che Dio non voglia, osasse negare o porre in dubbio volontariamente ciò che da Noi è stato definito, sappia che è venuto meno alla fede divina e cattolica.


Non c'è un fondamento biblico specifico per il dogma ma la Costituzione Apostolica afferma che la assunzione o glorificazione di Maria è implicita in due temi teologici delle scritture cristiane :
- l’unione di Maria con Gesù , dall'incarnazione fino alla croce . ( Vangeli)
- e il ruolo della "donna" ( = sposa di Dio e madre del messia divino) nella lotta contro il demoniaco ( Apocalisse 12) .
Tra i testi citati dalla Costituzione :
- Il Cantico dei Cantici (3,6; 4,8; 6,9)
- I salmi (44, 10.14 – 16; 131,8)
- L’Apocalisse 12,1 ss
- Il saluto dell’Angelo a Maria (Lc 1,28)
- Il Libro della Genesi (3,15)
- Le lettere di S. Paolo ( Rm 5-6; 1Cor 15,21–26. 54-57)


La Costituzione Apostolica annuncia che Maria , piena di grazia al concepimento, è rimasta tale fino alla morte (pur passando da un cammino di discepolato di Gesù ).

Maria è perciò da venerare come la pienamente glorificata , pienamente partecipe della gloria divina - anima e corpo.

tombamaria
Gerusalemme-Tomba di Maria

Questo luogo era venerato come un santuario fin dal II sec. In seguito, la tomba della Vergine fu trasformata in chiesa rupestre (sec. IV). Essa fu poi consacrata alla Madre di Dio dal vescovo di Gerusalemme, Giovenale, dopo il Concilio di Calcedonia (451). Nel 490 l'imperatore Maurizio volle edificare una chiesa a pianta rotonda, sopra la chiesa precedente, la quale divenne così la cripta che custodiva il venerato sepolcro. La tradizione della tomba di Maria al Getsemani è realmente ambientata in un luogo sepolcrale in uso nel I sec. La tomba stessa corrisponde bene alle indicazioni topografiche contenute nelle diverse relazioni della «Dormizione della Vergine». La roccia su cui fu deposto il corpo della Madonna è corrosa dai secoli e dalla pietà dei fedeli che, per devozione, ne asportavano pezzetti. La tecnica di scavo dell'insieme della tomba (la stanzetta anteriore e la tomba stessa) posta nella zona funeraria (necropoli) riconduce al I secolo come per il S.Sepolcro e le tombe dei Re. Per cui queste notizie archeologiche, congiunte con quelle letterarie (documenti palestinesi, siriaci, etiopici, greci dal sec. Il al sec. V) e il costante antichissimo riferimento devozionale e liturgico, attestano la credenza circa la Tomba della Vergine accanto al Getsemani fin dalle origini cristiane. È presente nella chiesa il mihrab, testimonianza della venerazione musulmana verso Maria (Maometto la chiamò «mia sorella Maria»).

Nei vangeli Gesù risorto vive in Dio ed è presente al mondo in maniera nuova. La Sua condizione di risorto ( che è passato attraverso la morte biologica ed è entrato in una condizione di vivente perfetta e definitiva) appartiene a Gesù e solo a Lui.

Ma la Sua Vita-che-supera-la-morte , partecipata ai suoi credenti, fa sì che il loro passaggio dalla morte biologica sia come un sonno dal quale si risvegliano-ridestano-risorgono per continuare a vivere nella gloria celeste.

Gv 11,25 «Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà;

Il "sonno" cristiano.

Gesù è il vincitore della morte e del peccato e la sua resurrezione è il segno di questa vittoria. Egli , che ha rivestito della Sua gloria immortale il corpo della Madre ( piena di grazia -Lc 1 ) nell'incarnazione , conferma questa gloria nella sua dormizione ( che è chiamato da Gesù nell'episodio della morte di Lazzaro " sonno" ed è il sonno del cristiano non un privilegio di Maria , tant'è che cimitero significa dormitorio segno che la comunione fraterna nella Vita dell'eternovissuta dai cristiani continua in modo misterioso ma reale ) .

Il corpo-anima-spirito di Maria, cioè il suo essere integrale , passato attraverso il sonno della morte ( o dormizione ) si trova definitivamente in Dio -glorificato in Dio- ed insieme è presente al mondo in maniera nuova, quella dei santi cristiani.

Assunzione di Maria in Cielo anima e corpo significa che tutta la sua persona è pienamente redenta in Gesù, radicalmente trasformata dallo Spirito e interamente posta nella gloria-signoria del Padre.

Maria è una persona viva della Vita che supera la morte ( Gv 6,54) e vive glorificata pienamente ; il dogma sottolinea la sua piena glorificazione anche nella dimensione corporale .

" Il suo corpo è stato associato alla gloria piena dell’anima " avendo in sè la pienezza della grazia divina, la pienezza della Vita che supera la morte . Questo linguaggio mutuato dalla filosofia greca non sancisce una dualità corpo/anima bensì mantiene l'unità integrale della persona corpo-anima-spirito in armonia con il linguaggio biblico.

Il cadavere di Gesù è sparito dalla sua tomba ( segno-miracolo) mentre dei santi se ne conservano le reliquie. Non si tratta per noi di sapere dove sta il cadavere di Maria ( a Gerusalemme nel Getsemani si venera la tomba di Maria ma si venera come tomba vuota ) ma di come Ella continua a vivere la pienezza della sua persona -corpo-anima-spirito-, nella gloria celeste.

Non si tratta perciò di trovare il suo corpo-cadavere biologico per credere al dogma ma di contemplare nella fede il suo corpo glorificato da Dio o corpo spirituale come condizione che attende ogni essere umano che passa dalla morte avendo in sè la Vita-che-supera-la-morte.
Maria è da sempre venarata come Madre di Dio ma non come una divinità , bensì come Regina dei santi.

Gesù dona la sua Vita che supera la morte a tutti i credenti, continuamente nella storia: Giovanni evangelista narrando l'episodio della rianimazione di Lazzaro vuole - a partire da quell'evento - comunicare la realtà di Gesù : Io sono la resurrezione e la Vita che supera la morte: chi crede e vive in Me non morirà mai.

La resurrezione che Gesù dona ai credenti non è quella concepita dal giudaismo ( il credente muore, viene deposto nella tomba, discende nello Sheol e attende il giorno della fine del mondo per la resurrezione del cadavere con la sua carne e le sue ossa nel Regno di Dio) : Lazzaro in quanto discepolo amico e fratello di Gesù ha già ricevuto da Lui la Vita-che-supera-la-morte, ed è già ri-sorto.

Chi ha questa Vita in sè, secondo la promessa di Gesù , non vede più la morte. Lazzaro Vive in Gesù ed è già fuori dalla tomba , è già risorto nell'ultimo giorno, quello della morte/resurrezione di Gesù che viene memorializzato nella messa cristiana. Lascitelo andare : non "ricollocatelo" nella tomba ( = Sheol, regno dei morti) scome fa la religione !

Il messaggio di Giovanni è : " sei già risorto, vivi da risorto, altrimenti ritorni alla religione e perdi la Vita che ti ha risorto!" . Gv 6,44Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell'ultimo giorno [ quello della sua morte/resurrezione , giorno memorializzato nella messa, dove si rende presente ed attivo come " pane di Vita-che-supera-la-morte" ].

Gv6,35 «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete,
mai! ...49I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; 50questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia. ... 51Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la Vita del mondo». ... 53Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell'uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la Vita. ... 54Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell'ultimo giorno. 55Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda. 56Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. 57Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me.
1Gv 3,14 Noi sappiamo che siamo passati dalla morte alla Vita, perché amiamo i fratelli. Chi non ama rimane nella morte.

Chi si addormenta nella morte ed ha in sè questa Vita, ri-sorge dal sonno della morte, per continuare a vivere la pienezza della Vita, glorificato in Dio, insieme agli altri santi , in modo nuovo, misterioso ma reale, affrancato dal male e dalla morte per sempre.

Gesù è la primizia, il primo frutto della Vita donata da Dio, Maria e i santi il secondo frutto. Essi sono modelli per tutti i cristiani e lì è fissa la loro speranza teologale.

1 Cor 15,15 1 Vi proclamo poi, fratelli, il Vangelo che vi ho annunciato e che voi avete ricevuto, nel quale restate saldi 2e dal quale siete salvati, se lo mantenete come ve l'ho annunciato. A meno che non abbiate creduto invano! 3A voi infatti ho trasmesso, anzitutto, quello che anch'io ho ricevuto, cioè che Cristo morì per i nostri peccati secondo le Scritture e che 4fu sepolto e che è risorto il terzo giorno secondo le Scritture 5e che apparve a Cefa e quindi ai Dodici. 6In seguito apparve a più di cinquecento fratelli in una sola volta: la maggior parte di essi vive ancora, mentre alcuni sono morti. 7Inoltre apparve a Giacomo, e quindi a tutti gli apostoli. 8Ultimo fra tutti apparve anche a me come a un aborto.

...17ma se Cristo non è risorto, vana è la vostra fede e voi siete ancora nei vostri peccati. 18Perciò anche quelli che sono morti in Cristo sono perduti. 19Se noi abbiamo avuto speranza in Cristo soltanto per questa vita, siamo da commiserare più di tutti gli uomini.

... 35Ma qualcuno dirà: «Come risorgono i morti? Con quale corpo verranno?
36Stolto! Ciò che tu semini non prende vita, se prima non muore. 37Quanto a ciò che semini, non semini il corpo che nascerà, ma un semplice chicco di grano o di altro genere. 38E Dio gli dà un corpo come ha stabilito, e a ciascun seme il proprio corpo.

39Non tutti i corpi sono uguali: altro è quello degli uomini e altro quello degli animali; altro quello degli uccelli e altro quello dei pesci. 40Vi sono corpi celesti e corpi terrestri, ma altro è lo splendore dei corpi celesti, altro quello dei corpi terrestri. 41Altro è lo splendore del sole, altro lo splendore della luna e altro lo splendore delle stelle. Ogni stella infatti differisce da un'altra nello splendore.

42 Così anche la risurrezione dei morti:
- ( il corpo umano) è seminato nella corruzione ( nasce per poi morire e decomporsi )
,
- risorge nell'incorruttibilità( sorge dal sonno della morte come un corpo che non muore mai-come i corpi celesti-un corpo che non si decompone più, che è corpo spirituale )a d'incorruttibilità e questo corpo mortale si vesta d'immortalità
.
54Quando poi questo corpo corruttibile si sarà vestito d'incorruttibilità e questo corpo mortale d'immortalità, si compirà la parola della Scrittura: La morte è stata inghiottita nella vittoria.


Il corpo umano ...
43è seminato nella miseria, risorge nella gloria;
è seminato nella debolezza, risorge nella potenza;
44è seminato corpo animale, risorge corpo spirituale.
49E come eravamo simili all'uomo terreno( Adamo) , così saremo simili all'uomo celeste

( Gesù risorto) .

I corpi "resuscitati", possiedono almeno 4 qualità:
- Incorruttibilità : Maria è in tutto il suo essere libera da ogni corruzione ( come nella sua esistenza terrena) .
- Gloria è lo splendore e la presenza salvifica di Dio nella storia, per cui Maria è invocata come “ vergine     gloriosa e benedetta”;
- Potenza o forza dello Spirito che abilita ad opere taumaturgiche;
- Corpo spirituale, cioè animato dallo Spirito divino e reso docile nella ricezione dei doni di Dio (da qui le     preghiere a  Maria come  piena di grzia e dispensatrice di tutte le grazie divine )

1 Cor 15,57Siano rese grazie a Dio, che ci dà la vittoria per mezzo del Signore nostro Gesù Cristo! 58Perciò, fratelli miei carissimi, rimanete saldi e irremovibili, progredendo sempre più nell'opera del Signore, sapendo che la vostra fatica non è vana nel Signore.

Fernando Armellini- Il dogma e la bibbia

 

" .. Esiste oggi un vasto consenso (anche ecumenico) sul fatto che Maria assunta nella Gloria celeste costituisca un modello di realizzazione dell’esistenza cristiana.

Maria, secondo l’intuizione della pietà popolare e in particolare della tradizione ortodossa, non è un personaggio del passato, ma una presenza attiva e operante all’interno della comunione dei santi.

Superando l’impostazione che fa di Maria un esempio straordinario, del tutto staccato da noi, siamo chiamati a riconoscerne la presenza legata alla sua condizione gloriosa, e a ripercorrere il suo itinerario di fede per attingere da ciò che lei ha vissuto.

Due vie sono possibili: la preghiera personale e la liturgia; questa , celebrando il memoriale del Signore fa memoria anche della vergine Maria attualizzando il mistero della salvezza a cui lei ha partecipato.

La Chiesa, riconoscendo la santità di Maria al di sopra di tutte le creature, ha intuito in lei una “eccedenza di realtà cristiana” che la rende un esempio per tutti i credenti: tipo della chiesa e prima cristiana, modello del discepolo di Cristo, oltre che sua madre.

  • Maria modello del discepolo. Nell’esperienza di Maria troviamo gli elementi tipici del discepolato: la chiamata (cf. l’annunciazione), l’adesione obbediente, il rapporto con la persona di Gesù e il suo riconoscerlo come Signore, l’ascolto della parola del Maestro. L’evangelista Luca presenta Maria nel segno dell’accoglienza della parola, anzi nel segno della disponibilità e fiducia nell’efficacia salvifica insita nella parola.  Maria, dunque, immagine del discepolo che accoglie la parola, la vive, la mette in pratica nel servizio.

  • Maria modello nella fede. Durante la vita pubblica di Gesù “raccolse le parole con le quali il Figlio, esaltando il Regno, al di sopra dei rapporti e dei vincoli della carne e del sangue, proclamò beati quelli che ascoltano e custodiscono la parola di Dio, come essa fedelmente faceva” (Lumen Gentium  n. 58). La fede di Maria, se è adesione totale alla potenza di Dio, sperimenta anche la situazione del non comprendere (ad esempio, dopo aver ritrovato Gesù fanciullo tra i dottori nel tempio). Anche il dialogo con Gesù a Cana è segno forse della difficoltà di Maria a cogliere fino in fondo il mistero di grazia in cui è coinvolta. L’itinerario di fede di Maria si compie ai piedi della croce.

  • Maria modello del servizio. Il termine “serva” con cui Maria risponde all’angelo richiama  il comando  di farsi servi rivolto da Gesù ai suoi discepoli. Un aspetto peculiare di Maria in questo senso è però il farsi serva nel riconoscimento del proprio limite, della propria fragilità e debolezza. E’ grazie alla consapevolezza di questa povertà che può “leggere” nella sua storia il compimento della parola annunciata. ( ***)


(***) Cettina Militello, Maria immagine del discepolo che accoglie e vive la Parola, Rivista Liturgica 75/1988, pp. 69-81



top





Pag.  2
1  2  3  4  

home

DISCLAIMER. Si ricorda - ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62 - che questo sito non ha scopi di lucro, è di sola lettura e non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare" : gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate. Non può essere in alcun modo ritenuto un periodico ai sensi delle leggi vigenti né una "pubblicazione"  strictu sensu. Alcuni testi e immagini sono reperiti dalla rete : preghiamo gli autori di comunicarci eventuali inesattezze nella citazione delle fonti o irregolarità nel loro  uso.Il contenuto del sito è sotto licenza Creative Commons Attribution 2.5 eccetto dove altrimenti dichiarato. Navigando nel sito se ne accetta la   PRIVACY POLICY