Corso di Religione

         


powered by FreeFind





copertina

Islam

Il termine arabo Islam deriva dalla radice slm che rimanda al termine salaam che significa pace . Nel medioriente il termine pace risuona in genere come  pienezza di vita, felicità.

In ambito religioso islam significa completa sottomissione alla volontà di Dio secondo il Corano ed il credente viene definito muslim = sottomesso ( plurale musliman)

.. esiste una sola religione, l 'Islàm e l'uomo non può che essere sottomesso a Dio. Tutta la rivelazione, a partire da Adamo, tende a questo grande, divino disegno. La "gente del Libro"
(qui indica musulmani , ebrei e cristiani) onesta e sincera non può che riconoscerlo. (Commento islamico alla sura del Corano:" Già eravamo sottomessi...”: 28,53.)

Il termine Allah è l'equivalente di Dio, in lingua araba, usato dai Musulmani come anche dai Cristiani arabi.

Il mondo Musulmano

La popolazione musulmana mondiale supera il miliardo di persone.
Il 30% vive nel subcontinente indiano, il 20% nell’Africa subsahariana, il 17% nell’Asia sudorientale, il 18% nel mondo arabo, il 10% nell’ex Unione Sovietica e in Cina.

In Turchia, in Iran e in Afghanistan risiede il 10% dei musulmani non arabi. Sebbene minoranze musulmane siano presenti in quasi tutte le aree geografiche, inclusa l’America Latina e l’Australia, le più numerose risiedono nell’ex Unione Sovietica, in India e nell’Africa Centrale. Vi sono 5 milioni di musulmani negli Stati Uniti. In Italia ve ne sono attualmente oltre un milione.

it

Infografica 2015 corriere.it

Statistiche aggiornate in : Le religioni in Italia
Islam e Occidente : l'attualità 

Breve introduzione all'Islam secondo l'Islam
[ fonte : http://www.corano.it ]

" ..Il Credo islamico (Iman) consiste nel fatto che tu abbia fede in Allah, nei Suoi Angeli, nei Suoi Libri, nei Suoi Apostoli, nella vita futura e che tu creda che il bene e il male provengono da un decreto divino."

Cosa significa Islam ?
" ..Letteralmente significa "sottomissione ad Allàh", la risposta a questa domanda si trova nelle parole del Corano. Infatti nel Corano si trovano gli insegnamenti di Dio. D'ora in avanti chiameremo Dio con il nome coranico di Allàh. Allàh insegna nel Corano: "In verità, la religione presso Allàh è l' Islàm" .

In un altro passo del Corano Allàh ammonisce "E chi preferisce una religione diversa dall' Islàm, non se la vedrà accolta e nella vita futura egli sarà nel numero dei perdenti"

Quindi, poiché Allàh è Verità, solamente l'Islàm , tra le diverse religioni praticate dagli uomini, è la vera religione divina.

Nel Corano Allàh ordina: "Obbedite ad Allàh ed ubbidite all'Apostolo e a coloro che di voi detengono l'autorità islamica." Nel Corano Allàh avverte: "Chi ubbidisce all'Apostolo, obbedisce ad Allàh""C'è per voi nell'Apostolo un modello esemplare."

Con queste parole Allàh sottolinea una importantissima verità: gli insegnamenti, i precetti e gli esempi di vita dell'Apostolo (il Profeta Muhammad - pbsl) hanno valore di regola di condotta .


La parola Sunna significa "pratica di vita" e nella pratica di vita del Profeta ci sono esempi da imitare e modelli di comportamento da mettere in atto, per chi vuole vivere l'Islàm.

L'Islàm è il Codice di vita, che si fonda sul Corano e sulla Sunna del Profeta.

Il nome di chi colui che possiede l'identità islamica è quello di muslim (musulmano).

Musulmano è, quindi, solo ed esclusivamente colui che
- è "sottomesso ad Allàh
,
- ha fede nel credo islamico
- e pratica l'Islàm con un codice di vita che si fonda su cinque regole essenziali : i pilastri dell'Islam .

Commettono un grave errore tutti coloro che legano l'appartenenza all'Islàm a un'area geografica, a una nazionalità, a un passaporto, piuttosto che all'obbedienza ad Allàh, che ha il suo momento interiore nell' Imàn (il credo islamico) e il suo momento comportamentale nell' Islàm ( la pratica di vita che si fonda sul Corano e sulla Sunna). "

I 6 articoli del Credo islamico
I sei articoli enumerati dai musulmani sunniti ( maggioritari nell'Islam ) riguardano i contenuti della fede islamica.

1.Credere in Dio (Allah è il Suo Nome proprio.), l'unico ed il solo meritevole di ogni adorazione (tawhid).
2.Credere a tutti i profeti (nabi) e messaggeri (rusul) inviati da Dio
3.Credere nei libri (kutub) inviati da Dio, le scritture originali rivelate a Mosè, Davide, Ges๠e Maometto ( il Qur'an).
4.Credere negli angeli (mala'ika).
5.Credere nel Giorno del Giudizio (qiyama) e nella risurrezione (la vita dopo la morte nell'Aldilà ).
6.Credere nel Destino (qadar, il Decreto Divino : tutto il bene e il male vengono da Dio).

I 5 Pilastri dell' Islam
I cinque pilastri dell'Islam indicano i cinque obblighi fondamentali di ogni musulmano, uomo o donna, in base alla legge religiosa (Sharia) che il musulmano devoto è tenuto ad osservare, ritenendoli atti essenziali per compiacere Dio (Allah) che li ha ordinati.

Tali obblighi sono:

1.Le due testimonianze di fede (الشهادتين Al Shahadatein)
2.Le preghiere rituali (الصلاة Salah o, in lingua persiana, Namāz)
3.L'elemosina (الزكاة Zakat)
4.Il digiuno durante il mese di Ramadan (الصوم Ṣawm o Siyam)
5.Il pellegrinaggio a La Mecca almeno una volta nella vita per tutti quelli che siano in grado di affrontarlo (الحج Hajj).

Islam e BibbiaSecondo la Bibbia Ebraica il popolo dell'Islam, analogamente a quello di Israele, è frutto di una promessa divina :

Gen 16,1 Sarai, moglie di Abram, non gli aveva dato figli. Avendo però una schiava egiziana chiamata Agar, 2 Sarai disse ad Abram: «Ecco, il Signore mi ha impedito di aver prole; unisciti alla mia schiava: forse da lei potrò avere figli». Abram ascoltò la voce di Sarai. 3 Così, al termine di dieci anni da quando Abram abitava nel paese di Canaan, Sarai, moglie di Abram, prese Agar l'egiziana, sua schiava e la diede in moglie ad Abram, suo marito. 4 Egli si unì ad Agar, che restò incinta.




Gn16, 11 Soggiunse poi l'angelo del Signore:«Ecco, sei incinta: partorirai un figlio e lo chiamerai Ismaele, perché il Signore ha ascoltato la tua afflizione. 12 Egli sarà come un ònagro; la sua mano sarà contro tutti e la mano di tutti contro di lui e abiterà di fronte a tutti i suoi fratelli». 13 Agar chiamò il Signore, che le aveva parlato: «Tu sei il Dio della visione», perché diceva: «Qui dunque sono riuscita ancora a vedere, dopo la mia visione?». 14 Per questo il pozzo si chiamò Pozzo di Lacai-Roi; è appunto quello che si trova tra Kades e Bered. 15 Agar partorì ad Abram un figlio e Abram chiamò Ismaele il figlio che Agar gli aveva partorito. 16 Abram aveva ottantasei anni quando Agar gli partorì Ismaele.

Gen 17,26 In quello stesso giorno furono circoncisi Abramo e Ismaele suo figlio.
( cosଠIsmail entra nella alleanza Abramitica e ne eredita le promesse)
Gen 17,25 Ismaele suo figlio aveva tredici anni quando gli fu circoncisa la carne del membro.

Gen 17,20 Anche riguardo a Ismaele io ti ho esaudito:
ecco, io lo benedico e lo renderò fecondo e molto, molto numeroso: dodici principi egli genererà e di lui farò una grande nazione.

Gn16,10 Le disse ancora l'angelo del Signore: «Moltiplicherò la tua discendenza e non si potrà contarla per la sua moltitudine» . Gn 25,12
Questa è la discendenza di Ismaele, figlio di Abramo, che gli aveva partorito Agar l'Egiziana, schiava di Sara. 13 Questi sono i nomi dei figli d'Ismaele, con il loro elenco in ordine di generazione: il primogenito di Ismaele è Nebaiòt, poi Kedar, Adbeèl, Mibsam, 14 Misma, Duma, Massa, 15 Adad, Tema, Ietur, Nafis e Kedma. 16 Questi sono gli Ismaeliti e questi sono i loro nomi secondo i loro recinti e accampamenti. Sono i dodici prìncipi delle rispettive tribù.

Gn 25,17 La durata della vita di Ismaele fu di centotrentasette anni; poi morì e si riunì ai suoi antenati. 18 Egli abitò da Avìla fino a Sur, che è lungo il confine dell'Egitto in direzione di Assur; egli si era stabilito di fronte a tutti i suoi fratelli.


Dio ha chiamato Abramo -verso il 1850 a. C.- ad una alleanza con Lui per la felicità  della sua discendenza. Nella discendenza di Abramo tre diverse rivelazioni di Dio ( profetiche secondo l'Islam ) hanno dato luogo alla nascita di tre diverse religioni : Ebraismo, Cristianesimo ed Islam.


L'ultima rivelazione in senso cronologico è quella data a Maometto e questo fatto viene interpretato dai Musulmani come il compimento di tutta la rivelazione divina: le prime due rivelazioni sarebbero state manomesse da ebrei e cristiani i quali -quindi- non avrebbero loro corrisposto con la dovuta osservanza.

Secondo la Tradizione  Islamica Mohammed è l'ultimo profeta di Dio (RasulAllah), colui che chiude la rivelazione profetica e il Corano è la rivelazione perfetta che compie quella di Mosè e di Gesù.

Corano sura 5,3- "Oggi vi ho portato a compimento la vostra religione,
ho completato la mia grazia e
ho gradito come vostra religione l'islam."


top



Introduzione - pag. 1


Introduzione    Religione   Mistica   Politica       
Donna
    Diritto   Radicalismo    Attualità    Islam-crist

home

DISCLAIMER. Si ricorda - ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62 - che questo sito non ha scopi di lucro, è di sola lettura e non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare" : gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate. Non può essere in alcun modo ritenuto un periodico ai sensi delle leggi vigenti né una "pubblicazione"  strictu sensu. Alcuni testi e immagini sono reperiti dalla rete : preghiamo gli autori di comunicarci eventuali inesattezze nella citazione delle fonti o irregolarità nel loro  uso.Il contenuto del sito è sotto licenza Creative Commons Attribution 2.5 eccetto dove altrimenti dichiarato.