Piccolo Corso Biblico

Pag.  2
1      2      3     

Vedere il risorto.
La chiesa Impeccabile ?
   


powered by FreeFind








La comunità di Gesù è la Creazione che cammina verso il compimento definitivo. Il primo giorno della settimana
19La sera di quel giorno, il primo della settimana ,19La sera di quel giorno, il primo della settimana ,- era il giorno dopo il sabato. Gesù aveva " sciolto il sabato " , il giorno del riposo di Dio insieme al suo popolo, lo aveva abolito dalla sua vita perchè ancora doveva operare per portare a compimento la creazione, l'Uomo.

Gv 5,18 Per questo i Giudei cercavano ancor più di ucciderlo, perché non soltanto violava il sabato, ( lett. scioglieva, aboliva ) ma chiamava Dio suo Padre, facendosi uguale a Dio.

Gv 9,16 Allora alcuni dei farisei dicevano: «Quest'uomo non viene da Dio, perché non osserva il sabato».

Gesù morendo/risorgendo ha portato a termine la creazione divina : l'Uomo definitivo .

Gv 19,30 Dopo aver preso l'aceto,
Gesù disse:
«È compiuto!».

Terminava il 6° giorno , l' "ultimo giorno" della creazione . Finiva un eone. Cronologicamente, il 7° giorno che iniziava era il sabato della pasqua ebraica . Il 7° giorno è il giorno in cui Dio ( cf.: Genesi ) terminata la creazione, entra nel suo " riposo" insieme al suo popolo .

Il primo giorno della settimana ebraica è l'8° giorno , nel Nuovo Eone è il Giorno del Signore , Dies Domini, la Domenica.

Inizia un nuovo eone in cui Gesù ( che è entrato definitivamente -con la resurrezione- nel riposo di Dio ) "viene" continuamente nella creazione-storia per salvare coloro che credono in Lui , dando loro la Sua Vita che supera la morte  e introducendoli nella sua comunità della carità per le beatitudini per  portarli  a compimento come Uomini definitivi .

E, chinato il capo, consegnò lo Spirito.

Tutti gli uomini , posti di fronte alla parola-promessa di Gesù, il dono del suo Spirito al mondo per compiere ogni uomo come Uomo definitivo , si autogiudicano separandosi fra coloro che lo accolgono e coloro che lo rifiutano.

Attraverso questo  giudizio universale Gesù costituisce il popolo di Dio che entra nel Suo Riposo, la comunità degli Uomini definitivi, ricapitolazione e compimento della creazione, il Regno di Dio definitivo.



Il primo giorno della settimana, l' 8° giorno , la domenica ( era il sabato dell'era di Israele , il 7° del libro del Genesi ) è il Riposo di Dio con il suo popolo, coloro che hanno creduto alla parola data da Gesù , hanno accolto il suo Spirito e sono in cammino nella creazione/storia verso la piena maturazione del loro essere nella comunità della carità per le beatitudini .




mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». 20Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore.I discepoli sono ancora terrorizzati dagli ultimi avvenimenti culminati con la crocifissione di Gesù. Rieccheggiano di nuovo le parole del profeta :

Is 20 Va', popolo mio, entra nelle tue stanze e chiudi la porta dietro di te. Nasconditi per un momento, finché non sia passato lo sdegno.


Gesù si era accomiatato dicendo : Gv 14, 27Vi lascio la pace [è il commiato degli ebrei ] , vi do la mia pace. Non come la dà il mondo , io la do a voi [ io non mi accommiato come si accomiatano tutti : ]. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore. 28Avete udito che vi ho detto: «Vado e tornerò da voi».

venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!»- Gesù è uscito da questo mondo ma viene continuamente per i suoi come aveva promesso in più occasioni :

Gv 14,18Non vi lascerò orfani: verrò da voi. 19Ancora un poco e il mondo non mi vedrà più; voi invece mi vedrete, perché io vivo e voi vivrete [
io ho Vita anche voi l'avrete ] . 20In quel giorno voi saprete che io sono nel Padre mio e voi in me e io in voi.  

Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco - Sono i segni della sua vittoria sulla morte : le ferite mortali alle mani ( tetano) e la ferita al costato sono il colpo della morte e la sua realtà verificata:

Gv 14, 28Avete udito che vi ho detto: «Vado e tornerò da voi». Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado al Padre, perché il Padre è più grande di me. 29Ve l'ho detto ora, prima che avvenga, perché, quando avverrà, voi crediate. 30Non parlerò più a lungo con voi, perché viene il principe del mondo [ la morte ] ; contro di me non può nulla, 31ma bisogna che il mondo sappia che io amo il Padre, e come il Padre mi ha comandato, così io agisco.

La presenza di Gesù in mezzo ai suoi è segno della sua vittoria sulla morte, il principe di questo mondo :

Gv 16,20In verità, in verità io vi dico: voi piangerete e gemerete, ma il mondo si rallegrerà. Voi sarete nella tristezza, ma la vostra tristezza si cambierà in gioia.
E i discepoli gioirono al vedere il Signore.- E' vedere il Signore che riporta la pace e la gioia nella comunità.

Gv 16,33 abbiate pace in me. Nel mondo avete tribolazioni, ma abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!».

21Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». 22Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi».

Richiamo a:

Gv 17,11.. Padre santo, custodiscili nel tuo nome, quello che mi hai dato, perché siano una sola cosa, come noi. 12Quand'ero con loro, io li custodivo nel tuo nome, quello che mi hai dato, e li ho conservati, e nessuno di loro è andato perduto, tranne il figlio della perdizione, perché si compisse la Scrittura. 13Ma ora io vengo a te e dico questo mentre sono nel mondo, perché abbiano in se stessi la pienezza della mia gioia. 14Io ho dato loro la tua parola e il mondo li ha odiati, perché essi non sono del mondo, come io non sono del mondo. 15Non prego che tu li tolga dal mondo, ma che tu li custodisca dal Maligno. 16Essi non sono del mondo, come io non sono del mondo. 17Consacrali nella verità. La tua parola è verità. 18Come tu hai mandato me nel mondo, anche io ho mandato loro nel mondo; 19per loro io consacro me stesso, perché siano anch'essi consacrati nella verità.

Il saluto di pace di Gesù accompagnerà i discepoli/comunità lungo la storia : è la promessa che Gesù verrà continuamente in mezzo a loro , per la missione .

Dopo aver concluso l'alleanza sponsale ( fidanzamento) con Maria/Comunità, ora Gesù viene tra i suoi per inviarli nella storia per la missione.

Gv 15, 16Non voi avete scelto me,
ma
io ho scelto voi e vi ho costituiti
perché andiate e portiate frutto [ l'Uomo ] e il vostro frutto rimanga
;
perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. .


La missione della chiesa è la stessa di Gesù ( come ha mandato me...io mando voi ) .

La comunità di Gesù è inviata nella creazione-storia per compiere le opere del Padre in comunione di Spirito con Lui, come Gesù : compiere la creazione nell' Uomo conducendolo a perfezione definitiva.


Questa perfezione non può che essere una partecipazione a quella del Padre : la perfezione dell'amore cioè la Carità.

Mt 5,48 Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste.
Lc 6,36 Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso.

//Gv 15,17Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri
Gc 1,4 E la pazienza completi l'opera sua in voi, perché siate perfetti e integri, senza mancare di nulla.

La Nuova creazione : l'Uomo
Gv 20,22 Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo.
- // Gn2,7Allora il Signore Dio plasmò l'uomo con polvere del suolo e
soffiò nelle sue narici un alito di vita e l'uomo divenne un essere vivente.
Ap 11,11 Ma dopo tre giorni e mezzo un soffio di vita che veniva da Dio entrò in essi e si alzarono in piedi, con grande terrore di quelli che stavano a guardarli.

L'evangelista colloca qui l'inizio della Nuova Creazione, l'Uomo. Gesù infonde nei discepoli la sua Vita che compie l'Uomo e supera la morte .

Gv 3,6Quello che è nato dalla carne è carne, e quello che è nato dallo Spirito è spirito.


I figli dello Spirito sono uomini-Spirito, Uomini, figli di Dio . l'Uomo che ha ricevuto lo Spirito , il figlio di Dio, assomiglia al Padre :

Gv 13,34 Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri.   

Il Nuovo Uomo Vivente è mosso interiormente dallo Spirito di Dio che è l'amore divino, la Carità. Questa è la sua Nuova Legge Naturale .

Gv13,34Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri.

La comunità è inviata da Gesù a testimoniare la Carità , la Vita/Spirito del Padre che forma l'Uomo e superando la morte nella resurrezione, lo rende definitivo.

L'agnello vittorioso toglie il peccato del mondo
23A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati». [ coloro cui cancellerete i peccati saranno liberi; coloro cui non li cancellerete ne rimarranno schiavi ]
E' esattamente ciò che ha fatto Gesù .

Lc 5,20 Vedendo la loro fede, disse: «uomo, ti sono perdonati i tuoi peccati».
Lc 7,48 Poi disse a lei:
«I tuoi peccati sono perdonati».

1Gv 2,1 Figlioli miei, vi scrivo queste cose perché non pecchiate; ma se qualcuno ha peccato, abbiamo un Paràclito presso il Padre: Gesù Cristo, il giusto. 1Gv 2,2 È lui la vittima di espiazione per i nostri peccati; non soltanto per i nostri, ma anche per quelli di tutto il mondo. 

Gv 9, 41Gesù rispose loro: «Se foste ciechi, non avreste alcun peccato; ma siccome dite: «Noi vediamo», il vostro peccato rimane»
Gv3,36Chi crede nel Figlio ha la vita eterna; chi non obbedisce al Figlio non vedrà la vita, ma l'ira di Dio rimane su di lui.

La comunità di Gesù riceve la missione di liberare l'uomo dal peccato ( che è il sistema-mondo, l'oppressione dell'uomo, la sua crocifissione ) per introdurlo nella Nuova dimensione di Vita con Dio, la comunione di Spirito nella comunità della carità per le beatitudini , per il compimento della creazione.

Gv8,34 «In verità, in verità io vi dico: chiunque commette il peccato è schiavo del peccato. 35Ora, lo schiavo non resta per sempre nella casa; il figlio vi resta per sempre. 36Se dunque il Figlio vi farà liberi, sarete liberi davvero. 
[dal peccato/morte ]

Il segno efficace ( il mistero o sacramento) della liberazione dell'uomo dal sistema del peccato è la cancellazione dei peccati per mezzo dell' infusione dello Spirito che abilita alla Vita nella Carità e compie l'Uomo, cioè il battesimo cristiano :

At 22,14 «Il Dio dei nostri padri ti ha predestinato a conoscere la sua volontà, a vedere il Giusto e ad ascoltare una parola dalla sua stessa bocca, 15perché gli sarai testimone davanti a tutti gli uomini delle cose che hai visto e udito. 16E ora, perché aspetti? Àlzati, fatti battezzare e purificare dai tuoi peccati, invocando il suo nome».

La comunità cristiana ha la missione di annunciare/testimoniare l'Uomo a tutti coloro che sono schiavi del sistema del mondo/peccato e di accogliere tutti coloro che danno fede all'offerta di Gesù, la comunione di Spirito con Dio per la loro liberazione dal sistema del mondo e il compimento del loro essere nella felicità , l' Uomo.

Quando il credente entra nella comunione di Spirito e agisce a favore dell'uomo , per le beatitudini, con la Carità , il peccato cessa di dominarlo , è libero di diventare Uomo.

L'impeccabilità dei figli di Dio
1Gv 3,14 Noi sappiamo che siamo passati dalla morte/peccato alla Vita [ che supera la morte ] , perché amiamo i fratelli. Chi non ama rimane nella morte.
1Gv 3, 5Voi sapete che egli si manifestò per togliere i peccati e che in lui non vi è peccato. Chiunque rimane in Lui non pecca;
1Gv 3,9
Chiunque è stato generato da Dio non pratica il peccato  [ ἁμαρτίαν οὐ ποιεῖ ], perché un seme di Vita divina  [ lett. sperma , lo Spirito ] rimane in lui, e non può peccare perché è stato generato da Dio.
1Gv 5,18 Sappiamo che chiunque è stato generato da Dio non continua a peccare : chi è stato generato da Dio protegge se stesso e
il male non lo tocca

La comunione di Spirito/Vita con il Padre e con Gesù preserva la comunità dal peccato, dal sistema-mondo che opprime l'uomo .

1Gv 1,7 se camminiamo nella luce, come Egli è nella luce, siamo in comunione gli uni con gli altri, e il sangue di Gesù, il Figlio suo, ci purifica da ogni peccato

L'impeccabilità della comunità di Gesù corrispode al camminare nella Luce cioè in comunione di Spirito/intenti con il Padre , con Gesù e con i fratelli nella quotidianità della storia.

La religione tende a moltiplicare i gesti sacri per soddisfare il bisogno dell'uomo di sentirsi protetto da Dio nei confronti del peccato ma non produce nessuna protezione: è l'azione della Carità dei discepoli a favore dell'uomo che li preserva dal peccato.

1Gv 1,8 Se diciamo di essere senza peccato, inganniamo noi stessi e la verità non è in noi. 9 Se confessiamo i nostri peccati, egli è fedele e giusto tanto da perdonarci i peccati e // purificarci da ogni iniquità.
Gc 5,16 Confessate perciò i vostri peccati gli uni agli altri e pregate gli uni per gli altri per essere guariti.

La comunità è chiamata ad imputare "il peccato" a tutti coloro che scelgono il sistema mondo
:

1Gv3,5 chiunque pecca non l'ha visto né l'ha conosciuto.
Lc 7,30 i farisei e i dottori della Legge, non facendosi battezzare da lui, hanno reso vano il disegno di Dio su di loro.
Gv 9, 41 «Se foste ciechi, non avreste alcun peccato [ ed Io vi farei vedere l'Uomo ] ; ma siccome dite: «Noi vediamo», il vostro peccato rimane»



top





Pag.  2
1      2      3     

home

DISCLAIMER. Si ricorda - ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62 - che questo sito non ha scopi di lucro, è di sola lettura e non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare" : gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate. Non può essere in alcun modo ritenuto un periodico ai sensi delle leggi vigenti né una "pubblicazione"  strictu sensu. Alcuni testi e immagini sono reperiti dalla rete : preghiamo gli autori di comunicarci eventuali inesattezze nella citazione delle fonti o irregolarità nel loro  uso.Il contenuto del sito è sotto licenza Creative Commons Attribution 2.5 eccetto dove altrimenti dichiarato. Navigando nel sito se ne accetta la   PRIVACY POLICY