Corso di Religione

         


powered by FreeFind



Il diritto e la giustizia nell'antichità
Il codice di Hammurabi (dal nome di un sovrano babilonese dei 1500 a.C. circa) .

Io, Hommurabi, sono principe
- per far sì che la giustizia prevalga sulla terra,
- per distruggere i malvagi e il male,
- per impedire al forte di opprimere il debole...
- per illuminare il paese
- e favorire il benessere del popolo...

L'oppresso, che abbia qualche causa, venga dinanzi a me, re del diritto; legga la mia tavola scritta, ascolti le mie parole e la mia tavola gli spieghi la causa e il suo cuore gioisca.

... Se qualcuno pratica un foro in una casa, in cospetto del foro lo si ucciderà.
Se qualcuno commette una rapina ed è preso, costui sarà ucciso.
Se un figlio percuote suo padre, gli si taglieranno le mani.
Se qualcuno cava un occhio al figlio di un ricco, si caverò il suo occhio.
Se qualcuno spezzaun osso di un altro, si spezzerà il suo osso.
Se qualcuno cava l'occhio di un plebeo o spezza l'osso di un plebeo, pagherà una mina d'argento.
Se cava l'occhio dello schiavo di qualcuno o spezza l'osso dello schiavo di qualcuno, pagherà la metà dei suo prezzo.
Se qualcuno fa cadere il dente di qualcuno suo uguale, si farò cadere il suo dente.

E' la legge del taglione : occhio per occhio, dente per dente, osso per osso, figlio per figlio, vita per vita... etc.

E' la legge del taglione che costituiva nell'antichità un progresso verso la giustizia così come la conosciamo oggi in occidente rispetto al dominio della violenza , della legge del più forte.

" Se forò cadere il dente di un plebeo, pagherà un terzo di mino d'argento.
Se qualcuno ha dato ad un giardiniere un campo perché sia trasformato ad orto e il giardiniere vi pianta l'orto e lo coltiva con amore per quattro anni, al quinto l'orto verrà diviso in parti uguali tra il padrone e il giardiniere, ma il proprietario avrò diritto di scegliere la parte che preferisce.
Se un medico cura per una piaga un uomo libero e il paziente muore, al medico saranno tagliate le mani.
Se un ufficiale o un soldato, avendo ricevuto l'ordine di partire, vi si rifiuterà sarà passibile di morte e chi ha preso il suo posto nell'esercito avrà il diritto di sostituirlo nella sua Casa.
Se qualcuno è pigro nel tenere in buon ordine la propria diga e non la tiene in ordine e perciò si crea uno fenditura nello suo diga e le compagne dei villaggio sono coperte di aqua, colui nella cui diga si è prodotto l'apertura dovrò risarcire il frumento che ha fatto perdere.
Se un architetto costruisce per qualcuno una cosa e non la fa solidamente e perciò la costruzione crollo e colpisce o morte il proprietario, quell'architetto dovrà essere ucciso.
Se invece resta vittima dell'infortunio il figlio del padrone, verrà giustiziato il figlio dell'architetto.
Se è andato perduto solamente il mobilio, l'architetto dovrò rifare la cosa e il mobilio..
.
etc.

La Legge di Mosè attestata nella bibbia ebraica specifica i principali contenuti sociali della legge di Israele che si trovano sparsi qua e là nei diversi libri della Bibbia. Con Mosè le istruzioni divine dell'alleanza funzionano anche come Leggi Civili, che formano, orientano e costruiscono una civiltà teocratica.

1. la ( vita della ) persona di ognuno deve essere garantita (Es 20, 13; Dt 5, 17; Es 21, 1621. 26-31; lv 19, 14; Dt 24, 7. 27, 18). 

2. Ognuno deve essere garantito contro la calunnia e la falsa testimonianza (Es 20, 16; Dt 5, 20; Es 23, 1-3; lv 19, 16; Dt 19, 15-21). 

3. Nessuno deve approffittarsi della donna avvalendosi dei suo stato subordinato nella società (Es 21, 7-11. 20. 26-32; 22, 36-17; Dt 21, 10-14; 22, 1 3-30; 24, 1-5). 

4. la punizione per la trasgressione non deve essere eccessiva fino al punto di essere disumana per il colpevole (Dt 25, 1 -S) .

5.  Si deve onorare e salvaguardare la dignità di ogni lsraelita e il suo diritto di essere libero e servo di Dio (Es 21, 2. 5-6; Iv 25; Dt 15, 12-18).

6. L'eredità di ogni lsraelita nella terra promessa deve essere garantita (Iv 25; Nrn 25, 5-7; 36, 1-9; Dt 25, 5-10). 

7. la proprietà di ognuno deve essere garantita (Es 20, 15; Dt 5, 19; Es 21, 3336; 22, 1-15; 23, 4-5; Iv 19, 35-36; Dt 22, 1-4; 25, 13-15).

8. Ognuno deve ricevere il frutto dei proprio lavoro (lv 19, 13; Dt 24, 14; 25, 4). 

9. Ognuno deve avere parte dei frutti della terra (Es 23, 1 0-1 1; Iv 19, 9-1 0; 23, 22; 25, 3-55; Dt 14, 28-29; 24, 19-2 1). 

10. Ognuno, dal più umile servo e dallo straniero residente, deve partecipare al "riposo " settimanale per entrare nel Sabato di Dio (Es 20, 8-1 1; Dt 5, 12-15; Es 23, 12). 

11. Non si deve violare il vincolo matrimoniale(Es 20, 14; Dt 5, 18; vedi anche Lv 18, 6-23; 20, 10-2 1; Dt 22, 13-30). 

12. Nessuno, per quanto inabile, povero o senza potere, deve essere oppresso e sfruttato (Es 22, 21-27; Iv 19, 14. 33-34; 25, 35-36; Dt 23, 19; 24, 6. 12-15. 17; 27, 18). 

13. Ognuno deve avere libero accesso ai tribunali e deve essergli permesso un processo equo (Es 23, 6. 8; Iv 19, 15; Dt 1, 17; 10, 17-18; 16, 18-20; 17, 8-13; 21, 15-21; 27, 16). 

14. Deve essere onorato il posto dato da Dio a ogni persona nell'ordine sociale (Es 20, 12; Dt 5, 16; Es 21, 15. 17; 22, 28; Iv 19, 3. 32; 20, 9; Dt 17, 8-13; 21, 1521; 27, 16). 

15. Nessuno deve essere al di sopra della legge, nemmeno il re (Dt 17, 18-20). 

16. la preoccupazione per il bene altrui deve essere estesa al mondo animale (Es 23, 5. 1 1; Iv 25, 7; Dt 22, 4. 6-7; 25, 4)

etc.

Il valori cristiani L'avvento di Gesù e del cristianesimo è la proclamazione del messaggio di felicità e di speranza per la venuta del Regno di Dio tra gli uomini. L'evangelista Matteo parla di Regno dei Cieli.

L'immagine del Regno appartiene al periodo della monarchia di Israele. Attraverso tale forma politica si esprimeva la sovranità di YHWH, considerato il vero Re. Dopo il fallimento della monarchia, si attendeva che Dio si manifestasse per restaurare il Regno di Davide.

La venuta del Re-Messia avrebbe significato la prosperità del popolo, la sollecitudine di Dio verso gli umili, i deboli, i poveri.

Gesù annuncia di essere il realizzatore del Regno, un regno non di natura politica, ma fondato sull'amore/carità.

L' uomo fonda la propria felicità sul benessere, sulla potenza economica, sulla forza di imporre il proprio volere oppure sulla capacità di sapersi accontentare. La logica che Gesù esprime va in tutt'altra direzione. Gesù è dalla parte degli ultimi ed è a costoro che annuncia una felicità, un avvenire di speranza.

La signoria di Dio sull'uomo si manifesta in Gesù come un interesse e una azione per la felicità dell' umanità intera.

Il Regno di Dio in terra è la comunità messianica di Gesù , la sua chiesa che è nel mondo come un lievito che fermenta il mondo stesso.

Dove si radica e si manifesta il cristianesimo la vita umana migliora per tutti.


Mt5,38 Avete inteso che fu detto: Occhio per occhio e dente per dente;
39 ma io vi dico di
non opporvi al malvagio; anzi se uno ti percuote la guancia destra, tu porgigli anche l'altra; 40 e a chi ti vuol chiamare in giudizio per toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. 41 E se uno ti costringerà a fare un miglio, tu fanne con lui due. 42 Da' a chi ti domanda e a chi desidera da te un prestito non volgere le spalle.

Si può esprimere in valori la Vita che Gesù dona ai credenti?

I valori del cristianesimo non sono immediatamente deducibili una volta per tutte dalle scritture cristiane , non esiste un elenco esaustivo dei valori cristiani : la Vita di Gesù è Spirito che muove i cristiani alla carità per trasformare l'uomo credente in Uomo compiuto e definitivo .

Sono i cristiani che , nella storia, guidati da questo Spirito declinano i valori che man mano sgorgano dalla sua ispirazione, non senza riferimenti alle situazioni contingenti che essi incontrano.

Alcuni di questi valori sono assoluti, si devono realizzare prima degli altri perchè costituiscono la base , il fondamento dell'individuo come " essere umano".

Sono i principi non negoziabili della vita, della famiglia fondata sul matrimonio tra uomo e donna, e della libertà di autoeducazione.


La comunità cristiana realizza valori nella storia insieme agli altri uomini, secondo il luogo e le condizioni storiche.

Non esiste però un' etica cristiana , che non mai possibile scrivere a priori una volta per tutte e che perciò non è mai definitivamente traducibile in precetti morali e tantomeno in leggi civili.


La Vita dei cristiani però si fonda sui tre principi irrinunciabili che cioè con certezza assoluta stanno nella "mozione" dello Spirito/Vita di Gesù ( e per questo sono assoluti, non disponibili , non negoziabili ) :
- il valore assoluto
( o principio) della vita ( l'uomo vivente )
- il valore assoluto
( o principio) della famiglia come fondamento della società
- il valore assoluto
( o principio) della libertà di autoeducazione.

Ogni altro valore ( sempre negoziabile) viene realizzato dai cristiani in modo che non contrasti in nessun modo con questi tre principi.

top




Pag.  2
  1     2     3     4     5     6     7     8     9     10     11     12

home

DISCLAIMER. Si ricorda - ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62 - che questo sito non ha scopi di lucro, è di sola lettura e non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare" : gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate. Non può essere in alcun modo ritenuto un periodico ai sensi delle leggi vigenti né una "pubblicazione"  strictu sensu. Alcuni testi e immagini sono reperiti dalla rete : preghiamo gli autori di comunicarci eventuali inesattezze nella citazione delle fonti o irregolarità nel loro  uso.Il contenuto del sito è sotto licenza Creative Commons Attribution 2.5 eccetto dove altrimenti dichiarato.